Gli Agnelli se ne vanno, per l’Italia è l’ammainabandiera

Migliaia, decine di migliaia, forse centinaia di migliaia le aziende italiane che hanno “delocalizzato”ossia hanno trasferito all’estero la propria attività e/o la propria sede, ma in Italia, si sa, c’è un nome che significa azienda e questo nome è “Fiat”.

La Fiat, o meglio, ora, FCA (Fiat Chrysler Automobiles) aveva già trasferito la propria sede legale in Olanda, così come CNH Industrial e Ferrari, erano rimaste in Italia la Holding del Gruppo, ossia Exor, e la cassaforte di famiglia, la Giovanni Agnelli & C. Sapaz (Società in accomandita per azioni).

Ebbene, oggi è stato dato l’annuncio ufficiale che entro la fine del 2016 anche la Exor e la Giovanni Agnelli & C. Sapaz trasferiranno in Olanda sia la Sede legale che quella fiscale.

E così in Italia non resterà nessuna società in capo alla famiglia Agnelli.

Ribadiamo, l’annuncio era scontato, si conosceva già da diverso tempo, non ha sorpreso proprio nessuno, ma … sentire pronunciare quelle parole da John Elkann, il giovane nipote, erede dell’Avvocato, ed attuale Presidente di  Exor e Giovanni Agnelli & C., oltre che di FCA … non può lasciare indifferente nessun italiano.

Verrebbe da chiosare che: quando la nave affonda anche gli Agnelli scappano.

Questo “abbandono” mi è parso l’atto conclusivo di un Paese senza alcuna speranza, destinato alla rovina.

L’ammainabandiera dell’Italia.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro