Wall Street: il rimbalzo c’è stato, ma i timori restano

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Tutto come nelle previsioni, i principali indici della Borsa americana hanno concluso la giornata in guadagno, Wall Street non delude mai.

Ma i timori non sono fugati del tutto, la chiusura abbastanza distante dai massimi di giornata non può lasciarci del tutto tranquilli, anche se naturalmente sarebbe stato impossibile pensare ad una soluzione immediata e definitiva dello storno visto alla vigilia.

E’ probabile che Trump abbia alzato bandiera bianca, i segnali ci sono tutti, d’altronde, occorre essere sinceri, nei suoi panni come ci saremmo comportati?

D’accordo la coerenza con i propri ideali, ma di vita ne abbiamo una sola.

Se comunque volevamo avere una risposta a come avrebbe reagito l’establishment nei confronti di un “corpo estraneo” alla politica … beh, ne stiamo avendo una prova.

Siamo arrivati addirittura alla “mazzetta” di Putin a favore di Trump, superata quindi anche la panzana delle rivelazioni di “segreti di Stato” alla Russia.

D’altronde gli americani si sono sempre comportati così, non si sono fatti molti scrupoli nell’inventare balle, anche le più inverosimili, basti pensare all’11 settembre.

Stiamo a vedere quindi. Per il momento Apple (+1,52%) e Google (+1,15%) hanno recuperato il 45% delle perdite della vigilia, Facebook (+1,94%) il 60% e meglio ancora fa Amazon (+1,45%) che recupera il 65% del calo avuto il giorno prima. Insomma sono già pronti per ritoccare nuovamente i propri massimi storici che da mesi migliorano di giorno in giorno.

I “padroni del mondo” continuano a dominare, e per stare alla larga dalle rogne è bene adeguarsi.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale