Allarme rosso per i consumi alimentari, l’Italia non ce la fa più

 Mentre si chiude la campagna elettorale ed i media non fanno altro che fare da cassa di risonanza alle promesse dei politici, chi vuol dare 80 euro al mese ai dipendenti, chi promette un reddito di cittadinanza e chi di alzare le pensioni, gli italiani continuano ad avere sempre più problemi ad arrivare a fine mese.

L’espressione “tirare la cinghia”, che era sempre stata usata in senso metaforico, oggi va presa nel suo significato letterale, se infatti gli italiani hanno hanno ridotto i propri consumi totali a marzo del 3,5%, quelli alimentari sono letteralmente crollati: -6,8% rispetto allo scorso anno, il dato peggiore dal 1995.

Ormai siamo abituati ad essere sommersi da una marea di dati economici, praticamente tutti negativi, per cui c’è quasi una assuefazione, se non proprio una rassegnazione a “star peggio di prima”, ma questo dato deve assolutamente far riflettere.

Abbiamo sempre studiato sui libri di scuola che i consumi alimentari sono gli ultimi a scendere essendo considerati “primari”, ed allora quando vediamo ridurre le vendite in maniera così significativa non c’è che una spiegazione: una larga fetta della popolazione italiana “non ce la fa più”.

All’inizio della crisi, come normale che sia, si è cercato di metter mano ai risparmi, ora si stanno esaurendo anche quelli, ed in ogni caso non è in quella maniera che si risolvono i problemi, è con il reddito che si costruisce il benessere, il patrimonio, al massimo, serve a preservarlo.

Ed in Italia le retribuzioni ad aprile hanno registrato un incremento tendenziale dell’1,2% il dato peggiore da quando l’Istat calcola questo indicatore (1982). Ma c’è di peggio, perché ciò significa soltanto che chi ha una retribuzione se l’è vista aumentare in media dell’1,2% ma coloro che non ce l’hanno, ossia i disoccupati, sono aumentati, quindi il risultato complessivo è addirittura negativo.

E’ evidente a tutti che questa situazione drammatica è dipesa essenzialmente da errori del passato e dalla decisione scellerata di aderire alla moneta unica. Sugli errori del passato, finché non inventiamo la macchina del tempo, non possiamo farci nulla, ma sull’adesione all’euro, invece … invece sentiamo dire che l’Italia non ha bisogno di meno Europa, ma addirittura di più Europa.

Ma a ben vedere, forse, in un ragionamento simile, una logica c’è! Se dobbiamo suicidarci … tanto vale scegliere il metodo più rapido.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro