Tari e Tasi: ecco i codici tributo

Redazione Commenta per primo
Ci sono ancora molti nodi da sciogliere intorno alla Iuc, nella sua triplice ripartizione (Tasi, Tari e Imu) ma possiamo dire che i codici tributo sono già pronti
Con tre risoluzioni (la n.45/E, la n.46/E, la n.47/E), tutte del 24.04.2014, l’Agenzia delle entrate ha infatti individuato gli specifici codici tributo per il versamento, mediante modello F24 e F24EP, della Tasi e della Tari.La Iuc – La nuova Imposta Municipale Unica è stata introdotta con la Legge di stabilità 2014, e include la vecchia Imu, per la quale è prevista l’esclusione per le abitazioni principali, la Tari, ovvero la Tassa sui rifiuti e la Tasi, ovvero la tassa sui servizi indivisibili.

In alcuni Comuni è altresì possibile applicare, in luogo della Tari, una tariffa avente natura corrispettiva, a condizione che siano stati realizzati sistemi di misurazione puntuale delle quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico.

Tre sono quindi i nuovi tributi per i quali si rendeva necessaria la creazione di appositi codici tributi per il versamento mediante modello F24, e l’Agenzia delle entrate ha quindi risolto il problema con le tre risoluzioni in oggetto.

A dire il vero la Tari non rappresenta una tassa del tutto nuova, in quanto può essere considerata la legittima erede della Tares.

Per tale motivo l’Agenzia delle entrate ha quindi creato nuovi codici tributo per la Tasi, mentre, per la Tari ha rinominato i codici assegnati l’anno scorso alla Tares per mezzo delle risoluzioni n.37 e n.42 del 2013.

È stato inoltre necessario distinguere i codici tributo con riferimento ai modello F24 (utilizzabili dalla generalità dei contribuenti) e dei modello F24EP (specificatamente riservati agli enti pubblici): pertanto, mentre la risoluzione n.45 e n.46 si occupano dei codici tributo relativi al modello F24, la risoluzione n.47 è espressamente dedicata ai modelli F24EP.

I nuovi codici tributo per la Tasi – I codici tributo riservati alla Tasi, nel caso di pagamento mediante modello F24, sono:
“3958” – Tasi, abitazione principale e relative pertinenze
“3959” – Tasi, fabbricati rurali ad uso strumentale
“3960” – Tasi, aree fabbricabili
“3961” – Tasi, altri fabbricati
“3962” – Tasi, interessi
“3963” – Tasi, sanzioni

Nel caso in cui, invece il versamento debba essere effettuato mediante modello F24 EP i codici tributo sono i seguenti:
“374E” – Tasi, fabbricati rurali ad uso strumentale
“375E” – Tasi, aree fabbricabili
“376E” – Tasi, altri fabbricati
“377E” – Tasi, interessi
“378E” – Tasi, sanzioni.

Tutti i codici appena richiamati possono essere utilizzati anche per le somme dovute a seguito dell’attività di controllo.
Quelli relativi a interessi e sanzioni, invece, vanno utilizzati soltanto per le somme dovute a seguito dell’attività di controllo; è bene infatti ricordare come, in caso di ravvedimento, sanzioni e interessi devono essere versati unitamente all’imposta.

I codici tributo per la Tari – Come abbiamo detto, con riferimento alla Tari i codici tributo non sono del tutto nuovi, ma sono stati rinominati.

Per coloro che effettuano il versamento della Tari mediante modello F24 il codice tributo di riferimento sarà “3944”, denominato “ TARI – tassa sui rifiuti – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 – TARES –art. 14 DL n.201/2011 ”, mentre i codici tributo 3945 e 3946 saranno dedicati, rispettivamente ad interessi e sanzioni.

Sempre mediante modello F24 sarà possibile versare la tariffa mediante il codice tributo “3950” denominato “TARIFFA – art. 1, c. 668, L. n. 147/2013- art. 14, c. 29 DL n. 201/2011 ” , mentre i codici tributo per interessi e sanzioni sono il 3951 e il 3952.

Per coloro che effettuano i versamenti mediante modello F24EP il codice tributo “365E” è dedicato alla Tari (e Tares), il “366E” agli interessi e “367E” alle sanzioni.
Sono invece dedicati alla tariffa i codici tributo “368E”, “369E” (per gli interessi) e “370E” per le sanzioni.

Anche I codici per la Tari (nonché quelli per l’eventuale tariffa) possono essere utilizzati per versare anchei tributi dovuti a seguito dell’attività di controllo.

Fonte: Agenzia delle Entrate

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale