Wall Street a due velocità

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Su DJ e S&P500, giù Nasdaq

Bene Unitedhealth, Amex e Visa. In calo Merck, Pfizer e Disney.  Sul Nasdaq hanno pesato i ribassi di Yahoo, Baidu, Tesla, Facebook ed Amazon.

Bene in particolare il Dow Jones, ma anche lo S&P500, negativo, anche se la chiusura è arrivata molto distante dai minimi di giornata, il Nasdaq zavorrato da Yahoo, Baidu e Tesla.

Una seduta che sembrava intonata al ribasso ha completamente cambiato direzione dopo le parole del Presidente della Fed, Janet Yellen, che ha parlato di una “crescita solida” nel secondo trimestre ed assicurato “un alto grado di accomodamento monetario”.

Insomma la “colomba” Yellen sarà ancora prodiga di “aiutini” perché l’economia americana, seppur in ripresa ha ancora bisogno della spinta della Fed.

In effetti nel primo trimestre la produttività Usa è calata dell’1,7% un dato peggiore di quanto atteso dal mercato (-1,2%), da segnalare, però, che il quarto trimestre è stato rivisto al rialzo (da +1,8% a +2,3%).

Non direi che i rialzi del DJ e dello S&P500 siano giustificati dalle allentate tensioni in Ucraina, visto che le parole distensive di Putin erano già note dalla mattinata, mentre, come abbiamo detto, nella prima mezz’ora di contrattazione prevalevano le vendite.

Nel frattempo il dollaro rimane molto debole, anche se in leggero recupero dai minimi di ieri, siamo comunque sempre sui massimi dall’ottobre 2011 ed è una situazione che non sembra avere motivazioni plausibili.

Comunque quella odierna era una seduta molto temuta dal mercato, se si fosse continuata la discesa, infatti, il rischio era di ripetere quando accaduto nella prima metà dei due mesi precedenti, ossia marzo ed aprile, invece, almeno per il momento, sembra un pericolo scongiurato.

Dow Jones (+0,72%) svetta Unitedhealth (+3,52%) approfittando della buona intonazione del settore, bene anche il comparto delle carte di credito con American Express (+2,06%) e Visa (+1,63%) che continua il recupero dopo la seduta choc del 25 aprile.

Ancora giù, invece il settore farmaceutico con Merck (-2,22%) e Pfizer (-1,39%), in calo anche Walt Disney (-0,91%) nonostante la buona trimestrale.

S&P500 (+0,56%) continua l’eccezionale 2014 di Devon Energy (+4,09%) che precede Abbvie (+3,69%) e Fedex (+2,25%).

Importanti titoli quotati al Nasdaq sul fondo della classifica: Facebook (-1,95%), Amazon (-1,57%) ed EMC (-1,13%).

Nasdaq (-0,32%) vola Activision Blizzard (+8,80%) sull’onda della strabiliante trimestrale di Electronic Arts premiata con un guadagno del 21%. Vola anche Mondelez (+8,18%) dopo l’annuncio di un’operazione straordinaria, ed eccoci all’ennesimo record storico di Directv (+7,96%) che polverizza quello stabilito alla vigilia.

Tracolla Whole Foods Market (-18,81%) dopo l’ennesimo profit warning, pesanti anche i cali di Yahoo (-6,63%) la cui valutazione della controllata Alibaba è risultata inferiore alle attese, e Cognizant Technology (-4,43%) che perlomeno chiude distante dai minimi di giornata.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale