Ecco chi investe al ribasso sulla Borsa americana

“Da mesi i traders di Wall Street si arrovellano per capire chi sia il misterioso acquirente di coperture assicurative da milioni di dollari contro l’eventualità di un tracollo del sistema finanziario.”

Così iniziava l’articolo più letto de “Il Sole 24 Ore” pubblicato sabato scorso sotto il titolo “Il giallo di mister «50 Cent»: investe 120 milioni $ su un indice che non sale”

Al misterioso investitore è stato attribuito il nomignolo di «50 Cent» perché compra derivati quotati a mezzo dollaro.

Ebbene ora sono in grado di svelare il nome di questo misterioso investitore, ma prima andiamo a vedere quale tipo di derivati egli acquista in così grande quantità.

Il veicolo di investimento scelto riguarda il  Volatility Index CBOE o VIX, ossia l’indice di volatilità dello S&P500.

Vale a dire una misura delle oscillazioni di prezzo che ci si attende sulle azioni statunitensi, possiamo ritenerlo un “barometro del nervosismo degli investitori”. Viene infatti anche definito “l’indice della paura”.

In pratica gli acquisti di contratti VIX si traducono in scommesse al ribasso sull’indice S&P 500.

Al momento questo indice è pressoché sui minimi storici, per trovare valori così bassi, infatti, dobbiamo tornare al fatidico 2007. Il VIX, tanto per render chiaro a tutti come si muove, in una sola seduta ha perso il 26% esattamente due settimane fa, alla riapertura dei mercati dopo il primo turno elettorale in Francia, quando si era capito che la Le Pen non ce l’avrebbe fatta e non ci sarebbe stata così nessuna svolta antieuropeista.

Al momento quindi il VIX vale all’incirca 10 punti, solo per riferirci all’ultimo anno ricordiamo che quotava 16 punti meno di un mese fa, oltre 22 punti nello scorso novembre ed era arrivato a superare i 25 punti all’indomani della Brexit.

Ed ora torniamo a mister «50 Cent», sapete chi si cela dietro a questo soprannome?

Il fondo Ruffer LLP

Non vi dice nulla? E’ normale, ma ora vi do qualche informazione a riguardo.

Il Ruffer LLP, che attualmente gestisce all’incirca 20 miliardi di dollari, ha sede a Londra in Victoria Street, ed è stato fondato da Jonathan Ruffer, finanziere filantropo.

Ebbene il Ruffer LLP vanta, nel proprio portafoglio clienti, diversi nomi noti, ma certamente il più importante ed illustre sapete chi è?

La Chiesa d’Inghilterra.

Inutile che vi dica chi è a capo della Chiesa d’Inghilterra, vero?

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro