Adesso è chiaro a tutti che l’euro è una follia?

Giancarlo Marcotti 2 Commenti

Ore di dibattiti su tutte le televisioni nazionali per spiegare le motivazioni della grande affermazione di Syriza alle elezioni greche ed avviene una cosa strana anzi unica: tutti gli interlocutori hanno ragione.

Il giornalista di Repubblica, quello del Sole 24 ore, il corrispondente della Frankfurter Allgemeine Zeitung, ma anche i rappresentanti dei vari partiti, dal Pd a Forza Italia, tutti dicono cose giuste sostenendo con argomentazioni valide le proprie posizioni, allora come può essere?

Di solito se qualcuno ha ragione qualcun altro ha torto.

Certo, ma non in questo caso, perché è la base di partenza ad essere sbagliata, PER TUTTI LORO, nessuno infatti dice la sola, unica ed incontrovertibile verità, e cioè che è l’euro l’errore di fondo.

Una moneta unica, utilizzata da Stati diversi è semplicemente UNA FOLLIA.

L’euro è UNA ABERRAZIONE ECONOMICA

E le aberrazioni economiche non sono mai innocue, anzi sono spaventosamente pericolose, delle vere e proprie atomiche che distruggono il tessuto sociale di una nazione.

Tsipras, Syriza, Alba Dorata, sì insomma queste cose qui, sono la risposta naturale (anche se sbagliata, sia ben chiaro) ad uno spaventoso “errore”: l’euro.

E’ semplicemente folle, infatti, che un Paese come la Grecia abbia la stessa moneta della Germania!

Come?

Vi siete stufati? Lo ripeto in maniera ossessiva ormai da anni? Certo, ma io non l’ho ancora sentito dire sui media nazionali!

Tutti le persone di cui parlavo all’inizio, quelli di Repubblica, del Sole 24 Ore, delle Frankefurter Allgemeine Zeitung, del Pd, di Forza Italia parlano delle ricette per uscire dalla crisi, ma nessuno mette in evidenza che c’è una sola ricetta per questo, tutto il resto non sono altro che palliativi.

FARE UTILIZZARE AD UNO STATO UNA MONETA MOLTO PIU’ FORTE DELLA SUA, NON LO SI AIUTA … LO SI DISTRUGGE.

MA INSOMMA NON HA INSEGNATO NIENTE A NESSUNO L’ARGENTINA?

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • Max938

    Caro Giancarlo ,ascoltavo tutti i commenti ,da bosco e da riviera, arrivati stamani al “successo” della lista di Tsipras fin quando il solito “picchio” che mi batte in testa non mi ha posto la domanda:
    ma di tutta questa gente ce n’è uno che in vita sua ha prodotto una “lira” di ricchezza ? Allora ho
    esaminato uno per uno , partendo logicamente da sinistra Bertinotti D’Alema Bersani Fassina Civati
    Cuperlo Renzi …tutti questi “maghi” dell’economia e della finanza passando da Ciampi Prodi per arrivare a Casini Fini fino all’estrema destra , tutta gente che con la politica si è arricchita ma che non ha mai prodotto una “mazza” per i coglioni che li hanno sempre votati ! E ora tutti si aspettano
    che l’ultimo arrivato , che a quanto ne so io non ha cominciato consegnando i giornali in bici o vendendo le merendine ai compagni di classe ma anche lui è un “birbaccione” politico e basta , da
    solo risolva tutti i mali antichi e recenti di un’Europa piena di “manfani” della finanza dove “Lupo
    mangia Lupo” e l’unica cosa in cui sono maestri è nella tecnica di sfilare il portafogli dalle tasche dei passanti ? Ma nessuno di questi buffoni guarda a quel che è successo a grandi popolazioni come l’Argentina Brasile Venezuela etc. che hanno affidato il loro futuro a politicanti di sinistra e
    si ritrovano peggio di prima con le pezze al culo ! La Grecia doveva affidare il suo futuro al Sirtaki
    e alle sue bellezze naturali come l’Italia avrebbe dovuto fare con la pizza e la chitarra e “o sole mio”
    limitando tasse e burocrati ed anche cospargendo di catrame e piume tutti i ladri “politici” sulla pubblica piazza. Max938

  • MAX

    Il M5S hanno proposto il referendum per uscire dall’ euro, che poi lo si faccia o no almeno si attira un po’ di attenzione sul problema; anche Salvini parla del problema euro ogni tanto.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale