Wall Street: non ci sono alternative ai “Buy”

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Ormai è diventata una costante, ogni storno per Wall Street diventa un’ottima occasione d’entrata. Il Nasdaq da questo punto di vista è emblematico. Giovedì scorso aveva perso il 2,13%, ma già il giorno successivo aveva recuperato lo 0,64% ed oggi l’1,34%. Ed eccoci quindi di nuovo in vista del massimo storico.

Finora, nel 2017, il Nasdaq ha guadagnato il 17,8%, lo S&P500 il 10,1% ed il Dow Jones l’11,3%. Performance estremamente positive soprattutto alla luce del fatto che lo scorso anno, dopo l’elezione di Trump, e quindi negli ultimi due mesi, i listini borsistici avevano avuto una clamorosa impennata.

D’altronde sembra proprio che la Banca Centrale americana non abbia alcuna intenzione di ridurre gli stimoli monetari in maniera significativa, e fenomeni inflattivi seri non si scorgono nemmeno all’orizzonte.

Una situazione quindi assolutamente ideale per titoli come Visa (+1,78%) che ritocca per l’ennesima volta il proprio massimo storico facendo segnare al fixing 101,87 dollari. Massimo storico “solo” sfiorato da Apple (+1,50%) e Microsoft (+1,50%) che hanno completato il podio.

Sul fondo invece troviamo Walt Disney (-0,58%) che non riesce ad uscire dal momento di difficoltà, in calo per la terza seduta di fila Chevron (-0,48%) e ritraccia Home Depot (-0,40%) che deve trovare un livello di consolidamento.

Per quanto riguarda i titoli quotati sul Nasdaq va senza dubbio rimarcato l’immediato rimbalzo di Nvidia (+7,98%) dopo i due crolli consecutivi (-4,28% e -5,33%) subiti nelle ultime due sedute.

Conferma il rimbalzo della vigilia poi Micron Tech (+4,39%).

In una giornata sostanzialmente positiva per i titoli biotech ha fatto eccezione Mylan (-4,05%) dopo nuovi report che sostanzialmente confermano i dati negativi comunicati la settimana scorsa con la trimestrale.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale