Primo Maggio, su coraggio

Ed il coraggio ce lo trasmette il Ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, che ci dice: “C’è una finestra di opportunità macroeconomiche che non durerà in eterno, anzi qualcuno può dire che ci sono già segni che si sta chiudendo. L’Italia non può permettersi il lusso di non sfruttare questa finestra per trasformare la crescita che c’è in una ripresa più forte e sostenuta basata su misure strutturali”.

Avete capito?

E’ incredibile!

A volte penso di vivere in un mondo parallelo e mi chiedo: “Può uno dire una cosa simile senza essere ricoverato in qualche struttura e sottoposto coattivamente ad una rigida cura farmacologica?”

E non solo, mi domando ancora: “Può uno dire una cosa simile … e fare il Ministro dell’Economia?”

Poi rifletto e mi viene l’atroce dubbio … forse mi sbaglio?

In pratica Padoan ci sta dicendo che sta per finire il tempo del bengodi, il tempo in cui le opportunità macroeconomiche ci hanno regalato la crescita.

E’ chiaramente assurdo, mi dico, e la mia conclusione è corroborata dal fatto che Padoan è costretto a fare una precisazione parlando della crescita, ha dovuto infatti aggiungere “che c’è” semplicemente perché nessuno di noi se n’era accorto.

Però forse è lecito porsi altre domande e cioè: “Ciò che dice Padoan è semplicemente lunare? Oppure ha una sua logica?”

Ed allora, carissimi lettori, il mio timore, o meglio la mia grande paura è che potrebbe avere una sua logica. Perversa, ma una sua logica.

Padoan, che è stato messo in quel posto per distruggere l’economia italiana, ci sta dicendo:

“Avete sofferto in questi ultimi tre anni?”

“Sì?”

“Ed allora sappiate che non è nulla, dovete pensare che in questi anni ci sono state condizioni macroeconomiche straordinariamente favorevoli ed irripetibili”

“Quindi?”

“Quindi non avete neanche idea di ciò che vi spetta in futuro!”

Insomma la frase del Ministro che ho riportato all’inizio non sarebbe altro che un rigurgito di sincerità, come a dire: “Finora vi ho raccontato frottole, in futuro continuerò a raccontarvene, sappiate invece che la verità è questa, amara, ma la pura verità”

Ciò che sta per accadere non è neppure paragonabile con quanto successo finora, preparatevi al peggio.

Primo Maggio, su coraggio.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro