Brexit in vantaggio nei sondaggi, ma i bookmakers …

Si sta concretizzando una cosa “strana”, attualmente la media dei sondaggi fatti in Gran Bretagna sull’esito del referendum dà questo risultato:

Rimanere nell’Ue          44%

Uscire dall’Ue                 47%

Naturalmente sono dati che si riferiscono alle persone che hanno espresso la loro intenzione di voto, quindi c’è al momento un parte degli elettori (il 9%) che si recherà alle urne, ma non ha ancora deciso come voterà.

Da sottolineare poi che a vedere favoriti i sostenitori della Brexit sono sei delle sette più importanti società di rilevazioni statistiche, insomma c’è quasi un’unanimità fra i sondaggisti, eppure …

… eppure i bookmakers danno ancora favorito il Britin, ossia ritengono più probabile che al referendum prevalga il “NO”.

Quindi cosa sta accadendo in Gran Bretagna?

I cittadini dicono che voteranno per l’uscita dall’Europa, ma scommettono invece che ci rimarranno? Non c’è una contraddizione in tutto questo?

Intanto accade un’altra cosa ancora più “strana”, tutti (o quasi) gli analisti, concordano nel sostenere che se la Gran Bretagna dovesse uscire dall’Ue il Paese subirebbe un vero e proprio tracollo, qualcuno ipotizza anche scenari apocalittici per i sudditi di Sua Maestà, eppure …

…  eppure dall’inizio del mese in corso queste sono le performances delle Borse dei principali Paesi europei:

Londra                         – 4,24%

Francoforte                – 5,86%

Parigi                         – 6,79%

Milano                       – 7,28%

Insomma non vi sembra strano tutto ciò? A Londra succede l’apocalisse, ma le Borse di Francoforte, Parigi e Milano crollano ancora di più?

Capire questo mondo diventa sempre più difficile, o forse bisogna guardarlo da un altro punto di vista.

E’ vero!

Dato che la Gran Bretagna è un’isola forse va guardata dall’alto di una nave … il Britannia … ad esempio.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro