Trading forex: cosa significa operare con un intermediario regolamentato?

Redazione Commenta per primo

L’intermediario finanziario è il tramite tra il trader e i mercati. Si tratta di un ruolo essenziale e l’investitore, prima di iniziare a speculare sulle valute, dovrà scegliere la società di negoziazione presso la quale depositare il suo capitale da destinare al trading. La scelta dell’intermediario non può assolutamente essere sottovalutata, poiché da essa dipende praticamente tutta la carriera dell’operatore. Di seguito, voglio consigliarti come riconoscere i broker forex regolamentati. E’ fondamentale che tu sappia che operare con una società autorizzata significhi evitare truffe e usufruire di servizi efficienti, sui quali poter costruire i tuoi piani strategici, essenziali per arrivare ai profitti sperati.

CySEC e CONSOB: chi sono?

Il mercato forex, di per sé, non è regolamentato. La grande crescita del settore degli investimenti ha portato alcuni Paesi a prendere provvedimenti e a creare una serie di norme che andassero a tutelare gli investitori nelle loro operazioni. E’ questo il caso dell’Europa, così come il Giappone, l’Australia, gli Stati Uniti e alcune altre nazioni nel mondo.

Nello specifico, la normativa europea è raccolta nella cosiddetta direttiva MiFID, che ha uniformato i mercati dell’UE, promuovendo investimenti corretti e trasparenti. I broker con sede legale in Europa possono operare in tutti gli stati dell’Unione, autorizzati da un ente del proprio Paese di origine e contemporaneamente anche da un’istituzione dello stato nel quale offrono i propri servizi.

La maggior parte degli intermediari regolamentati posseggono una licenza CySEC, rilasciata da questo organo che è l’ente di vigilanza di Cipro. Molti broker scelgono Cipro come sede legale per il sistema di tassazione alle imprese che è più conveniente che in altri luoghi. Una società con licenza CySEC può operare in Italia se autorizzata da CONSOB (Commissione Nazionale per la Società e la Borsa). Sia CySEC che CONSOB hanno la facoltà di rilasciare licenze, vigilare sulle attività dei broker, rilevare eventuali irregolarità e applicare sanzioni amministrative e/o giuridiche.

Intermediari forex: le regolamentazioni influiscono sui servizi?

E’ chiaro che un servizio sicuro sia, a priori, qualitativamente superiore rispetto ad un servizio non garantito. Voglio aiutarti a focalizzare alcuni punti chiave che contraddistinguono il lavoro di un broker autorizzato:

  • Conti segregati: detti anche conti nominativi, prevedono la gestione dei depositi dei clienti in modo separato dal conto societario, garantendo al trader il totale rimborso dei suoi soldi, nel caso in cui la società venisse meno agli obblighi contrattuali.
  • Modalità di esecuzione ordine No Dealing Desk (NDD): essenzialmente, i broker certificati guadagnano applicando ad ogni transazione una piccola commissione, a differenza degli intermediari Dealing Desk che traggono profitto dalle perdite dei propri clienti.

Premesso questo, gli altri servizi offerti dalle società autorizzate si differenziano tra loro per alcuni dettagli: posta la sicurezza di un broker, il passo successivo potrai compierlo in base alle tue esigenze.

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale