Tsipras, una nullità

Giancarlo Marcotti 15 Commenti

UNA NULLITA’, semplicemente una nullità, lo avevo già detto, ma lo ribadisco: Tsipras è una nullità. Non è un politico, non è un capopopolo, non ha il benché minimo carisma, insomma non può che creare danni al popolo greco.

D’altronde da uno che parte dalla Grecia per andare a distruggere Genova durante il G8 del 2001 che ci si può aspettare? La testa è quella, e più di quello non esce.

Da quella mente non è mai uscita un’idea, non ha mai espresso un concetto, la sola cosa che ha saputo fare è andare a piangere da quei mentecatti di Bruxelles ed a mettersi in ginocchio davanti ad un’altra incapace come la Merkel.

Ogni volta è andato a implorare la Germania e l’Unione europea per avere dell’elemosina, per avere ancora quattro palanche per pagare le pensioni, lamentandosi per le umiliazioni ricevute.

Caro Tsipras se ti presenti col cappello in mano sarai sempre trattato da pezzente, non lo hai ancora capito questo concetto? Nemmeno questo ti entra in testa?

Ha cercato il bluff con il referendum, ed ora ha paura che se l’Europa davvero chiude i rubinetti (ed avrebbe dovuto farlo ancora tanti anni fa), i suoi pensionati, anziché osannarlo, lo vanno ad appendere a testa in giù.

Per cui adesso si mette in ginocchio davanti a quella marmaglia che staziona a Bruxelles, i vari Juncker, Dijsselbloem, Schultz ed li implora di dargli altri 29 miliardi.

Ed andrà a finire che Draghi, dopo aver avuto l’ok da Schauble, aprirà ancora il portafoglio, e gli italiani, beceri, plaudiranno, perché non arrivano nemmeno a capire che il portafoglio di Draghi … E’ IL NOSTRO PORTAFOGLIO!!!

Idioti anche quegli italiani che plaudiranno al nuovo accordo, senza capire che se i greci sono in ginocchio, noi ci dobbiamo chinare (e non solo metaforicamente).

Si raggiungerà un bellissimo accordo: il popolo greco subirà l’ennesima umiliazione, ed a pagare il conto saremo ancora noi! Fantastico!

E le Borse festeggiano!!!

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • LuKe

    “Tsipras è una nullità” , “un’altra incapace come la Merkel”. Tsipras agisce d’orgoglio e sbaglia, la Merkel tutto mi sembra fuorche’ un’incapace: fa solo gli interessi del suo popolo.
    Mi domando come i governi europei non abbiano ancora contattato lei per una consulenza sulla crisi corrente, illustre genio…?
    Cordialmente

    • Mario Botta

      invece io mi domando dove sia riposto il suo genio se la presunzione le occupa tutta la parte di cervello che dovrebbe essere occupata dal primo.
      Ci manca completamente la sua controanalisi per poterle dare ragione e applaudirla allo stesso modo del suo degno compare v. primo post.

      • LuKe

        mah mi sa che questa non l’ha capita nemmeno lei che l’ha scritta. Ad ogni modo e’ il modo di comunicare che secondo me non va, non tanto il contenuto che reputo interessante e che mi ha spinto a leggere l’articolo, quanto infarcire di insulti, sia lei che l’autore, chiunque: tsipras nullità, merkel incapace, marmaglia a Bruxelles, italiani “beceri” e “idioti”, che vanifica o indebolisce tutto il resto. Un’analisi meno aggressiva secondo me sarebbe meglio. Poi veda lei o l’autore dell’articolo, se le piace così, diventerà il nuovo Barnard.

        Cordialmente

        • Mario Botta

          Di analisi perbenista alla Mieli o alla Concita tipo radical chic ne sono pieni i giornali del gruppo ESPRESSO o RCS esattamente i Barnard del vuoto spinto.
          È inutile che lei si faccia credere tanto poco aggressivo quando proprio lei usa sarcasticamente “illustre genio”che in questo caso è utilizzato come un epiteto.

          • LuKe

            mi arrendo. Continui così, maestro.

          • Giancarlo Marcotti

            Gent.mo Sig. LuKe, visto che è una persona a modo cercherò di usare tutta la diplomazia della quale dispongo (le assicuro che sono una persona a modo anch’io).

            Ebbene, non perché il Sig. Botta ha preso “le mie difese”, ma indubbiamente occorre riconoscere che ha usato delle argomentazioni valide.

            Spero che lei abbia compreso lo spirito dell’articolo, io sostengo che l’euro e l’Unione europea, ai cui voleri i nostri ultimi tre esecutivi si sono prostrati, siano i maggiori responsabili dello sfacelo della nostra economia ormai da anni.

            Sostengo inoltre che la Grecia non sia un corpo estraneo all’euro e alla Ue, bensì un’aberrazione dello stesso. In altri termini: se l’euro e la Ue per la nostra economia sono una zavorra insopportabile la Grecia è un peso ulteriore messo su questa zavorra.

            Tutte le analisti “perbeniste” fatte in questi anni invece vanno a favore della moneta unica e della Ue (inutile che le citi tutti i quotidiani nazionali e tutte le reti televisive), l’assurdo, adesso, è che chi è contro l’euro e la Ue (prenda ad esempio Grillo, ma anche tutta la sinistra italiana) sta prendendo Tsipras come emblema dell’antieuropeismo non accorgendosi che la Grecia, invece, è proprio una parte del problema, non la soluzione.

            Per cui ora siamo al paradosso, e come fa a mettere in risalto il paradosso se non URLANDO come ho fatto io?

            Mi scusi sempre Sig. LuKe, ma se lei è il passeggero di un’automobile e state per andare a sbattere contro ad un muro dice al guidatore con tono pacato e dimesso che forse è meglio che freni oppure glielo URLA?

            E per concludere, nel suo secondo intervento, dopo quindi il post del Sig. Botta, lei usa toni pacati e concilianti ed addirittura fa dei complimenti all’articolo rimproverando solo “la forma”, le posso assicurare che la stessa “gentilezza” lei non l’ha usata nel primo commento. O vuole farmi credere che “illustre genio” sia un complimento?

            Ed anche il “Mi arrendo. Continui così, maestro” non rende merito alla sua intelligenza.

          • LuKe

            Egregio G.Marcotti, grazie per la celere risposta e per l’interesse. L’unica cosa che che volevo far notare col mio commento è che questo articolo e questo sito, hanno il merito di risvegliare una coscenza critica riguardo questi temi che sembrano lontani ma invece ci riguardano tutti da vicino, usando un linguaggio chiaro e comprensibile alle masse.

            A mio parere però potrebbe raggiungere un tasso di penetrazione molto più alto semplicemente omettendo alcuni insulti “a prescindere” quali quelli verso il popolo italiano.
            E’ un po’ come quando alle elezioni 2013 c’è stata la rimonta di Berlusconi, la colpa di chi era? degli italiani che “non hanno capito”, “non hanno seguito”, “si sono fatti abbindolare”… secondo me la colpa è stata degli avversari politici che non hanno saputo convincere gli italiani, perchè la forma E’ sostanza, e anche qui è così.

            Cordialmente
            Luca Bocchi

  • Stefano Vietri

    commento astioso e privo di ragionamento. mi è difficile trovarlo abbinato ad una” Finanza in Chiaro”.

    • Mario Botta

      mentre il suo intervento denota una profondissima maturità ed esperienza tale che tutti ci stiamo spellando le mani nell’pplaudirlo.

  • Sig Marcotti. Leggo spessoi suoi articoli e non mancano mai di farmi incazzare. un po’ per lo stile, un po’ per certe analisi molto azzardate, un po’ per l’abuso di punti esclamativi. Ma mai come stavolta mi trova d’accordo in pieno. Tsipras è effettivamente una nullita’.E peggio ancora sono le nullita’nstrane che in barba al buon senso, prima che all’economia,inneggiano a questo cialtrone.
    Se nella nostra costituzione la materia fiscale e di trattati internazionali é esclusa dai referendum ci sono ottimi motivi. Ma i deficienti cui faccio riferimento, sebbene a parole siano difensori della costituzione ora inneggiano alla “grande democrazia”. Quando invece si tratta di grande demagogia. Solo una domanda…il fatto che sono d’accordo con lei deve farmi preoccupare? o sto diventando vecchio?
    Saluti.

    • Giancarlo Marcotti

      Certo che deve preoccuparsi … e molto (stavo per mettere un punto esclamativo, ma mi sono fermato in tempo). E poi è anche vero che sta diventando vecchio (ma di questo non deve preoccuparsi perché è così da quando è nato).
      Caro Gennaro lei sa bene quanto io la stimi, in particolare per l’onestà intellettuale che ha dimostrato anche con questo commento. Continui a seguirmi e … porti pazienza per lo stile ed i punti esclamativi, sono connaturati in me, d’altronde, come si dice, nessuno è perfetto … o io faccio eccezione?!?

  • Giovanni Ghirlanda

    Buongiorno e scusate, vorrei introdurre un argomento di riflessione riguardo alla discussione sulla Grecia e le varie posizioni che si prendono. Sicuramente abbiamo perso di vista che, quando si accusa la BCE o l’euro o Brussels o l’Unione Europea, non si accusa una entità SOVRANA, rappresentante di un popolo, a prescindere dal tipo di rappresentanza, ma delle istituzioni, o sarebbe meglio definirle congreghe, PRIVATE. Questi si arrogano il diritto di dettare condizioni a POPOLI SOVRANI, che evidentemente non sono più tali. Renzi è gli italiani, Tsipras è i greci, sono dei rappresentanti di tutti NOI, Allora se loro debbono sottostare a dei PRIVATI, NOI non abbiamo più sovranità, siamo solo SCHIAVI di costoro. Un governo SOVRANO deve rendere conto del Suo Operato, solo al POPOLO di cui è rappresentante. Cosa significa che dobbiamo rendere conto delle RIFORME a costoro, o peggio, attuare quelle da loro imposte. Ma, detto alla Landini/Crozza, STIAMO SCHERZANDO????????? Non abbiamo più percezione della realtà, ci hanno fatton bere il cervello. Il sonno della ragione genera mostri: “il sistema economico-politico attuale”

  • Eau Rouge

    Caspita Sig Marcotti! L’aveva gia’ detto e nessuno a Bruxelles l’aveva ascoltata ! Ma perche’ non è andato direttamente da Merkel a dire che Tsipras era una nullita’? Ora non si sarebbe a questo punto ahahah!!

  • Eau Rouge

    Caro sig. Marcotti, se lei avesse solo un millesimo del carisma e della personalita’ di Tsipras , sarebbe davvero uno che si legge volentieri. Purtroppo il suo articolo gronda giudizi gratuiti di chi sta dietro una scrivania e cerca facile plauso alle sue idee nonche agli insulti che riserva agli Italiani.

    • Mario Botta

      AAAA antagonista fu agnellino di Agnoletto ora montone tutto muscoli (poco cervello) cerca pastore con carisma: offresi obbedienza a patto di non pagare, divertirsi alle spalle dei genitori e lavorare poco. Pure Mussolini aveva carisma: raccolse il 98% dei voti nel ’29 😉

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale