I clamorosi imbarazzi del Pd sul Golpe in Italia

A parte l’assoluto silenzio ed il mutismo nel quale si è rinchiuso il Quirinale, capibile perché francamente, cari lettori, se ti prendono con le dita nella cioccolata fai più bella figura a diventar rosso e tacere, piuttosto che cercare di giustificarti dicendo che non è la Nutella … bensì un’altra cosa.

E capiamo anche che Renzi stia cercando di cambiare discorso parlando dell’Expo, su quell’argomento ha senz’altro meno da perdere, dopotutto lì è cosa vecchia, Greganti, le Cooperative rosse, sì insomma, tutta gente già ampiamente sputtanata.

Ma senza dubbio ci sarà stata una riunione di tutti i vertici del Pd (compreso il Colle) in cui si sarà deciso la risposta da dare ai giornalisti (quei pochi non asserviti al potere) che avrebbero potuto chiedere di commentare le rivelazioni dell’ex Segretario al tesoro degli Stati Uniti Timothy Geithner.

Dalla riunione deve essere emersa la linea di condotta, occorreva rispondere che quella era una questione chiusa e non aveva più senso ora andare a riprendere l’argomento.

?!?!?!?!?

Ok capisco, come ho premesso ad inizio articolo, gli imbarazzi del Pd, ma questo è prendere in giro la gente!

Scusatemi, cari lettori, ma è come se l’omicida si opponesse alla procedimento penale dicendo: “Dai oramai quello è morto, lasciamo perdere, non parliamone più”.

C’è di che rimanerne allibiti.

E l’imbarazzo del Pd (e del Colle) è evidenziato anche dal fatto che alla trasmissione Matrix andata in onda ieri sera e nella quale fra gli altri argomenti si è trattato dello scandalo emerso dopo l’uscita del libro di Geithner, il Pd abbia mandato (ovviamente allo sbaraglio) un certo Faraone, un personaggio di terzo piano il cui ruolo all’interno del Pd deve proprio essere quello di prestarsi a figuracce pubbliche.

Questo Faraone, presentato come un braccio destro di Renzi (mamma mia come è messo male il nostro Premier), è un personaggio da Zelig, vi assicuro che sembrava serio e che non stesse recitando quando ha affermato “Lasciamo stare quell’argomento! Ormai è una pagina chiusa della nostra storia. E’ come se adesso ci mettessimo a discutere delle Guerre Puniche”.

Vi assicuro che ha detto questo! Per lui parlare del Golpe avvenuto in Italia due anni e mezzo fa (e che continua tutt’ora visto che anche Renzi non è stato eletto da nessuno), è come parlare delle Guerre Puniche!!! Ed era serio mentre diceva questa cosa!!!!!

Ma a quali miseri personaggi è in mano l’Italia?

Ed intanto mentre il Piave mormora … il Colle tace!

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro