Venti di guerra … e le Borse volano

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Positivi tutti gli indici azionari

Svetta Stm, alle sue spalle Unipol. Giornata che sorride all’intera galassia agnelli. Bene Unicredit nel giorno dell’Assemblea. In calo la controllata Finecobank.

Mentre i leader dei Paesi occidentali continuano a  parlare espressamente di guerra, le Borse seguitano a salire, sembra proprio che per “i mercati” le bombe e le distruzioni siano una vera manna.

Un esempio per tutti, oggi all’apertura di Wall Street, TUTTI i trenta titoli che compongono l’indice Dow Jones facevano segnare un rialzo rispetto alla vigilia. Ebbene, la logica ci avrebbe portato a pensare che dall’attuale situazione geopolitica ad avvantaggiarsi fossero i titoli del comparto “difesa”. Ed invece no, TUTTI se ne avvantaggiano, insomma pare proprio che la guerra piaccia ai “mercati”. Curioso il fatto che al momento il titolo che sta avendo il maggior guadagno sia proprio Goldman Sachs.

Anche oggi Londra (+0,0%) è rimasta al paolo, mentre Parigi (+0,6%) e Francoforte (+1,0%) hanno messo a segno buoni rialzi. L’indice tedesco è stato trainato in particolare, come prevedibile, dai guadagni di RWE, Lufthansa ed Infineon.

Ma il miglior indice del Vecchio Continente, anche oggi, è stato il nostro Ftse Mib (+1,27%) che prosegue la grande risalita dopo aver rimbalzato per ben tre volte su quota 22.000 punti.

Best performer di giornata Stmicroelectronics (+4,93%), per la società italo-francese torna così positiva anche la performance da inizio anno.

Prosegue poi il momento estremamente positivo di Unipol (+2,73%) che trascina al rialzo anche la “sorella” UnipolSai (+0,89%), quest’ultima conclude la giornata in guadagno per la settima volta nelle ultime otto sedute.

Rimbalza Cnh Ind. (+2,42%) che cerca di recuperare quota 10 euro, un livello psicologico estremamente importante, ma la giornata ha sorriso a tutti i titoli della galassia Agnelli: Exor (+2,13%), Fiat Chrysler (+1,97%) e Ferrari (+1,31%).

Nel giorno dell’Assemblea dei soci Unicredit (+2,41%) risulta il miglior titolo del comparto, ma hanno messo a segno guadagni superiori al punto percentuale anche Banco BPM (+1,93%), Bper Banca (+1,25%) ed Intesa Sanpaolo (+1,16%).

Due soli i ribassi di giornata, terminano in calo Finecobank (-0,46%) e solo frazionalmente Mediaset (-0,09%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale