Wall Street da sbadigli

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Anche oggi soltanto 70 punti, lo 0,33%, proprio come venerdì scorso. Di cosa stiamo parlando? Del range, o campo di variazione, insomma della differenza fra il valore massimo e quello minimo toccato in giornata dall’indice Dow Jones.

Wall Street sta diventando di una noia mortale, d’altronde se non ci sono notizie che possano movimentare i listini gli investitori si adeguano ed operano in range ristrettissimi, cioè appena gli indici salgono un poco … vendono, ed appena scendono un poco … comperano.

Inchiodato il cross Eur/Usd a quota 1,074 oggi è salito nuovamente il prezzo dell’oro arrivando a 1.234 dollari per oncia, a questo punto i massimi toccati un mese fa in area 1.250 sono raggiungibili, forse è questa la sola notizia odierna.

Per quanto riguarda il Dow Jones (-0,04%) tre titoli oggi sono stati al centro dell’attenzione, Caterpillar (+2,68%) che rimane così su quotazioni d’eccellenza, Nike (+1,52%) che si avvicina sempre più ai massimi dello scorso agosto ed Apple (+1,05%) che migliora per l’ennesima volta il proprio record storico.

Il titolo della mela sta per concludere un primo quarto semplicemente strepitoso, al momento il guadagno da inizio anno (+22,7%) sfiora i 23 punti percentuali, al fixing oggi ha fatto segnare 141,46 dollari.

Sul fondo due classiche prese di beneficio, dopo che alla vigilia avevano ritoccato i loro massimi assoluti, oggi hanno dovuto cedere alle vendite Home Depot (-1,20%) e Visa (-1,17%) quest’ultima poi, circa mezz’ora dopo l’inizio delle contrattazioni, con ogni probabilità per l’errato inserimento di un ordine, era arrivata a superare quota 92 dollari, un livello stellare.

Sul Nasdaq vanno poi vanno segnalati i guadagni di Nvidia (+3,19%), che torna ad avere il segno più davanti alla performance YTD, e Micron Tech (+1,59%) da inizio anno fa segnare un guadagno superiore ai venti punti percentuali.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro   

Articoli correlati

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale