Wall Street ancora a due facce

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Terzo ribasso di fila per il Dow Jones (-0,31%), ma il Nasdaq (+0,36%) non demorde e continua a superare ogni precedente massimo storico alla vigilia di importanti trimestrali.

L’indice di riferimento della Borsa americana, lo S&P500 (-0,11%) si ferma a metà strada, mantenendosi su livelli stratosferici.

Straordinaria Apple (+1,21%) che dopo un mese di giugno nel quale si erano visti segnali allarmanti ha ritrovato lo smalto di sempre nel mese in corso superando nella seduta odierna anche quota 152 dollari.

Il best performer di giornata, tuttavia, è risultato Caterpillar (+1,49%) che ha eguagliato il proprio massimo storico e si appresta a concludere il quarto mese di fila nel quale mette a segno un significativo guadagno.

Sembra essersi ripreso anche The Travelers (+0,98%), per il colosso delle assicurazioni i timori si sono dissolti.

Da segnalare infine i “soliti” nuovi record storici da parte di Visa (+0,77%) e Boeing (+0,02%).

Ma se ci sono titoli che ritoccano i loro massimi storici altri non riescono ad uscire dal periodo di crisi.

E’ il caso di General Electric (-1,85%) al nuovo minimo dell’anno, raggelante la performance del 2017 (-18,2%).

Dobbiamo invece essenzialmente parlare di prese di profitto per giustificare i cali di Johnson & Johnson (-1,70%) e Nike (-1,67%).

Han lasciato sul terreno oltre un punto percentuale anche Home Depot (-1,41%), McDonald’s (-1,34%) e Verizon (-1,18%) un altro titolo che non sta riservando soddisfazioni ai propri azionisti.

Il Nasdaq oggi è stato trainato da Tesla (+4,30%) che dopo un inizio di luglio decisamente preoccupante sta ritrovando tanti estimatori.

Da sottolineare anche il nuovo massimo dell’anno da parte di Baidu (+2,83%), per la “Google cinese” una quotazione come quella odierna (198,65 dollari) non si verificava dal dicembre del 2015.

Quella odierna, tuttavia, è stata una giornata decisamente positiva oltre che per la già citata Apple, anche per gli altri colossi: Alphabet (+0,45%) positiva anche se i conti saranno inficiati dalla supermulta, mentre hanno ritoccato di nuovo i propri record storici Facebook (+0,95%) ed Amazon (+1,29%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale