Wall Street mette sprint a Piazza Affari

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Bene il Ftse Mib nonostante i dividendi

In attesa del Dividend day (21 maggio) oggi abbiamo avuto più di un semplice assaggio. Premiate in particolare Unicredit e la controllata Finecobank.

Le Borse europee avevano trascorso una mattinata quasi esclusivamente in territorio negativo, poi, improvvisamente, un quarto d’ora dopo l’apertura di Wall Street, ecco che il sentiment cambiava radicalmente.

Sui book si scaricavano solo “Buy” e dopo aver azzerato le perdite si continuava a salire andando a chiudere sui massimi di giornata. Alla fixing Francoforte guadagnava due decimi di punto percentuale, performances migliori arrivavano da Londra (+0,4%) e Parigi (+0,5%), ma era la nostra Piazza Affari a risultare anche oggi la migliore del lotto.

Il nostro Ftse Mib (+0,64%) è arrivato a sfiorare al fixing quota 24.000 punti, un livello quasi “mistico” per il nostro indice di riferimento, nonostante lo stacco dei dividendi abbia pesato per uno 0,36% (quindi il guadagno “reale” del nostro indice principale risulterebbe intorno al punto percentuale.

Diversi settori si sono mossi al rialzo.

Tenendo conto dello stacco quindi troviamo in vetta alla classifica Finecobank (+3,22%) seguita dalla capogruppo Unicredit (+2,82%) le due società hanno accreditato agli azionisti rispettivamente 0,285 euro (2,87%) e 0,32 euro (1,82%) per ogni azione.

Sul terzo gradino del podio sale Fiat Chrysler (+2,11%) ormai lanciato verso quota 20 euro. Continua poi la cavalcata trionfale di Mediobanca (+2,02%) che non faceva registrare quotazioni simili dal lontano aprile 2008.

Assolutamente impressionante l’escalation di UnipolSai (+1,88%) giunta al quattordicesimo rialzo nelle ultime 15 sedute (e l’unico ribasso è stato dello 0,03%!).

Bene anche Ubi Banca (+1,67%) e Tenaris (+1,44%), per il titolo della famiglia Rocca un mese, quello che si sta per concludere, assolutamente da incorniciare.

Giornata invece da dimenticare per le utilities, in calo Italgas (-1,58%), Terna (-0,72%) e Snam Rete Gas (-0,39%), si salva ancora Enel (+0,62%) e la solita A2A (+0,40%).

In conclusione citiamo le altre società che oggi hanno distribuito un dividendo, si tratta di Luxottica (-0,25% ai soci 1,01 euro per azione), Prysmian (+0,90% ai soci 0,43 euro per azione), Cnh Ind. (+0,80% ai soci 0,14 euro per azione), Ferrari (+0,64% ai soci 0,71 euro per azione) e Recordati (+0,88% che con i 0,43 euro staccati oggi arriva ad un totale di 0,83 euro).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale