A settembre “boom” delle ore di Cassa Integrazione. Era questa la ripresa col “botto” di cui parlava Renzi?

Giancarlo Marcotti 2 Commenti

Ricordate il primo agosto scorso, non molto tempo fa, quando in una dichiarazione pubblica Renzi inviatava gli italiani ad andare “tranquillamente” in vacanza che a settembre ci sarebbe stata una “ripresa col botto”?

Ebbene, oggi, ci informa l’Inps, che nel mese di settembre sono letteralmente “esplose” le richieste di ore di cassa integrazione (+43,86%), era a queste che si riferiva il nostro Premier quando parlava del “botto”?

Sappiamo già che Renzi adesso è diventato più cauto e non fa più previsioni “ad un mese” che magari gli italiani le ricordano ancora, adesso dice che la grande ripresa ci sarà in primavera. Oltre ad aver già sottolineato da parte mia che il nostro Premier non ha specificato a quale anno si riferisse, è chiaro che allungando un po’ i tempi spera che gli italiani dimentichino le sue fanfaronate.

Detto questo, però, varrà la pena soffermarci, pur brevemente, sui dati resi noti oggi dall’Inps che assomigliano ad un bollettino di guerra.

Nei primi nove mesi dell’anno, infatti, le aziende che hanno fatto ricorso alla cassa integrazione straordinaria sono aumentate del 27,4% rispetto al 2013 che era già stato un anno drammatico, ma c’è qualcosa di peggio, di molto peggio …

Sempre nei primi nove mesi dell’anno i fallimenti sono aumentati del 46,62% ed i concordati preventivi del 176,19%!!!

Raggelante!!!

Cosa ci può essere di peggio?

Mi scuso così con i lettori se, all’inizio dell’articolo, su dati così terrificanti, ho fatto dell’ironia nei confronti di Matteo Renzi, dietro a quei numeri c’è sofferenza vera e non si dovrebbe scherzare.

Io però cerco di portare all’attenzione la deriva alla quale viene ormai deliberatamente portato il nostro Paese, chi dovrebbe davvero scusarsi per lo strazio al quale sta sottoponendo milioni di italiani non lo fa, anzi fa di peggio, nega l’evidenza perpetrando di fatto sofferenze indicibili.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro  

Articoli correlati

  • Max938

    L’Italia è entrata in recessione “vera” a partire dal governo Monti senza più arrestarsi fino ad oggi . Ora tutti noi sappiamo bene chi sono tutti i responsabili di questo dramma nazionale e sappiamo anche che non saranno mai chiamati a pagare per quello che hanno fatto. Ma non possiamo dimenticare la responsabilità collettiva conseguente alla diffusa “ignoranza” politica e al generale
    opportunismo che è una specie di virus nazionale. Dopo la triste esperienza del governo Prodi si
    poteva sperare in una vaccinazione collettiva nei confronti della classe politica di sinistra nostrana
    ma a quanto pare non è servita. Ora in conseguenza delle divisioni nel centro destra sarà ancora
    più difficile prevedere una alternativa al governo Renzi malgrado i guai che sta provocando con una politica economica catastrofica . Forse gli italiani si meritano i governanti che si ritrovano.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale