Wall Street superstar trascina tutte le Borse mondiali

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Vola il Dow Jones 

A Piazza Affari svetta Saipem, bene anche Tenaris. Prosegue il recupero di Mediaset. Sul fondo ancora Salvatore Ferragamo. Male le utilities.

Un inizio di settimana col botto soprattutto per il Dow Jones che sta guadagnando oltre un punto percentuale, la stagione degli utili inizia così nel migliore dei modi, i maggiori rialzi al momento sono fatti registrare da Caterpillar (+3,9%), JP Morgan (+2,5%), Walmart (+2,3%) e Goldman Sachs (+2,3%).

L’Europa, molto prudente per tutta la prima parte di seduta si fa un po’ contagiare dall’euforia d’Oltre Oceano e termina la prima seduta di settimana con rialzi diffusi, anche se i guadagni, con l’eccezione di Londra (+0,9%), non sono andati oltre il mezzo punto percentuale.

Parigi (+0,4%) e Francoforte (+0,4%) proseguono il recupero dopo i minimi di giugno, ma le problematiche politiche interne non aiutano a creare un clima di ottimismo.

Il nostro Ftse Mib (+0,49%) sembra un po’ più vivace, ma nessuno si esalta. Al momento occorre consolidare questa quota di 22.000 punti per poi vedere se ci sarà la possibilità di riprendere la crescita interrotta a fine aprile. Al momento mancano anche i volumi.

I sentiment positivo per il comparto energetico e soprattutto le voci sempre più insistenti di un contratto miliardario hanno spinto di nuovo Saipem (+3,91%) a superare di slancio la quota psicologica dei 4 euro. I massimi dell’anno, stabiliti nel mese di gennaio, ormai sono alla portata e l’obiettivo di medio termine potrebbe essere in area 4,5/4,7 euro.

Giornata di rimbalzi per Prysmian (+3,61%) e Mediaset (+2,79%) che completano così il podio odierno.

Seduta decisamente positiva anche per Tenaris (+2,56%) che si rilancia verso i massimi dell’anno.

Finalmente è arrivato il rimbalzo anche per Cnh Industrial (+2,43%) mentre Azimut (+1,99%) mette a segno il quinto guadagno di fila.

Contrastato il comparto del lusso, con Moncler (+1,62%) che torna a salire, mentre Salvatore Ferragamo (-1,68%) indossa per l’ennesima volta la maglia nera di giornata.

Dopo i continui massimi storici seduta caratterizzata dalle prese di profitto per Campari (-1,42%). Giornata negativa anche per le utilities, segni meno per Italgas (-1,20%), A2A (-1,14%) ed Enel (-0,66%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

 

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale