Wall Street terrorizzata

Giancarlo Marcotti Commenta per primo

Eravamo stati facili profeti quando, nei mesi scorsi, vedendo salire Wall Street oltre ogni logica, avevamo previsto vendite “da paura” nel momento in cui il vento avrebbe cambiato direzione. E guardando oggi la seduta della Borsa americana, beh! c’era davvero d’aver paura.

D’altronde sappiamo tutti il famose detto: le Borse salgono con le scale e scendono con l’ascensore.

Ed oggi quest’ascensore, ad un certo punto, ha rotto pure le corde di sicurezza … precipitando al suolo.

Siamo quindi entrati nella fase di panic-selling perché nessuno sa quanto sarà profonda questa “correzione”, alcuni prevedono che i listini possano scendere di un altro 10%, forse 20%, ma c’è chi si spinge anche ad un 30%.

Personalmente sono un po’ più ottimista, il nuovo governatore della Fed, qualora le turbolenze a Wall Street dovessero proseguire, potrebbe usare toni rassicuranti, lasciando intendere che procederà con  maggior cautela nel drenare la liquidità sul mercato.

E’ chiaro che i tassi debbano aumentare, ma l’attuale congiuntura economica negli Usa non dovrebbe aver problemi ad assorbire un maggior costo del denaro.

Gli investitori, però, non si fidano, ricordano perfettamente il 2008 quando per descrivere la fase di “discesa” dei corsi borsistici si era coniato il termine “soft planning” (atterraggio morbido).

Ebbene di “morbido” non ci fu nulla. Le Borse si schiantarono.

Forse oggi abbiamo capito la lezione?

Visto dove eravamo arrivati a fine gennaio … direi di no! Negli Stati Uniti, tuttavia, i tassi sono in rialzo ormai da tempo, quindi il mercato obbligazionario, non è imbalsamato come qui da noi in Europa. Insomma un minimo di elasticità Powell se la può permettere.

Draghi sappiamo che è in scadenza a fine 2019 e ciò che accadrà nei prossimi due anni alla Bce è abbastanza chiaro, poi, però, verrà il momento della resa dei conti.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro  

Articoli correlati

Canale YouTube
SOLDI ALL'ESTERO? SIAMO SERI E FACCIAMO CHIAREZZA
Giornalisti la libertà di raccontare balle
BERLUSCONI VS SAVONA
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale