Obama-Merkel, semplicemente disgustosi

Le immagini che le televisioni di tutto il mondo hanno trasmesso, relative all’incontro avvenuto alla Casa Bianca fra il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama e la Cancelliere tedesca Angela Merkel, mi hanno lasciato basito.

I due si sono incontrati per discutere dell’escalation di violenza che sta insanguinando l’Ucraina, ormai in piena guerra civile.

Ma le drammatiche immagini, di una violenza inaudita, provenienti dall’Est dell’Ucraina, stridevano come non mai con quelle dei due capi di Stato che invece, davanti alle telecamere, schignazzavano bellamente.

Era in particolare il Presidente americano che si spanciava, non si capisce bene per quale motivo, mentre la Cancelliera, almeno inizialmente, tentava di mantenere un comportamento più dignitoso, anche lei, però, successivamente, si lasciava andare a crasse e becere risate.

La scena era disgustosa, l’assoluta mancanza di sensibilità nei confronti di popolazioni che in questo momento soffrono è l’ennesima riprova che a “guidare” il mondo, in questi anni, ci siano personaggi che definire squallidi non è azzardato.

Naturalmente, ma questo non sorprende, non ho sentito nessun organo di informazione stigmatizzare un simile comportamento, almeno in Italia, non so se i giornali tedeschi abbiano criticato l’accaduto, ma ne dubito.

Non deve stupire quindi la sfiducia che sta diffondendosi, un po’ a tutte le latitudini, nei confronti della politica, è chiaro che simili episodi non possano che alimentino il discredito nei confronti di “leader” perlomeno inadeguati a ricoprire incarichi di così alto profilo.

In effetti se queste sono le persone deputare ad affrontare e risolvere i gravi problemi che affliggono l’umanità, è facile lasciarsi prendere dallo scoramento.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro