Economia: ancora notizie negative, export in calo

Giancarlo Marcotti 2 Commenti

La nostra economia, fino a poco tempo fa, era trainata quasi esclusivamente dall’export, da un po’ di tempo, però, anche questa voce pare sia entrata in crisi.

L’Istat infatti ha comunicato i dati relativi al commercio Extra Ue, le nostre esportazioni fuori dall’Unione sono risultate in calo dell’1,7% in termini mensili destagionalizzati e del 4,5% su base annua.

Si tratta del terzo calo mensile consecutivo ed è il peggior risultato dal novembre del 2013!!!

Verrebbe spontaneo attribuire il cattivo risultato al rallentamento della Cina, ma non è così, anzi! Il made in Italy ha ancora appeal in estremo oriente, il gigante asiatico, infatti, ha ridotto sensibilmente le proprie importazioni, ma non quelle con il nostro Paese (+1,8%).

Il calo invece è in gran parte dovuto al crollo dei Paesi dell’America latina (-34%!!!), e qui ovviamente pesa come un macigno la recessione in atto in Brasile, il gigante sudamericano è in ginocchio dopo gli otto anni di governo Lula ed i cinque della delfina Rousseff. Per l’ex Presidente-sindacalista, indagato per corruzione, gli scandali si susseguono senza sosta, l’ultimo in ordine di tempo ha portato all’arresto del suo più fidato amico e collaboratore, tal Josè Carlos Bumlai di professione allevatore di vacche.

Per sfuggire alle maglie della giustizia Lula pensa ora di ricandidarsi per le elezioni del 2018, non si può che chiosare: senza vergogna!

In forte calo (-9%) anche un altro Paese Emergente in grave crisi: la Turchia. Ribasso a due cifre (-11%) poi per i Paesi dell’Africa settentrionale, ed anche questa non può considerarsi una sorpresa.

Discorso a parte per la Russia (-20%), in questo caso la “colpa” è esclusivamente nostra, le sciagurate sanzioni imposte dagli Usa ci stanno costando molto care.

Rimane il segno più per quel che riguarda gli Stati Uniti (+3,2%), ma anche in questo caso non c’è nulla da festeggiare visto che rispetto ai mesi scorsi il dato è drasticamente peggiorato.

Tutto ciò avrà ripercussioni sul Pil?

Certo!

Sarà certamente più difficile centrare l’obiettivo di crescita (+0,9%) recentemente comunicato dal Ministro dell’Economia Piercarlo Padoan. E la cosa non è di poco conto, ogni decimale di Pil vale circa 2 miliardi di euro e la tenuta dei nostri conti pubblici, sempre sul filo del rasoio, potrebbe venir messa in discussione.

Insomma gli slogan del tipo “l’Italia è ripartita” sembrano sempre più fuori luogo, anzi, suonano proprio come delle burle.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale