Wall Street: era già tutto previsto

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Pioggia di vendite a New York

Sul Dow Jones non si salva nessuno. Vendite ovunque: DJ (-1,88%), S&P500 (-2,00%) e Nasdaq (-2,09%). Vediamo come andrà a finire l’ottava domani.

La “botta” doveva arrivare, ieri si erano visti solo i lampi ed oggi, oltre ai tuoni, ecco la grandine che ha distrutto “parte del raccolto” accumulato nelle ultime settimane.

Praticamente lo S&P500 ed il Nasdaq sono tornati sui livelli che facevano segnare un mese fa, più pesante il ritracciamento del Dow Jones che è tornato su livelli che non vedeva dallo scorso 23 maggio, insomma oltre due mesi fa.

Le motivazioni le conosciamo, le ho più volte ribadite, non occorreva essere esperti per capire che un ritracciamento era in arrivo, ora occorrerà stabilire la sua “portata”.

Prendendo come riferimento l’indice Dow Jones, sarà un qualcosa che assomiglia a quanto visto ad aprile? In questo caso ci siamo già (circa 550 punti).

Oppure come quanto abbiamo visto a gennaio? Ed allora dovremmo perdere ancora altri 550 punti.

Oppure ancora può rivelarsi simile al ritracciamento dell’estate 2011? In quel caso l’indice dovrebbe scendere ancora un bel po’!

Fermiamoci qui non possiamo certo pensare a crolli “storici” come quelli avuti nel 2000 o nel 2008, non ci credo, quelli sono arrivati alla fine di una fase matura del ciclo economico, non siamo in questa situazione, ma, ribadisco, occorre comunque essere molto prudenti.

Oggi l’indice Dow Jones (-1,88%) non ha avuto nessun titolo che ha terminato in controtendenza rispetto al mercato, anzi, soltanto due titoli hanno lasciato sul terreno poco meno di un punto percentuale, per gli altri si è trattato di un bagno di sangue. I tre ribassi più pesanti hanno riguardato Exxon (-4,17%), American Express (-3,20%) e Nike (-3,12%).

Soltanto tre i rialzi dell’indice S&P100 e precisamente Allstate Corp. (+2,74%) , Apache Corp. (+1,35%) ed Exelon (+0,23%). Mentre i peggiori sono risultati Colgate Palmolive (-4,10%), Metlife (-3,38%) e Qualcomm (+3,05%).

Quattro soli i titoli dell’indice Nasdaq100 che hanno terminato la seduta con un guadagno, Staples (+2,20%), Discovery Comm. (+1,79%), Garmin (+1,12%) e Broadcom (+1,03%).

Pesanti i cali di Kraft Foods (-6,39%), Micron Tech (-6,09%) e Tripadvisor (-5,18%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro  

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale