Incredibile Wall Street

Macché paura per il rialzo dei tassi! Sulla Borsa di New York si scaricano valanghe di acquisti, si compra tutto, basta che sia un titolo americano, non importa quale.

L’esempio più eclatante? Presto detto! In una giornata in cui l’Opec assolutamente a sorpresa, anziché diminuire la quantità estratta di petrolio, come tutti davano per scontato, la mantiene invariata, facendone diminuire il prezzo, a Wall Street anche i titoli petroliferi hanno guadagnato.

In un mercato normale, con una notizia del genere titoli come Exxon oppure Chevron avrebbero dovuto perdere diversi punti percentuali, ed invece? Hanno guadagnato! La prima lo 0,6% e la seconda addirittura un punto percentuale!!! Davvero incredibile!

Sembrerebbe che il mercato sia completamente impazzito, ma naturalmente non è così, il fatto, come tutti voi sapete, è che attualmente le operazioni messe in piedi dalle Banche Centrali per migliaia e migliaia di miliardi di dollari, o euro o yen rendono tutto assurdo, tolgono la logica ad ogni cosa.

Come si può giustificare una seduta come quella alla quale abbiamo assistito ieri a Wall Street?

Attenzione, cari lettori, perché chi lo fa, ossia chi tenta di dare un senso a tutto questo, o è in malafede o è un ingenuo.

In questi momenti sapete su cosa occorre riflettere? Bisogna pensare a cosa potrà accadere quando le Banche Centrali smetteranno di fare tutto questo. Quale cataclisma potrà abbattersi sul mondo intero?

Ma allora dobbiamo porci anche un altro interrogativo: i Banchieri centrali, sono tutti pazzi?

Questa è proprio una bella domanda, anche se ha una risposta scontata, ossia: NO!

Ed allora perché agiscono così?

Ed anche questa domanda ha una risposta scontata: perché altrimenti non sarebbero in quel posto!!!

Finché dura loro vanno avanti, anzi qualcuno (vedi Kuroda della Bank of Japan) ipotizza anche che possa durare all’infinito.

Avete inteso?

ALL’INFINITO!!!

Cioè siamo arrivati alla follia pura!

Se il solo pensare ad un qualcosa che possa durare in eterno sia da folli, cosa dobbiamo pensare di una persona che ha addirittura il coraggio di parlare pubblicamente in questi termini?

Nelle mani di chi siamo?

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro