Il problema Grecia spiegato in maniera chiara e comprensibile

Giancarlo Marcotti 477 Commenti

“Se ho un debito di 10.000 euro ho davvero un grosso problema, se ho un debito di 10.000.000 di euro, ad avere un grosso problema … è il mio creditore”.

Come tutte le battute, se fa ridere, significa che nasconde un fondo di verità.

Figuratevi così se ho un debito di 330.000.000.000 (330 MILIARDI) di euro, ed in cassa non ho nemmeno un euro, che razza di problema ha il mio … anzi … i miei creditori.

Il debitore può persino riderci su, tanto, che può fare? Certo, i creditori non hanno molta voglia di ridere e pretenderebbero perlomeno che il debitore la smettesse di fare lo spiritoso e che invece dicesse loro in che modo intende pagare.

Ma che volete che faccia? Lui va avanti a divertirsi, povero lo è già, cosa pretendete? Che muoia di fame solo per restituire al massimo un 1 o un 2% del suo debito? Fare la fame per restituire circa 7 miliardi e rimanere con un debito di 323 miliardi? Dai, siamo seri.

Ed i creditori incalzano: dicci come intendi ritornarci i soldi che ti abbiamo prestato!

E lui: “Dunque, fra non molto saranno in scadenza 27 miliardi del mio debito, allora voi prestatemene altrettanti e io vi pago le rate in scadenza. Ah! Dimenticavo! Non deve essere un finanziamento a breve termine, altrimenti fra poco siamo ancora punto e a capo, diciamo che la scadenza del nuovo prestito sia … fra 30 anni! Ah, ancora una cosa! Naturalmente venitemi incontro con un tasso di interesse sopportabile, beh … diciamo … l’1,5%.”

A quel punto i creditori si alterano ed urlano: “Non siamo mica qua a farci prendere per il c…lo, è una proposta offensiva!”, ma si sentono rispondere: “Sentite, a suo tempo siete stati voi ad accogliermi nella Comunità, voi lo sapevate certamente in quale situazione mi trovavo, non raccontate la balla che ho truccato i conti, perché siete stati proprio voi a dirmi come dovevo truccare i conti, quindi non venite ora a farmi la morale, da voi non l’accetto!”

Ed ancora i creditori: “Dai, sei un politico anche tu, mettiti nei nostri panni, se ti diamo ancora i soldi i nostri elettori non ci votano più perché non vogliono che continuiamo a finanziarti, se non te li diamo i nostri elettori non ci votano più perché abbiamo perso 330 miliardi di euro, come ne usciamo?”

Ed il debitore “Quelli sono fatti vostri, i miei elettori mi hanno votato proprio per questo, sono già pieno di problemi, i vostri ve li dovete risolvere da soli”.

Tutto chiaro?

Solo una precisazione: non mi sono inventato nulla, soprattutto per quanto riguarda i numeri.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • Arlette Zat

    Veramente eccellente! Chiarissimo e soprattutto VERO. Complimenti.

  • Fabio Piccinin

    Era ovvio e lo sapevano i creditori che finiva così . Hanno solo tirato troppo la corda . 1) una economia basata solo sul turismo 2) Senza una moneta sovrana. Come cavolo potevano i Greci restituire il debito ?? Sopratutto con il giochino sporco del trasformare il debito pubblico fittizio in debito pubblico reale tangibile tramite l’ euro.

  • Angelo Carbone

    forza grecia

  • Tutto molto vero e chiaro. vedremo come andrà a finire perché se dovesse essere #grexit poi si creerebbe un precedente. .. a quel punto mi preoccuperei per noi

    • testone

      E perché preoccuparci? Se non ci stiamo preoccupando ora perchè preoccuparci poi? Per noi sarebbe la medesima cosa: la fame!

  • Massimo

    Solo una cosa manca a questo ragionamento, una cosa che pur essendo fondamentale non è stata presa in considerazione: il debito Greco è frutto di una truffa delle banche e pertanto non è da discutere ma semplicemente da “RINNEGARE IN TOTO”. Soprattutto quando questo discutere comporta mettere a rischio di morire di fame (letteralmente) milioni di Greci. Il fatto stesso che il governo Tsipras si metta a discutere su “come” pagarlo è già una dimostrazione di malafede da parte sua rispetto al mandato che ha ricevuto dal Popolo Greco o in alternativa di incompetenza. Io sono più propenso pensare alla malafede. Infatti se fosse intellettualmente onesto e coerente non dovrebbe perdere tempo ne lui nel il suo ministro a discutere su come e quando ti pago ma semplicemente dire alla Merkel e soci: siete dei criminali e come tali non avete diritto a nemmeno un centesimo del vostro presunto credito e mi impegno a perseguire il vostro comportamento criminale nei confronti del mio popolo davanti alle sedi internazionali competenti. ALTRO CHE TRATTATIVE SUI MODI E SUI TEMPI.

    • Error_418

      se io e altri ti prestiamo dei soldi e tu, dopo tempo, ci dici che non ce li darai mai più potresti anche salvarti sul momento, ma poi chi altri mai ti presterà dei soldi sapendo che saranno a fondo perduto?! la grecia se ripudiasse i debiti si dovrebbe poi basare solo sull’elemosina di altri stati, catapultandola di fatto nel terzo mondo.

  • Ugo Caira

    MANCA SOLO DIRE CHE QUESTO DEBITO E’ UN DEBITO FITTIZIO, IN QUANTO LA MONETA PRESTATA A TALE PREZZO E’ CREATA DAL NULLA… CHE EQUIVALE AD UN DEBITO CREATO DAL NULLA!
    QUINDI E’ COME SE UNO LA MATTINA SI SVEGLIA E SI INVENTA DI AVERE UN CREDITO VERSO QUALCUNO!
    CHI NON SA DI COSA PARLO NON SA COME FUNZIONA LA TRUFFA DELLA MONETA!
    INFORMATEVI!
    LA MONETA NON HA NESSUN VALORE INTRINSECO SE NON IL VALORE DELLE MERCI / SERVIZI ECC… CHE RAPPRESENTA, QUINDI CHE SENSO HA FARSI PRESTARE DEI PEZZI DI CARTA STAMPATI DA UNA BANCA E PAGARLI PER IL LORO VALORE NOMINALE PIU’ INTERESSI QUANDO SAREBBE SEMPLICE STAMPARLI PRESSO LA ZECCA DELLO STATO AL COSTO TIPOGRAFICO DELLA MONETA?
    MA QUANDO CAZZO VI SVEGLIATE GENTE????

    • LUCA D

      Esattamente, inoltre Paragonare il debito di un individuo con quello di uno stato è totalmente errato.
      I dati inseriti dal Signor Giancarlo, che stimo tantissimo, saranno giusti ma dovrebbero essere analizzati. Esattamente si deve analizzare la formazione del debito e le spese scoprendo così una fantastica analogia con la formazione del debito italiano.
      La grecia sta esattamente nella situazione delle teorie delle scelte con il dilemma del prigionieri o dei ladri.
      La Grecia non ha altra posizione da adottare che questa che sta utilizzando. Il debito greco è un debito illeggitimo ed i creditori vantano crediti illeggittimi e lo sanno e pure noi lo sappiamo analizzando la formazione del debito.
      Cosa succede adesso. Per me i creditori o troika approffitterà di un eventuale guerra con la grecia per far arrivare l’anato (ah ah ah) in quel paese canaglia del debito, ah ah.. Dopo arriverà il loro esercito privato che provvederà alla devastazione del paese.
      La vera domanda è semmai se il creditore, alla fine è un cartello di poteri, ha diritto di creare una monarchia sullo stato debitore?
      Concludo che si utilizzano ricette liberiste per il mercato, ma il mercato è in realtà un cartello e quindi non sono utilizzabili perchè il mercato è in realtà un monopolio.
      Quindi la ricetta liberista è sollo fottere il popolo.
      Concludo con dire che il caldo mi fa delirare e sto a dire fiabe o fantasie.

      • Mario Botta

        veramente l’Europa è socialista, compresa l’Italia. Il liberismo vero e proprio non è praticamente mai esistito.
        La maggioranza dei politici si riempiono la bocca col “sociale”
        Se siamo in Italia con un debito pubblico di oltre 2000 miliardi di euro, questo è per via degli alti costi del sociale e dei diritti acquisiti che ci trasciniamo dietro (v. pensioni retributive, v. diritti sanitari gratis a gò gò, v. IRI, v. cassa integrazione a oltranza, v. incentivi appannaggio di non aventi reale diritto…..)

        • LUCA D

          Con tutto rispetto mi sembra una risposta di un politico e una risposta data dalle televisioni.
          E’ interessante che manca totalmente l’analisi dell’approffondimento sulla natura del debito. F35, Tav, Spese del cazzo e Derivati di cui conosciamo in parte l’esistenza stanno dentro il cesso?
          Poi ci sta qua sotto un video postato da Ugo che spiega benissimo il meccanismo.
          Le soluzioni ci stanno ovviamente.

          • Mario Botta

            la mia non è la risposta nè di un politico, nè di un economista, ma di uno che analizza il problema del debito pubblico andando a sviscerare quali sono le maggiori voci dello stesso: sanità, previdenza, istruzione, giustizia…. Lasciamo stare gli F35 o TAV che puntualmente appaiono per sviare le allodole dal vero problema, cioè il debito pubblico giustificato col “sociale” distribuito a gò gò, compresi i 9000forestali calabri o i diciottomila dipendenti della Regione Sicilia.
            Il debito greco, oggetto dell’articolo, è di uno stato che ha dovuto licenziare o dovrà licenziare 15mila dipendenti pubblici che rapportati alla popolazione italiana (come numero) sono circa 100mila mentre rapportati al PIL italiano, circa 8 volte superiore quello greco, si arriverebbe a circa 120mila licenziamenti. Tutto questo per non essere in grado comunque di pagare i debiti, come ben dice il Marcotti. Altro che le 150mila assunzioni promesse da Renzi! lasciamo perdere, parlare di debito pubblico con certa gente è da suicidio.

          • Emanuele

            Beh, ma proprio no. Analizzando le voci maggiori del debito pubblico: la sanità (che è inefficiente), la previdenza (che è al collasso), l’istruzione (quale?), la giustizia (che è il vero cancro). Secondo te il problema sarebbe l’eccessivo costo “sociale”, e non piuttosto la valanga di corruzione, la viscerale inefficienza e le infiltrazioni mafiose che fanno lievitare quei costi? Lo Stato certe passività le deve avere altrimenti non è uno Stato ma un’oligarchia plutocratica: paradossalmente invece sono proprio quelli i settori in cui, nonostante tutto, vengono effettuati i maggiori tagli lineari senza miglioramenti di efficienza e costi che restano esorbitanti. Il tutto senza neanche affrontare il problema della politica economica europea che purtroppo esiste, complottismi a parte. E l’Italia è un paese socialista? Ma va, dai.

          • Mario Botta

            Come sarebbe ma va, dai, siamo tra bambini?
            L’Italia come tutte le democrazie ormai sono pesantemente assistenzialiste: alcune meno, alcune di più.
            L’Italia, rispetto ad altre nazioni europee è fortemente a trazione socialista anche perchè è l’unico modo di spostare gli elettori quello di promettere o dare, per esempio, gli 80 euro, lo stipendio di cittadinanza, l’assunzione di 150 mila precari, o l’assistenza gratuita a chiunque, sia che paghi o che non paghi le tasse, ecc. ecc,
            La corruzione è un problema certo, ma non assomma a duemila miliardi.

        • Ugo Caira

          IL DEBITO PUBBLICO E’ UNA TRUFFA! IL COSTO DEL SOCIALE NON C’ENTRA UN BENEAMATO CAXXO!
          IL DEBITO PUBBLICO CONSISTE NEL FATTO CHE TUTTA LA MONETA CIRCOLANTE, VIRTUALE E NON E’ DATA IN PRESTITO AGLI STATI DALLA BCE TRAMITE LE BANCHE E LO STATO SI INDEBITA PER LA STESSA CIFRA DEL DENARO EMESSO + INTERESSI!
          LA DOMANDA E’: DOVE SI TROVERA’ LA MONETA NECESSARIA NON COPERTA DA DEBITO PER ESTINGUERE IL DEBITO DELLO STATO?
          GLI INTERESSI + LA MONETA PRESTATA SUPERANO IL VALORE DELLA MONETA CIRCOLANTE, PER CUI E’ LAPALISSIANO CHE GLI STATI VENGONO COSTRETTI (COME STA ACCADENDO) PRIMA A SVENDERE I PATRIMONI STATALI (INDUSTRIE, PALAZZI E DEMANIO PUBBLICO), POI IN ULTIMO TOCCHERANNO ALLE RICCHEZZE DEI PRIVATI FORAGGIARE LA FAME DELLE FAMIGLIE DEI BANCHIERI SIONISTE!
          MA QUAND’E’ CHE VI SVEGLIATE UNA BUONA VOLTA EH???

          • Mario Botta

            per la verità è da almeno 20 anni che lo Stato fotte le ricchezze dei privati: prima col 6 per mille, poi con le varie patrimoniali sul magazzino, sulla casa, sulle successioni, sui risparmi, coi contributi di solidarietà ecc. ecc. io sono sveglissimo e pago e pago e pago….lo Stato sociale: quello che è mio è suo cioè dei cittadini che stanno sul carro….

          • Ugo Caira

            LO STATO FOTTE I SOLDI DEI CITTADINI PER DARLI AI BANCHIERI CON CUI SI E’ INDEBITATO PER EMETTERE MONETA!
            LA POLITICA VIENE DECISA DAI BANCHIERI E NON DAI GOVERNI!
            LE ELEZIONI SONO SEMPRE TRUCCATE E CHI DECIDE I GOVERNI SONO DALL’ALTRA PARTE DELL’OCEANO!
            TI BASTA?

          • franzfume

            Gli alieni. Le scie kimike….le cavallette…..

          • Ugo Caira

            Gli imbecilli… quelli che parlano a vanvera… quelli che se invece stesseto zitti farebbero miglior figura….

          • Zedicus

            Ugo, quello che hai scritto non ha senso. Forse dimentichi che la maggior parte del debito pubblico dell’Italia è maturato prima dell’introduzione dell’euro quando si stampavano le lire, quindi cosa c’entra la BCE dato che ancora non esisteva?! Se ti scomodi a controllare i dati ricorda di ragionare in termini relativi utilizzando il rapporto debito/Pil perchè magari per me e te un debito di 1.000 euro ha un significato ma per uno come Berlusconi ne ha un altro, ad esempio nel 1994 il debito era di 1.069.415,10 pari al 121,84% del PIL e nel 2012 era di 1.988.658,00 pari al 127,00% del PIL. Poi ammetto la mia ignoranza, magari sbaglio io, sono un ingegnere non un economista

          • Emanuele

            Non solo. Il cambio agghiacciante che ci è toccato in sorte con l’euro è figlio diretto del periodo in cui si stampava moneta compulsivamente come figli di m****tta. E’ chiaro che poi se volevi salire sul carrozzone che ti doveva procrastinare il default avresti dovuto piegarti, e tanto.

          • Ugo Caira

            SE NON FOSSI IGNORANTELLO SAPRESTI CHE L’EMISSIONE DEI TITOLI DI STATO AVVENIVA ANCHE CON LA LIRA!
            PERO’ LA DIFFERENZA E’ CHE IL DEBITO ERA NAZIONALIZZATO, OGGI E’ INTERNAZIONALIZZATO E QUINDI LA SITUAZIONE E’ INFINITAMENTE PEGGIORE!
            MA PERCHE’ NON STUDI INVECE SìDI SPARARE CAZZATE?
            QUANDO UNO NON SA LE COSE… SAREBBE PIU’ OPPORTUNO CHE SI LIMITASSE A FARE DOMANDE, NON A CONTROBATTERE DALL’ALTO DELLA PROPRIA IGNORANZA! TI PARE?

          • Zedicus

            In realtà il debito era “INTERNAZIONALIZZATO” anche con la lira, lo Stato ha debito con chi detiene i suoi titoli, anche con la lira c’erano gli investitori internazionali, non vedo molta differenza ma io sono un “IGNORANTELLO”, quindi spiegami tu, non è che prima l’Italia emetteva titoli e se gli comprava anche.

          • Ugo Caira

            LA BANCA D’ITALIA DECIDEVA LA POLITICA MONETARIA SECONDO L’EGIDIA DELLO STATO! OGGI LA POLITICA MONETARIA LA DECIDE LA BCE CHE E’ PRIVATA! INOLTRE I TITOLI DI STATO VENIVANO ACQUISTATI IN GRAN PARTE DA ITALIANI E NON ERANO OGGETTO DI SPECULAZIONI INTERNAZIONALI COME ORA! SE NON CAPISCI QUESTO… MA CHE TE LO DICO A FARE?

          • Zedicus

            il 35,6% del debito italiano non è in mano agli italiani contro il 62,4% della Germania, 62,9% della Francia il 71,4% del Portogallo e l’85,9% della Grecia, Ma di cosa stai parlando?!

          • Ugo Caira

            NON SO SE CAPISCI L’ITALIANO!
            HO DETTO CHE QUANDO C’ERA LA LIRA IL DEBITO ERA PRESSOCHE’ NAZIONALE! OGGI LE COSE SONO CAMBIATE! E COMUNQUE FICCATI NELLA ZUCCA CHE IL DEBITO NON ESISTE E’ UN DEBITO VIRTUALE… SE LO SONO INVENTATO!
            SE TUTTI GLI STATI HANNO UN DEBITO PUBBLICO… VERSO CHI CE L’HANNO QUESTO DEBITO???
            TE LO SEI CHIESTO?

          • Zedicus

            Si, me lo sono chiesto, magari verso quelli che hanno comprato i titoli di stato? No perchè, nella mia somma ignoranza, pensavo che quando compri un BOT stai prestando soldi allo stato e alla scadenza dovrà ridarteli con un certo tasso di interesse ma forse nemmeno i titoli di stato esistono e sono frutto della mia immaginazione malata.

          • Ugo Caira

            VEDO CHE CONTINUI A NON CAPIRE UN CAISER!
            SE GLI STATI DETENGONO RECIPROCAMENTE I DEBITI DEGLI ALTRI STATI… E NON VANNO IN PAREGGIO… IL DEBITO PUBBLICO DI TUTTI GLI STATI… CHI CAZZO LI DETIENE?

          • Zedicus

            Ma chi ti ha detto che gli stati “DETENGONO RECIPROCAMENTE I DEBITI DEGLI ALTRI STATI”?!!! Forse in piccolissima parte, quando senti parlare della crisi greca hai mai sentito dire che lo “Stato italiano” detiene dei titoli? Probabilmente avrai sentito che “Le banche italiane detengono dei titoli”
            Ti ripeto che il debito lo stato lo ha nei confronti di quelli che hanno comprato i titoli, se no avresti ragione tu, ci abboniamo il debito a vicenda e siamo a posto ma non puoi farlo perchè magari quelli che hanno comprato si incazzerebbero leggermente ed in Italia, PIU’ CHE NEGLI ALTRI STATI, una buona fetta è in mano ai privati.
            Ti metterei un Link ad un articolo del Sole24Ore ma poi mi diresti che sono solo cazzate e non ci capiscono un cazzo di economia!

          • Ugo Caira

            SAI CHI COMPRA IN GRAN PARTE I TITOLI DI STATO? LE BANCHE!
            SE TUTTA LA MONETA CIRCOLANTE E’ EMESSA A DEBITO, OSSIA CON IL CORRISPETTIVO IN TITOLI/DEBITI… CON QUALE MONETA PRIVA DI DEBITO SI POSSONO ESTINGUERE TALI DEBITI PER ANDARE IN PAREGGIO?
            RISPONDI… ORSU’!!!

          • Zedicus

            quindi le “LE BANCHE DEI VARI STATI” non “GLI STATI DETENGONO RECIPROCAMENTE I DEBITI DEGLI ALTRI STATI” ma le banche per tua stessa affermazione sono private, quindi il debito lo detengono i privati, mi pare logico. Ho messo tra virgolette le tue parole, non mi invento nulla.

            Quindi non si può abbonare semplicemente il debito. Poi dici che “IL PIL E’ SOLO LIMITATO AD UN PANIERE DI PRODOTTI CHE ESCLUDE TUTTI GLI ALTRI”, questa è una grande cazzata perchè lo confondi con il paniere ISTAT per il calcolo del tasso di inflazione, sinceramente non ho mai sentito parlare di “PANIERE PIL”.

            Io sarò ignorante in materia, sono un ingegnere informatico non un economista (a parte il fatto che per te anche quest’ultimi sono degli ignoranti perchè hanno studiato su testi fasulli) ma mi sembra che tu faccia un po’ di confusione e continui a contraddirti da solo.

            Da questo punto di vista non ho nulla da imparare da te, il mio lavoro si basa sulla logica, mi sono laureato a Padova lavorando, studiando anche da autodidatta e so riconoscere le contraddizioni.

            Se posso darti un consiglio fai come faccio io, se sei convinto di una cosa non cercare informazioni che suffragano la tua tesi ma cerca quelle che le smentiscono e poi ragiona su quelle.

          • Ugo Caira

            QUANDO SI PARLA DI STATO… SI PARLA NON SOLO DELL’ENTITA’ BUROCRATICA, MA SI INTENDE LA NAZIONE, NELLA FATTISPECIE L’ITALIA E GLI ITALIANI E DI CONSEGUENZA I CORRENTISTI E GLI AZIONISTI CHE ACQUISTANO I TITOLI, PERCHE’ VEDI CARO INGEGNERE UNO STATO E’ FATTO NEL NOSTRO CASO DI 60 MILIONI DI CITTADINI DI CUI GRAN PARTE PECORE CHE NON CONOSCONO DA DOVE E COME LA MONETA CHE USANO QUOTIDIANAMENTE!
            RIGUARDO AL PIL… CONFERMO E’ FALSO!
            IL PIL MISURA SOLTANTO LE TRANSAZIONI ‘FINALI’, ESCLUDE CIOÈ
            GLI SCAMBI DI PRODOTTI INTERMEDI, IN QUANTO IL VALORE DEL PRODOTTO FINALE GIÀ INCORPORA I COSTI SOSTENUTI PER GLI ACQUISTI DI PRODOTTI INTERMEDI AI DIFFERENTI STADI DEL PROCESSO PRODUTTIVO. LA MISURAZIONE DEL PIL DAL LATO
            DELL’OFFERTA CONSISTE NEL SOMMARE L’APPORTO AL PIL DEL PAESE FORNITO DA TUTTE LE IMPRESE. IL PIL È INFATTI PARI ALLA SOMMA DEL VALORE AGGIUNTO DELLE DIVERSE UNITÀ PRODUTTIVE E STIMA GLI SCAMBI AI PREZZI DI MERCATO,
            COMPRENSIVI QUINDI DELLE IMPOSTE SULLA PRODUZIONE E DELL’IVA.

          • Ugo Caira

            UNA GRANDE VERITA’!

          • Zedicus

            Bravo ma come fai a dire che è falso?! Per forza non si considerano i prodotti intermedi altrimenti dovresti detrarre il loro valore dal valore finale del prodotto altrimenti lo consideri più volte, non ti pare? E per prodotti intermedi si parla nell’ambito dello stesso processo produttivo perchè è ovvio che quello che per me è un semilavorato per altri è un prodotto finito! Forse nel nostro PIL mancano i proventi del nero, del traffico di droga, della prostituzione (che in altri paese hanno), etc quindi dovrebbe essere più alto.

            Sai quanti dati ho dovuto estrarre dai DB dei miei clienti per compilare le tabelle ISTAT?! Qualcosa ne so, va.

            Sono d’accordo con te sulla legge di stabilità perchè si vuole arrivare al pareggio di bilancio (non ad annullare il debito) SOLO diminuendo la spese e non aumentando il prodotto interno.

          • Ugo Caira

            E’ FALSO PERCHE’ IL DATO DOVREBBE MISURARE LA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE PERO’ MOLTA DELLA RICCHEZZA NON VIENE CONSIDERATA… CONSIDERA LE NOSTRE OPERE D’ARTE… SONO O NO UNA RICCHEZZA?
            QUINDI SIAMO O NO PIU’ RICCHI DI UN PAESE COME LA GERMANIA CHE NON HA LE NOSTRE RICCHEZZE ARTISTICHE?
            CIONONOSTANTE I CRIMINALI CHE NEL 1992 A BORDO DEL BRITANNIA A CIVITAVECCHIA, L’EPOCA IN CUI L’ITALIA ERA LA 5° POTENZA ECONOMICA DEL MONDO, HANNO COMPLOTTATO PER SVENDERE L’ITALIA E PRECIPITARLA NELLA CRISI ECONOMICA PER FAVORIRE LA GERMANIA CHE HA ACCETTATO DI ENTRARE NELL’EURO A PATTO CHE SI DISTRUGGESSE L’ITALIA SUA ACERRIMA CONCORRENTE ECONOMICA CHE STAVA PER ESSERE SCAVALCATA DALL’ITALIA STESSA!

          • Zedicus

            sbagliato! Il PIL misura il prodotto interno lordo in un anno non la ricchezza del paese! E’ come se tu fossi proprietario di una casa da 200mila euro, guadagni 30mila euro in un anno e il tuo reddito allora è di 230 mila euro all’anno Parti da presupposti errati

          • Ugo Caira

            PER QUESTO E’ SBAGLIATO! MISURA UN DATO PARZIALE! L’HO PURE SCRITTO! SU QUESTO DATO PARZIALE SI BASANO SU UNA CRESCITA INFINITA!
            ORA TI CHIEDO: IN UN MONDO DOVE TUTTO E’ FINITO, PUO’ IL PIL CRESCERE ALL’INFINITO?
            ANCHE DA QUESTO PUNTO DI VISTA E’ FALSO!
            INTENDERE L’ECONOMIA COME L’ETERNA CRESCITA E’ CONCETTUALMENTE SBAGLIATO!
            NON SO SE SONO STATO CHIARO!!!

          • Zedicus

            Ma cosa stai dicendo?! Crescita infinita?! Che centra! Se tu guadagni 30mila euro l’anno il tuo PIL è pari a 30mila euro l’anno, non è che sia 30mila il primo anno e il secondo zero perchè è rimasto costante.
            Ma scusa, se uno ha perso il posto di lavoro ma ha una casa da 200mila euro tu che fai? Dici che il suo reddito è di 200mila euro l’anno?! Il reddito semmai ce l’ha se dovesse venderla, se lo stato vendesse le sue opere d’arte allora queste andrebbero nel PIL ma ci andrebbero una volta sola non ogni anno all’infinito!!!

          • Zepulece Zepù

            Assolutamente no, che fai ogni anno ricalcoli il patrimonio immobiliare?
            Il prodotto interno lordo di una nazione, è semplicemente l’ammontare di beni creati di quel paese, il valore convertito in valuta di quei beni di quel paese rappresenta il pil, che suddiviso per i suoi abitanti genera il prodotto interno lordo pro capite di una nazione 🙂

          • Zedicus

            Esattamente quello che ho detto io

          • Andrea Zepulece

            Lo so :O l’ho scritto apposta, mio dio ma esiste uno normale qui dentro? O.o

          • Zedicus

            Porta pazienza, un forum è così ma prova a metterti nei miei panni, hai fatto un reply a me, non a Ugo, dicendo “assolutamente no… “, tu cosa avresti pensato? Che mi stavi dando ragione o torto?

          • Zedicus

            vabbè ora ti lascio, è meglio che vada avanti a scrivere codice, sto Silverlight mi fa impazzire.

            Un ultima cosa, se per Stato intendi “L’ITALIA E GLI ITALIANI” e il debito pubblico non esiste, poveracci quelli che lo hanno comprato con i BOT perchè vaglielo a spiegare tu che non hanno comprato nulla.

            Ti ripeto che se un italiano compra dei titoli di stato quest’ultimo ha un debito nei suoi confronti

          • Ugo Caira

            CONFERMO IL DEBITO NON ESISTE!
            MI SPIEGHI COME SI FA A RIENTRARE DAL DEBITO CREATO DAI TITOLI DI STATO? CON QUALE MONETA, VISTO CHE TUTTA LA MONETA CIRCOLANTE COMPRESA QUELLA CON CUI SI DOVREBBE PAGARE I TITOLI DI STATO E’ EMESSA A SUA VOLTA A DEBITO CON ULTERIORI TITOLI DI STATO? LO COMPRENDI CHE DAL DEBITO CREATO IN MODO FITTIZIO NON SI POTRA’ MAI USCIRE, E CHE QUESTO E’ DESTINATO AD AUMENTARE ESPONENZIALMENTE?
            SE POI CONOSCI UNO STATO CHE E’ RIENTRATO ANCHE SOLO PARZIALMENTE DAL DEBITO… DIMMI QUAL E’!!!

          • Ugo Caira

            INFATTI… IL SOLE 24 ORE SPARA CAZZATE! VEDI CHE COMINCI A CAPIRE?
            CHIEDITI CHI DIRIGE IL SOLE 24 ORE!

          • Fabio Piccinin

            Non arrivano nemmeno a immaginare che il “debito pubblico” corrisponde al centesimo alla ricchezza privata di una nazione. Non immaginano che se la moneta è tua il “debito ” è solo virtuale e non reale. Non hanno capito il giochino di prestigio fatto con l’ euro dove il debito virtuale è diventato reale … non a favore certamente degli italiani ma a favore dei banchieri neofeudali, Non ci arrivano è troppo per i lobotomizzati. Non si ricordano nemmeno della ricchezza passata (Italia 5 potenza industriale mondiale) e non vedono la distruzione e la povertà economica dilagante attuale causa euro e politici corrotti dalle elite che drenano tutti i soldi dalle tasche degli italiani con le tasse . Un consiglio ? Lascia perdere .

          • Ugo Caira

            Ma neanche se glielo spieghi con il cucchiaino lo capiscono… e dire che non è poi così difficile da comprendere!
            Sono proprio pecore ben lobotomizzate!!!
            D’altronde il sistema ha bisogno della massa di pecore… sennò la truffa rothschildiana non potrebbe funzionare!!!

          • scondotomo

            GUARDA CHE SE LA SMETTI TI DISINTOSSICHI LA BCE è PRIVATA E LA BANCA D’ITALIA PUBBLICA….VAI A VEDERE CHI SONO GLI AZIONISTI DI BANCA D’ITALIA DA SEMPRE VAI STUDIA UN PO 😀

          • Zepulece Zepù

            No 🙂 la banca d’italia purtroppo non è pubblica, ma privata all’ 95,4%

          • Zepulece Zepù

            Falsissimo, avevamo meno di un trilione, prima dell’entrata nell’euro..
            possiamo dire che dalla repubblica fino al 1999 l’italia ha accumulato meno di 1 trilione di debito , mentre in 15 anni d’euro poco più di 1 trilione 🙂
            Ci sono dati facilmente rintracciabili in rete, basta poco a fare un controllo incrociato, i dati sono importanti, non usiamoli ad cazzum cortesemente.

          • Zedicus

            Esattamente, i dati puoi trovarli in rete, nel 1998 il debito era di 1.282 miliardi di euro che sono più di un trilione, vero che se ragioni in termini assoluti puoi dire che in 15 anni abbiamo quasi raddoppiato il debito rispetto a tutti gli anni precedenti ma ti sembra corretto ragionare così? No perché io ricordo quando per un cono gelato mi bastavano 50 lire

          • Andrea Zepulece

            Essatamente, pertanto ciò che hai affermato ad ugo è falso, la maggior parte del debito pubblico non è stato creato prima dell’euro,
            oggi abbiamo 2,2 trilioni.
            Possiamo affermare che dopo l’entrata nell’euro abbiamo guadagnato un altro trilione ,non si può parlare di “maggior parte” a men che tu abbia un idea differente di “maggior parte”
            a me sembra scorretto metterla come l’hai messa tu sinceramente .
            in un referendum vince una scelta al 51% e tu scriveresti ” la maggior parte del popolo” ?
            oltretutto il debito pubblico che riguarda il 1998, non riguarda gli anni 90, ma il debito pubblico italiano contratto dalla nascita della repubblica, essendo ingegnere, probabilmente potrai capire come me che basterebbe fare un bel grafico mentale per capire l’impennata che c’è stata in 15 anni d’euro, pertanto mi sembra più che corretto ragionare cosi, seguendo un grafico ci si accorge che c’è stato qualcosa di sbagliato in questi 15 anni, ora il difficile probabilmente è stabilirne la causa.

          • Zedicus

            Si, probabilmente abbiamo un idea diversa di quello che è “la maggior parte”, se io avessi il 54% delle azioni di una società riterrei di avere la maggior parte delle azioni magari mi chiamerebbero anche “socio di maggioranza”, che dici?
            Poi considera anche che se 20 anni fa avessi avuto un debito (o credito) di un milione non è assolutamente la stessa cosa di averlo oggi, ci si ostina a considerare il denaro come un valore assoluto e immutabile ma non è così, c’è una cosetta che si chiama inflazione, altrimenti una vecchia canzone, portata ai giorni nostri farebbe così “se potessi avere, mezzo euro al mese….”

          • Andrea Zepulece

            Fai attenzione, non stiamo parlando di quota di maggioranza , quando fai riferimento ad un debito pubblico di 220 e chiami parte di maggioranza un debito pubblico di 120 creato in 60 anni di repubblica non tenendo conto che in 15 anni hai accumulati altri 105, stai facendo un affermazione politicamente , eticamente, ed analiticamente scorretta, da ingegnere e programmatore avresti dovuto capirmi. E’ come se una macchina parte da roma diretta a milano e viaggia ad una velocità di 100 km /h poi dopo 3 ore parte un’ altra macchina diretta a milano e va a 300km/h tu stai sostenendo che la macchina che ha macinato più km è la prima,ignorando totalmente la seconda macchina.
            Anzitutto l’inflazone in ciò non dev’essere tirata in ballo, la quantità di denaro rimane immutata,è il suo valore a cambiare in campo inflattivo, pertanto non è un argomento per avvallare l’ipotesi inflattiva nella crescita esponenziale ed incontrollata del debito negli ultimi 15 anni, tenendo conto oltretutto che i 15 anni d’euro ci hanno dato stabilità a livello d’inflazione, raggiungendo picchi tra i più bassi mai avuti in italia.
            Poi tanto per dare una nozione, la nascita di una banca centrale è dovuta proprio all’inflazone, è un tentativo di frenarla, ma con risultati nulli direi 🙂

          • Zedicus

            Mettiamoci d’accordo, parliamo della quantità di denaro o del tasso di crescita del debito, a me pare che tu ti riferisci a quest’ultimo e allora sono d’accordo con te ma se parliamo dell’ammontare del debito non puoi rapportarlo al tempo perchè questo è un tasso.

            In termini di quantità il 54% è la maggioranza e questo non puoi negarlo, altrimenti dimmi tu quale percentuale deve avere per essere “maggioranza”, la mia affermazione si riferiva alla quantità non al tasso di crescita.

            Per quanto riguarda l’inflazione questa DEVE essere tenuta in considerazione, cosa pensi sia l’inflazione? Pensi che il suo aumento non influisca sulla spesa pubblica? Sarebbe interessante ricostruire il grafico del debito attualizzandone le cifre, ti faccio un esempio: nel 1990 il debito era di 667.847,73 euro, al valore attuale quella cifra corrisponde a € 1.258.014,36, interessante, vero?

            E’ anche per questo che è sbagliato guardare solo la cifra del debito, infatti il parametro interessante è il rapporto debito/PIL, se tu hai un debito di 100.000 euro e guadagni 10.000 euro all’anno stai meglio o peggio che avere un debito di 200.000 euro e guadagnare 30.000 euro all’anno, il debito è raddoppiato.

          • Andrea Zepulece

            allora andiamo con ordine
            1)purtroppo il tasso di crescita del debito è direttamente proporzionale alla quantità di debito, perché purtroppo vi è un interesse sul debito, a questo punto mi pare logico senza doverne spiegare il perché della proporzionalità.
            2)il 54% è un valore di maggioranza in una situazione di staticità, ovvero dal momento in cui tu prendi la misurazione di un qualcosa che non muterebbe nel tempo, allora quel valore diventa assoluto, ma purtroppo qui si sta parlando di un incremento esponenziale negli ultimi 15 anni, che non lascia dubbi che sia accaduto qualcosa di particolare in questi 15 anni, secondo la tua analisi il problema non viene inquadrato, perché misuri il valore senza tenere conto della dinamicità del valore stesso.
            Più velocemente accumuliamo debito, più velocemente ne accumuleremo per via dell’interesse, ti basta pensare che abbiamo accumulato 200 in meno di 1 anno e mezzo , significa un altro trilione in meno di 6 anni. ed ovviamente più il valore sarà alto, più l’interesse graverà sul risultato finale.

          • Zedicus

            “incremento esponenziale” ma sai cos’è una crescita esponenziale?!

          • Andrea Zepulece

            Ora parliamo d’inflazione, l’inflazione è una tassa nascosta sul potere d’acquisto della moneta,un tasso d’inflazione annua , non accresce la quantità di denaro, ma ne sminuisce il valore. Pertanto se tu avevi 1 miliardo di lire negli anni 90, e le case costavano 90 milioni, tu potevi comprarti 11 appartamenti sulla tiburtina a Roma, se il tasso d’inflazione è del 2% annuo, significa che ogni anno il tuo potere d’acquisto diminuisce del 2% ricalcolato ogni anno ovviamente sul valore totale,ciò porta ad oggi ,dopo 25 anni,che con 500 mila euro compri 1 casa e mezza sulla tiburtina . 🙂
            Pertanto secondo questo ragionamento il valore del debito pubblico dovrebbe essere drasticamente minore oggi, non drasticamente maggiore, ma purtroppo non è cosi, perché esso non dipende dall’inflazione, ma semmai dall’interesse, pr questo l’interesse è un ottimo strumento per combattere l’inflazione

          • Zedicus

            L’esempio della macchina proprio non l’ho capito, dovresti dirmi quando controlli i km percorsi, prima che parta la seconda macchina o dopo? In questo caso, si, la prima macchina in quel momento ha percorso più km. Se controlliamo quando è partita la seconda macchina quanto tempo dopo devo controllare i Km? Quando la prima sorpassa la seconda o prima? Controlliamo all’arrivo? Se è così, non credo che i 300 km/h possono tirare in ballo la dilatazione temporale quindi direi che hanno percorso la stessa distanza

          • Andrea Zepulece

            Se tu avessi fatto ingegneria sapresti stilare un grafico , perdonami non voglio diventare arrogante, ma non capisco come tu possa non capire avendo fatto ingegneria ed essendo programmatore. Ti parlo da programmatore.
            in un grafico abbiamo un debito di 100 spalmato in 60 anni, nell’altro un debito di 100 spalmato in 15 anni, come pensi sia il grafico?
            Per quanto riguarda l’esempio delle macchine, sono stato probabilmente troppo superficiale dando per scontato alcune ovvietà che a quanto pare non lo erano come ad esempio tutte le ipotesi del caso.
            1) se prendiamo ad esempio una distanza di 600 km ovviamente la macchina che partirà 3 ore dopo arriverà comunque prima di quella partita 3 ore prima , pertanto parlare di ” il debito è in maggior parte nato prima dell’euro, significa non vedere più in là del proprio naso, basta aspettare 1 anno e mezzo circa per rendere questa tua affermazione falsa
            2)possiamo prendere in considerazione un lasso di tempo di 60 anni, ovviamente con una velocità tripla, avremo un risultato triplo
            Sostanzialmente , dire che ha macinato più km soltanto perché è partita prima,è non analizzre la situazione dal mio punto di vista.

          • Zedicus

            Te lo ripeto, io sto parlando di quantità e tu di tasso di crescita, ora mi dici che ” basta aspettare 1 anno e mezzo circa per rendere questa tua affermazione falsa” quindi stai dicendo che per ora ho ragione, non è così?!
            Come fai a darmi ragione e torto allo stesso momento?
            Un altra cosa, mi piacerebbe che la smettessero di parlare di “crescita esponenziale” quando si tratta di una mera crescita polinomiale, sento dire che la cifra è raddoppiata e che la crescita è esponenziale! Ma dai!!! Se devo valutare la complessità di un algoritmo e questa è di tipo esponenziale (NP-Complex) allora lascio stare o uso algoritmi genetici e qui si usano termini che non hanno senso!

          • Andrea Zepulece

            La tua misurazione è al momento giusta, se prendo in considerazione il debito attuale, ma il debito non è statico, caspiterina 🙂 non è cosi difficile capirlo, non puoi fare una misurazione statica se ciò che misuri è tutto tranne che statico.
            è come se tu misurassi la velocità di una macchina che accellera costantemente di 1,5km/h al secondo al momento della misurazione, il numero è già cambiato, ma in questo caso avresti comunque la possibilità di prevederne il risultato a lungo termine, a causa della costante,nel nostro caso la costante non c’è, abbiamo come dato il fatto che in 60 anni abbiamo accumulato tot debito, e abbiamo quasi eguagliato quella cifra in soli 15 anni, è un dato allarmante!

            E no, la crescita del debito purtroppo, come ho spiegato nell’altro post, è direttamente proporzionale alla quantità di debito “vivente” a causa di un tasso d’interesse , che non è fisso ma variabile, e dipende anche dalla stabilità di una nazione, questo fa si che più debito hai, più ne accumui velocemente in proporzione al tasso d’interesse.

            E no, io sono dizionariodipendente purtroppo, non mi attacco al “pelo” ma la terminologia non è uno scherzo, permette di comunicare, di spostare pensieri da un cervello ad un altro, ecco perché le parole non vanno mai usate male, altrimenti non ci si capisce.
            Da dizionario:
            Di un fatto o un fenomeno che procede con progressione molto rapida: aumento, crescita e., sviluppo e.; con i cellulari il traffico telefonico è aumentato in modo esponenziale. ◆ Avv. esponenzialménte, con funzione esponenziale: un materiale radioattivo decade esponenzialmente nel tempo.

            Esattamente il nostro caso.

          • Zedicus

            ok, quindi attualmente ho ragione, so anch’io che tra poco non sarà più il 54% prima dell’euro e il 46% dopo, speriamo solo che il PIL cresca proporzionalmente, basta quello, per me il debito può anche raddoppiare ogni anno se il prodotto interno fa lo stesso, la situazione non cambia.
            Lasciamo stare il termine “esponenziale” va, tanto ormai è di uso comune mi sa che pochi sanno cos’è una funzione esponenziale o logaritmica, anche se poi si vantano dei decibel del loro impianto di amplificazione, se una cosa raddoppia ogni anno si dice che cresce esponenzialmente, forse fa più effetto che dire che la crescita è lineare.

          • Andrea Zepulece

            Il problema è che il prodotto interno lordo non cresce di pari passo con il debito 🙂
            Ciò che poni tu ora è una questione perfetta, la maggior parte dei governi difati parlano di austerity e di crescita, se uno stato ha crescita pari a 0% diventa un problema serio proprio per far fronte all’aumento di debito pubblico, ma la situazione dopo un po’ diventa ugualmente insostenibile,purtroppo , sempre per via di quell’interesse che il prodotto interno lordo dalla sua non ha.
            So bene cosè una funzione esponenziale. il problema è che la crescita esponenziale ha diversi usi nella ingua nostrana, quello matematico/fisico non è l’unico 🙂

          • Zedicus

            Sembra quasi che non sappiano che in un rapporto c’è un numeratore e un denominatore, se vuoi aumentare il rapporto o fai diminuire il denominatore (austerity) o fai aumentare il nominatore (crescita). Sono d’accordo sul tagliare gli sprechi e quindi spese improduttive ma occorre spendere bene se vuoi aumentare la crescita e quindi il benessere.

          • Andrea Zepulece

            Giustissimo, difatti una politica d’austerity ha senso fino ad un certo punto, dovrebbe esserci un rapporto matematico anche in questo ,ovvero tra spesa pubblica/servizi ritornati, se quel delicato rapporto si rompe, si più considerare anche una non politica l’austerity,ma più che altro un eliminazione del sociale.

          • Zedicus

            E sul sociale non è che l’Italia sia mai stata tanto brillante, ho una cugina che lavora per la Marcedes in Germania, li possono anche scaricare dalle tasse il costo della tratta da casa propria al pediatra. Una piccola cosa me tanto per far capire quanto distanti siamo

          • Andrea Zepulece

            Beh no,negli anni 60′ 70′ il sociale italiano era invidiato da molti paesi, era un sociale d’eccellenza 🙂 certo non paragonabile probabilmente a svezia ,norvegia ed altri paesi nordici probabilmente, ma era comuque un sociale d’eccellenza,pagare le tasse aveva un ritorno in servizi serio e professionale, non come oggi che non funziona nulla, eppur ci ritroviamo a pagare più tasse di una volta, a causa sempre dell’interesse sul debito 🙂

          • Zedicus

            Ma facciamo anche il caso di due quindicine consecutive:
            Debito 2012: 1.988.658,00
            Debito 1997: 1.238.171,66
            Debito 1982: 181.567,83

            Quindi dal 1997 al 2012 il debito è salito di 1,6 volte e nella quindicina precedente di 6,8 volte, interessante vero?

          • Zedicus

            comunque anche se tu volessi metterla in termini di tasso di crescita pensa a questo: dal ’75 al ’90 il debito è cresciuto di 16 volte, dal ’97 al 2012 il debito è cresciuto di 1,6 volte. Quindi quando c’è stata l’accellerata del debito secondo te?
            Guarda le serie storiche, prima il debito raddoppiava ogni 4-6 anni, altro che 15 anni!

          • Andrea Zepulece

            “l’accellerata “del debito c’è stata,come ho scritto in un post precedente, dal 1990 più o meno ad oggi,se si va a vedere invece un interessante grafico sul rapporto pil/debito
            otteniamo questo http://keynesblog.com/2012/08/31/le-vere-cause-del-debito-pubblico-italiano/o

          • Zedicus

            Quindi prima dell’euro, hai esordito in questa discussione dicendo “falsissimo” e ora mi dai ragione su tutta la linea?

          • Andrea Zepulece

            no, io ti ho detto falsissimo per quanto riguarda il fatto che sostenevi, e cioè che la maggior parte del debito pubblico sia stato creato prima dell’euro, la crescita del debito a cui siamo soggetti oggi, è senza precendeti.Se fai una misurazione cercando di fare un analisi di previsionem , ti accorgerai da solo di ciò,
            Il tuo errore , come già ti ho spiegato, stava nel fatto che tu facevi una “misurazione” statica del debito, ciò ti porta a calcolare quanto debito è stato creato nell’arco di 60 anni, in due decenni abbiamo preso 2 trilioni di debito sostanzialmente, forse ci sarà qualcosa di sbagliato in questi due decenni come ti suggeriva ugo? 🙂

          • Zedicus

            “La tua misurazione è al momento giusta, se prendo in considerazione il debito attuale” è esattamente quello che ho fatto, forse dovevo dire che per ora la maggior parte del debito è stata creata prima dell’euro? Così sarebbe andata bene?

          • Andrea Zepulece

            No, perché avresti continuato a non pensare alla crescita del debito, forse andava bene se tu avessi scritto anziché “prima dell’euro” “negli anni 90′” perché prima dell’euro a parte essere molto vago, comprende un lasso temporale di 60 anni
            se hai una damigiana da 25 litri da riempire e ne riempi 1,2 litri in 60 minuti… e nel frattempo io ne riempio 1 litro in 15 minuti, secondo te ha senso dire che tu hai riempito più litri d’acqua nella damigiana? di tutta risposta potrei dirti “ok aspetta altri due minuti”
            Ciò di cui si parla qui, è evidenziare e discutere di un problema, ed è evidente che il problema non è il debito pubblico che va nel lasso temporale prima dell’euro, ma dopo!Dovresti preoccuparti di come sto riempiendo la damigiana in fretta in questo momento, non di quello che hai fatto tu in 60 minuti!
            E la cosa preoccupante è che la situazione è destinata a crescere esponenzialmente,ovvero in una crescita rapida,ad esempio nel 2012 eravamo a 1,9 trilioni , oggi abbiamo superato i 2,2 dopo 3 anni, significa 100 miliardi all’anno, ovvero, secondo i tuoi esempi di prima, volessimo analizzarli in una quindicina, sarebbero 1,5 trilioni , ma anch’esso è un dato approssimato , perché l’interesse aumenterà ancora questo numero.

          • Zedicus

            Il 54% del debito attuale è stato accumulato prima del 1/01/1999, data di entrata in vigore dell’euro, cosa c’è di falso in questo?

            Il 54% è la maggioranza, è innegabile io non ho mai parlato di tasso di crescita, è ovvio che il debito salirà sempre e ad un certo punto avremo un breakpoint quando il debito accumulato dopo l’euro sarà maggiore di quello accumulato prima ma ad oggi non è così, c’è poco da dire.

            Tu mi dici che è falso perchè tra un anno e mezzo non sarà così, ok ma che centra? Sto parlando di oggi non di proiezioni future. Se ti dico che attualmente i campioni del modo di calcio sono i tedeschi non puoi dirmi che non è così perchè nel 2018 si giocherà ancora e probabilmente non lo saranno più, non ti pare?

            Comunque la frase “è senza precendenti” è completamente errata se parliamo di tasso di crescita, è corretta se parliamo di cifre assolute, per quanto abbia poco senso. Anzi ti dirò che qualsiasi periodo di tempo tu possa prendere la crescita è senza precedenti, indipendentemente da euro o meno. Fai una prova se vuoi, prendi che so, 5, 10, 15 anni vedrai che è sempre così, sempre senza precedenti, ovviamente parlo di valore monetario non tasso di crescita perchè quello è diminuito senza precedenti veramente.

            Quindi mettiamoci d’accordo parliamo di tassi e tendenze o di termini monetari assoluti? Perchè mi sembra che tu passi da uno all’altro quando ti fa comodo.

            Se parliamo di valori assoluti però non tirare più fuori la questione temporale, se parliamo di tassi non dirmi che raddoppiare è diverso da raddoppiare.

          • Andrea Zepulece

            Ok passo alla matematica allora,ti ho già spiegato che il tasso di crecita del debito è direttamente proporzionale all’ammontare totale del debito,quindi non parlo dell’uno o dell’altro a seconda di come mi fa comodo ma ne parlo assieme perché sono strettamente legati in questo discorso.Se siamo costretti a pagare 25miliardi d’euro ogni mese per l’interesse sul debito, andando sotto di 10 milliardi al mese, significa 120 miliardi annui che significano 1,2 trilioni tra 10 anni (sarà di più a causa dell’interesse ma arrotondiamo abbondantemente per difetto)
            tra 10 anni significa che noi dovremmo pagare un interesse sul debito che equivale ad 1/3 di più di quello attuale, il che significa 8,3 miliardi in più al mese che in soldoni fanno 32,3 miliardi d’euro al mese, se la crescita nostrana rimarrà intorno allo 0, qualcosa % significa che noi andremo sotto di 18,3 miliardi d’euro al mese anziché 10 🙂 che significano 200 miliardi annui un altro trilione in 5 anni, in tutto ciò non abbiamo considerato il ricalcolo dell’interesse sul valore totale ogni anno, ciò porta che tra più o meno un decennio, noi avremmo quasi 4 trilioni d’euro di debito pubblico. Ovviamente tutti questi valori sono approssimati, ma rendono l’idea spero di cosa comporti.
            La questione temporale DEVE essere tirata in ballo, se si parla di un interesse è D’OBBLIGO, hai mai preso un muto in vita tua? Guarda che il problema del debito pubblico non è l’enorme cifra che siamo costretti a restituire, ma l’INTERESSE sul debito di quella cifra, è soltanto questo causa dei nostri mali, che tra l’altro è anche causa dei mali greci, noi non abbiamo fatto beneficienza alla Grecia, l’abbiamo spolpata, gli abbiamo prestato 100 chiedendogli 150 in cambio 🙂 siamo furbi mica scemi.

          • Zedicus

            Ok, qui sei nel mio campo “ti ho già spiegato che il tasso di crecita del debito è direttamente proporzionale all’ammontare totale del debito” stai facendo di nuovo confusione se dici che la “crescita è direttamente proporzionale (i fattore della proporzione si chiama tasso) al debito” allora va bene ma il tasso non aumenta assolutamente in base al debito! Il resto nemmeno lo leggo (per ora) perchè parti da presupposti sbagliati, decidi se parlare di tassi o di quantità.

          • Andrea Zepulece

            e forse invece dovresti leggere, l’ho spiegato bene in un altro post controlla le mie risposte

          • Zedicus

            Perchè non proviamo a fare un analisi “previsionale” facendo l’ipotesi di non essere mai entrati nell’euro e calcoliamo quanto avremo di debito ora al tasso di crescita che avevamo prima? Credo che il risultato ti sorprenderebbe, si può fare, abbiamo tutta la serie storica, ora è meglio che vada avanti con il lavoro ma farò questa analisi e vediamo cosa ne risulta (certo che se nei 15 anni prima dell’euro il debito è salito di quasi 7 volte….. vedremo)

          • Andrea Zepulece

            il debito in quegli anni non saliva perché eravamo fuori dall’euro, se vuoi cercarne le ragioni, magari comincia a pensare che dagli anni 90′ in poi , è accaduto qualcosa di diverso …perché è ovvio che qui si parla di un sistema/debito no? se non è ovvio ti spiego il mio punto di vista e perché penso sia cosi.
            ciò che è accaduto probabilmente sono le continue riforme bancarie che sono state fatte 🙂 rendendo di fatto, banche pubbliche,private mascherate, come nel caso di bankitalia, da istituti di diritto pubblico
            tuttavia, ciò che tu scrivi , è esattamente quel che scrivo io, ora mi dai ragione tu?il termine “prima dell’euro era molto vago, se tu avessi scritto negli anni 90′ , non sarei intervenuto, il lasso temporale che interessa a me, va dal 1990, al 2015 .
            in questi 25 anni è accaduto qulcosa a livello macroeconomico nella nostra nazione, di profondamente sbagliato, qualunque cosa sia, qualunque cosa avessero volluto fare, hanno sbagliato!

          • Zedicus

            Io ricordo bene quel periodo, non so quanti anni tu abbia ma ricordo perfettamente la svalutazione fittizia della lira per incentivare le esportazioni, si stampavano lire a menetta e sai cosa a portato questo?
            Ci hanno beccato proprio in quel periodo e il risultato è stato 1936,27 ecco cosa è successo o almeno una delle cause

          • Andrea Zepulece

            Hai fatto centro, e fin qui siamo d’accordo, ma come sai non ha portato a 1936 🙂 , o meglio, non è stata l’unica situazione, io sono un signoraggista differente dagli altri che sostengono stranezze 🙂 l’inghippo è nel sistema debito, la creazione stessa della moneta ci causa debito, perché nasce da un debito e quindi con il relativo interesse.
            La causa di tutti i mali insomma, per farla breve,non sono i valori nominali e intrinsechi della moneta, non sono tutti i discorso che possiam fargli attorno, è l’interesse, che mantiene un flusso perpetuo e costante, dalle nostre tasche ad “altrove” ciò permette di mantenerci in scacco, altrimenti chiunque sarebbe in grado di accumulare ricchezza sufficiente in 20 anni di lavoro, per comprarsi qualcosa, affittarla e campare di rendita 🙂
            Per sostentare i ritmi della società moderna, è fondamentale che il ceto medio/basso stia bene , ma mai troppo.

          • Zedicus

            Si, con te si può parlare e apprezzo la discussione, sono d’accordo che il circolo vizioso di far debito per pagare debito non può reggere all’infinito ma speriamo che regga almeno fino alla morte del nostro sole, basterebbe quello.
            Per quanto riguarda la moneta, come dicevo a Ugo questa non è altro che un debito dell’emittente nei confronti del portatore ed è “pagabile a vista al portatore”, il nostro sistema funziona così ma forse qualcosa ora sta per cambiare: l’Isis ha coniato le sue prime monete, in oro, argento e rame con ovviamente valore intrinseco.

          • Zedicus

            Io non sono in completo disaccordo con te è solo che non capisco mai se vuoi parlare di tassi o di quantità, passi da uno all’altro.
            Io con Ugo parlavo di quantità, poi sei arrivato tu e hai cominciato a parlare di tempo e quindi di tassi, poi io ti ho fatto vedere che il debito cresceva a tassi enormemente più alti prima dell’euro ma tu sei tornato alle quantità dicendo che c’è raddoppiare e raddoppiare perchè dipende dalla mole del debito.
            Deciditi

          • Andrea Zepulece

            OK diciamo che forse il termine “tasso d’interesse” è un errore mio, perché porta a pensare ad una percentuale, diciamo che la crescita del debito, è direttamente proporzionale all’ammontare del debito, questo a causa dell’interesse 🙂
            Ecco perché voglio parlare di entrambe le cose , ed ecco perché penso siano legate…
            Mettiamo in conto un tasso del 10% annui nei primi anni 90′ , su un debito di 300 (non guardo cifre esatte è solo un esempio) si ha in 10 anni una crescita di 484 + 300 = 784 miliardi d’euro
            mettiamo invece in conto un tasso di crescita del 10% annui ad oggi che abbiamo 2 trilioni?
            basta moltiplicare il risultato (sempre approssimativamente) quasi per 7 ,quindi arrotondiamo per difetto a 6 (3×6=18 poco meno di due trilioni) avremmo come risultato 784 x6 =4704
            con questo voglio significare che è per questo che secondo il mio parere, se si incappa in storicità del tasso d’interesse con valori statici ,si va in errore.
            Potremmo anche avere un calore più basso rispetto ad altri anni, ma ora con la mole del debito che abbiamo , pagare un 5% significa non riuscire ad avere una politica sociale decente,figurarsi tra 5 anni

          • Zedicus

            sono d’accordo che emettere debito per pagare il debito è un po’ un assurdità ma ti ripeto che l’importante è che aumenti anche il PIL e “tutto” va bene, poi se vuoi parlare di tassi il 10% negli anni 90 poteva starci ma ora stiamo parlando del tasso medio dell’1,35% (dati del dipartimento del tesoro per l’anno 2014) perchè sono notevolmente calati grazie all’euro, quindi le tue stime, seppur approssimative, sono decisamente sbagliate, questo non toglie che il debito è insostenibile senza una seria crescita.

          • Zedicus

            Comunque se ti va proviamo a fare i conti con i tassi di crescita pre-euro, prendiamo un tasso medio o meglio un tasso tendenziale e vediamo cosa avremo ora senza il paracadute Euro, io credo che sarebbe molto peggio, poi la svalutazione potrebbe portare dei benefici ad un paese esportatore come noi e magari si starebbe meglio ma con un debito decisamente più alto.
            Almeno quando qualcuno mi dirà che il debito è colpa dell’euro, dati alla mano potrò dimostrare che in realtà il debito sarebbe molto ma molto più alto senza euro.
            Ti ripeto però che il debito conta veramente poco preso da solo

          • Andrea Zepulece

            Credo che non sia utile fare un calcolo del genere, perché il problema credo vada sviscerato , sezionato, ed analizzato sotto altri aspetti.
            Se convieni con me che ci sia stata una svalutazione speculativa mirata della lira nei primi anni 90′ ,converrai con me che sia stato voluto perché fungeva da deterrente per portare la bankitalia ad una banca privata mascherata da un istituto di diritto pubblico, in linea con ciò che voleva la cee, non scordiamoci che il progetto della moneta unica è un progetto che va molto più lontano del 1998/99. è stato un percorso che ha fatto crescere il debito pubblico in maniera così rapida.
            Quando leggo persone che scrivono “il debito pubblico nasce quando uno stato spende più di quel che produce” mi viene l’ulcera, perché le uniche spese che può affrontare uno stato ovviamente, sono spese del sociale, a parte pagare i dipendendi statali ovviamente, ma come si può mai paragonare il sociale italiano degli anni 60/70 e primi 80, con quello degli anni 90 e di questo millennio?e sopratutto paragonare gli statali già dei primi 90 rispetto a quelli del nuovo millennio, dove tutto è stato privatizzato, e società come la vecchia sip hanno dimezzato i loro dipendendi che comunque sono passati alla telecom, società privata dal 1997 🙂
            Mettiamoci in testa anzitutto che c’è un sistema dietro ciò,e che il percorso che ci ha portato all’euro indubbiamente ci ha messo in questa situazione.

          • Zedicus

            dovresti spiegarmi cosa intendi con “svalutazione speculativa” e la storia del deterrente per la Banca d’Italia. Forse non ti ricordi cosa stava succedendo in quegli anni, parlo in particolare del 1992, l’Italia stava fallendo, le aziende chiudevano, eravamo in piena tangentopoli, si prospettava un tasso di inflazione a due cifre ed eravamo legati ad alcuni trattati che non ci permettevano una svalutazione, forse ricorderai l’ECU, forse ricorderai la manovra “lacrime e sangue” di Amato, del prelievo forzoso dai conti correnti. Mi sembra che non si possa parlare di “svalutazione speculativa”.
            Se vuoi la mia modesta opinione io non cercherei tanto ipotesi di complotto organizzato ma la responsabilità ce l’ha la modesta classe politica che avevamo, facile a corruzione, clientelismi e del tutto priva di lungimiranza. L’errore, o meglio, uno degli errori è stato il voler entrare nell’Euro subito, potevamo aspettare, invece i nostri politici di destra, sinistra, centro, alto e basso hanno voluto, probabilmente solo per questione di prestigio, entrare nella moneta unica quando le cose stavano migliorando per noi. E’ un po’ come vendere delle azioni quando queste stanno salendo e magari sono ben lontane dal loro apice di valore.

          • Andrea Zepulece

            Perdonami,stai confondendo la mole dei numeri, un conto è quando il debito pubblico raddoppia se si hanno 200 milioni di debito, un conto è quando raddoppia se si hanno 1 trilione.
            Anche dal punto di vista dell’indebitarsi, un conto è se fai un buco di 5 miliardi d’euro per il mose,ben altro se fai un buco in 7 anni, di 1 trilione d’euro.

          • Zedicus

            A parte il fatto che sto dicendo che è aumentato DIECI volte di più e non del doppio ma in termini di fattore di aumento è la stessa cosa, se raddoppia raddoppia indipendentemente dalla cifra, o no?!
            Poi ti ostini a considerare il denaro come se il suo valore fosse costante nel tempo, con 2.000 miliardi di euro negli anni 70 potevamo comprarci l’Olanda e guardare con cupidigia il vicino Belgio.
            Con questo non voglio dire che vada tutto bene ma che forse non va nemmeno in modo così catastrofico, poi c’è chi dice che “si stava meglio quando si stava peggio” e allora non c’è discussione.
            Ripeto ancora una volta: il debito pubblico a se stante ha poco significato, se non nullo, quello che devi guardare è il rapporto debito PIL e magari ad altri indici che evidenziano il benessere delle persone

          • Andrea Zepulece

            Non va in modo cosi catastrofico? xD ma lo sai che è un invenzione la crisi? 🙂 noi in Italia ogni mese siamo in positivo di circa 15 miliardi d’euro lo sapevi? siamo in attivo in realtà, ma ogni mese dobbiamo pagare circa 25 miliardi d’euro d’interesse sul debito, attenzione INTERESSE, quindi non saniamo il debito,ed ecco che siamo sotto di 10 miliardi al mese, 120 circa l’anno, 1,2 trilioni in un decennio.
            Questo comporta che
            – nelle scuole ci sono 1 professore ogni 30 alunni e l’apprendimento scolastico ne soffre.
            -scuole dissetate, piove dentro, d’inverno spesso non funzionano i termosifoni
            -le strade sono impraticabili, buche ovunque dove neanche nel terzo mondo (dove sono stato) hanno un simile dissesto stradale
            -tagli continui a sanità, infermieri che sotto cooperative fanno turni massacranti e mettono a repentaglio vite dei pazienti , idem medici , ostetriche ecc
            -pensione molto al di sotto la soglia di povertà stilata dai dati istat di 780 euro mensili, e vorrebbero fare ulteriori tagli alle pensioni
            -diritti sul lavoro uguali al periodo pre 68,
            -tasse che strozzano le persone, che pure lavorando e guadagnando si ritrovano un pugno di mosche per le mani
            Più catastrofico di cosi come dovrebbe essere? Vuoi diventare come il congo per essere catastrofico?
            Il problema qui non è politico, non si parla di sprechi o di come si mangiano i soldi, stiamo parlando del fatto che andiamo sotto di 120 miliardi l’anno circa, solo pagando l’interesse sul debito, altrimenti guadagneremmo 150 miliardi l’anno 🙂
            P.S il reddito di cittadinanza ne costa 6,5 l’anno

          • scondotomo

            IL DEBITO PUBBLICO SI HA PERCHE’ LO STATO VENDE TITOLI DI STATO CHE PER FARTI CAPIRE SONO CAMBIALI CHE LO STATO EMETTE E CHE VENGONO COMPRATE PER LO PIU’ DA PRIVATI CITTADINI (DIRETTAMENTE DETENENDO BOT BTP ETC ETC) O INDIRETTAMENTE DETENENDO FONDI OBBLIGAZIONARI DI PRIVATI (BANCHE SIM ETC ETC) CHE IN PANCIA (SCUSA AL LORO INTERNO) HANNO TITOLI DI STATO….IL DENARO E IL DEBITO PUBBLICO SONO DUE COSE TALMENTE DIVERSE CHE BISOGNA AVERE FANTASIA PER PARAGONARLE….IL DEBITO PUBBLICO SERVE A PAGARE GLI STRONZI CHE SI RUBANO LO STIPENDIO E SI INTASCANO LA MAZZETTA….SERVONO A PAGARE LE CURE MEDICHE ALLE PERSONE CHE SI RECANO DALLO PSICHIATRA OSPEDALIERO…..COME CAVOLO FA LO STATO A PAGARE LA PENSIONE SOCIALE SE NON HA SOLDI???? LI PRENDE IN PRESTITO E IN CAMBIO DEI TITOLI DI STATO RICEVE DENARO. SECONDO TE PRIMA CHE CI FOSSE LA MONETA E LE BANCHE NON ESISTEVANO I DEBITI??????

          • Ugo Caira

            TUTTA LA MONETA IN CIRCOLAZIONE E’ COPERTA DA DEBITO!
            QUESTA E’ UNA TRUFFA!
            BASTEREBBE CHE LO STATO BATTESSE MONETA SENZA INDEBITARSI!
            LE PENSIONI SI PAGHEREBBERO CON TUTTI I SOLDI CHE LO STATO VERSA IN INTERESSI SUL DEBITO OGNI ANNO… SENZA CONTARE CHE OGNI ANNO LE BANCHE IN ITALIA FANNO UN FALSO IN BILACIO DI BEN 2000 MILIARDI DI EURO!
            PROVA SOLO A IMMAGINARE CON 2000 MILIARDI OGNI ANNO (CHE EQUIVALE ALL’INTERO DEBITO PUBBLICO) QUANTE PENSIONI E QUAN’ALTRPO SI POTREBBERO ELARGIRE!

    • Luigi Fabozzi

      infatti

    • Filippo Bellini

      quoto al 1000% per 1000€

    • βαγγος

      vorrei solo aggiungere una cosa: L’america ha bisogno che la grecia rimane sotto il controllo del ovest non potendo rischiare di perdere il vantaggio geo-politico della posizione della grecia. Tutti i rifornimenti verso il sud (Africa) sotto la grecia si fanno dal porto/aeroporto di Souda a Chania di Creta dove ci sono anche le basi della NATO. Non possono rischiare di permettere agli Europei di girare le spalle alla Grecia col rischio della Russia e della Cina ad aspettare dietro l’angolo ad autarci economicamente con favori territoriali (comercio etc…).. Quindi L’europa anche per questo motivo ha le mani legate nel prendere decisioni che non siamo d’accordo (noi Greci). Il problema e’ nato dai politici di prima che svendevano “Grecia” per far dominare le loro imprese e straricchire. Questo ed il loro tangento-dominio finiranno appena il nuovo governo riesce a respirare dopo aver concluso -se mai- un accordo con condizioni umane e democratiche… invece degli accordi che continuano provocatamente a proporre gli europei di germania,francia,belgio etc… con ulteriori abbassamenti di stipendi, pensioni e licenciamenti.. le quali ovviamente rifiutiamo a firmare.

      • Ugo Caira

        Ovvio… ma l’America ha le mani troppo lunghe e la Grecia non il suo unico obiettivo!

    • Alex

      Invito tutti a leggere la bellissima “Teoria della Montagna di Merda” prima di rispondere.

    • Solo Lancia

      suuuu sveglia.. truffe delle banche, valore carta, europa, euro, germania ecc ecc.. ecco
      giusto le scie chimiche che passavano sulla Grecia e magari gli extraterrestri…

      ma dire semplicemente che esiste un valore che si
      chiama PIL che sostanzialmente stabilisce quanto “fattura/produce” un
      paese.. e un altro valore che è invece quanto un paese spende. E che la
      Grecia ha “consumato” piu di quel misero PIL che è capace di produrre?
      e che alla fine quella denigrata carta-moneta di cui parli è esattametne fatta in rapporto a quanto produce il tuo paese è troppo difficile da capire? (x questo si fecero i valori di cambio tra i vari paesi tra di loro.. )

      La Grecia in anni passati, con tanti bei governi di centro destra, ha
      raccontato al mondo e al suo popolo di avere un PIL “10” x avere soldi e
      credibilita economica internazionale x poter poi spendere e avere
      denaro dall’UE come “10”.
      La realta era che il paese produceva (e produce) 1.
      E quando è saltata fuori la verita è venuto fuori il debito .

      Non centra un c..o l’Euro e tutto il resto!
      bastava
      semplicemente, con persone serie al governo (come hanno in Germania e
      in altri paesi nord-UE) che si limitasse a “consumare” quanto produceva,
      esattamente come fa ognuno di noi a seconda dello stipendio/patrimonio
      in casa propria.
      E piantiamola con sto qualunquismo.complottismo
      farlocco e in realta da Tafazzi creato ad arte, fatto qua e la dal
      comico o dai Salvini di turno x puro ritorno elettorale dimenticandosi
      che se distruggiamo l’UE e l’Euro distruggiamo l’unica arma che abbiamo x
      valere qualcosa nel mondo difronte a colossi dell’economia come Cina,
      usa, Russia medio oriente!

      • Ugo Caira

        NON HAI CAPITO UN CAZZO… NON CI PROVO NEPPURE A RISPONDERTI SEI TROPPO INDOTTRINATO A TAL PUNTO DA NON CAPIRE CHE IL PIL E’ UNA CAZZATA… NON RISPECCHIA UN TUBO!!!!
        MI PARE CHE TI MANCHINO I FONDAMENTALI DELL’ECONOMIA REALE E CHE TI NASCONDI DIETRO A RAGIONAMENTI BASATI SUL NULLA… GLI STESSI CHE SI SENTONO AI TG!!!
        BAHHH!!! POVERA ITALIA!!!

    • Zedicus

      E’ dal 1700 circa che la moneta non ha più un valore intrinseco, cosa proponi? Di tornare ad avere il borsellino con le monete d’oro, argento e rame o tornare direttamente al baratto?

      • Ugo Caira

        NO! E’ DA QUANDO IL DOLLARO NON E’ PIU’ COPERTO DAL CORRISPETTIVO AUREO!

    • Zedicus

      Ti devo ringraziare, mi ha fatto tornare indietro con gli anni, mi è venuto in mente che alle elementari mi facevo la stessa domanda: perchè non stampare semplicemente banconote?
      A questo punto potremo avere le strade piastrellate in ceramica, gli edifici in marmo di Carrara, tanto, che ci vuole? Stampiamo soldi e paghiamo con quelli, perché no?
      Quando dobbiamo comprare petrolio daremo in cambio tonnellate di banconote fresche di stampa.
      Se devo coprire il mio conto in rosso, perché non fare semplicemente un assegno alla banca.
      Ci sarebbe poi il problema dell’inflazione ma che ce ne frega? Aumentiamo gli stipendi stampando ancora banconote, poi quando il valore del denaro sarà pari al suo valore in materia prima pagheremo in base al peso della carta

      • Ugo Caira

        RINGRAZIARMI… MA DI NULLA!
        EVIDENTEMENTE QUANDO ERI ALLE LEMENTARI E NON ERI LOBOTOMIZZATO DAL SISTEMA L’INTELLIGENZA TI FACEVA RAGIONARE, ORA INVECE COME MOLTI, TI SEI MANGIATO IL CERVELLO!
        TI HANNO FATTO CREDERE CHE SE ESISTE LA SOVRANITA’ MONETARIA POI L’INFLAZIONE GALOPPA! MA NULLA DI PIU’ SBAGLIATO!!!
        SE ESISTESSE UNA VERA BANCA NAZIONALE (NAZIONALIZZATA E NON PRIVATA COME E’ IN EFFETTI LA BANCA D’ITALIA), QUESTA AVREBBE IL COMPITO DI MONITORARE L’EMISSIONE MONETARIA E FAR SI CHE LA MONETA CIRCOLANTE NON SUPERI IL VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI!
        INOLTRE LE BANCHE PRIVATE NON EMETTEREBBERO MONETA DAL NULLA, MA I PRESTITI LI FAREBBE SOLO LA BANCA NAZIONALE SENZA ALCUN INTERESSE, ANZI ESISTEREBBE UN REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA (COME PERSINO GHEDDAFI EMETTEVA IN LIBIA), IN MODO TALE CHE NESSUN CITTADINO POSSA ARRIVARE A VIVERE IN MODO DEGRADATO COME AVVIENE OGGI!
        INUTILE POI SPIEGARTI CHE NON AVREMMO IL DEBITO PUBBLICO DI 2000 MILIARDI DI EURO DI OGGI, NE’ TANTOMENO L’EVASIONE FISCALE DELLE BANCHE CHE (BADA BENE) PRODUCONO L’EQUIVALENTE DI 2000 MILIARDI IN ITALIA OGNI ANNO!
        ORA PROVA SOLO A PENSARE CHE COSA SI POTREBBE FARE CON QUESTA IMMENSA RICCHEZZA CHE E’ NELLE MANI DEI BANCHIERI!
        MA TI RENDI CONTO DELLE STUPIDAGGINI CHE SCRIVI?
        MA NON E’ COLPA TUA… E’ SOLO CHE A FURIA DI SENTIRE TUTTE QUESTE STRONZATE DAI POLITIVI IN TV TI HANNO FATTO CREDERE QUESTO!
        LA TUA COLPA E’ NON AVER COMPRESO, CAPITO CHE STAI CREDENDO IN DELLE PUTTANATE… INSOMMA HAI CREDUTO A PAPPAGALLO SENZA CAPIRE LA LOGICA DELLE COSE!
        ORA PER FAVORE… INFORMATI MEGLIO… DI CAZZATE CHE HAI SCRITTE CHE VA BENE! 🙂

      • Ugo Caira

        RINGRAZIARMI? MA DOVERE!
        QUANDO ERI ALLE ELEMENTARI USAVI L’INTELLIGENZA, ORA CHE TI HANNO LOBOTOMIZZATO TI SEI MANGIATO IL CERVELLO!
        NON E’ ASSOLUTAMENTE VERO CHE SE UNO STATO STAMPA MONETA IN COMPLETA SOVRANITA’ SI CREA INFLAZIONE!
        UNA BANCA NAZIONALE COME LA BANCA D’ITALIA DOVREBBE ESSERE E NON PRIVATA COME DI FATTO E’ NONOSTANTE L’APPARENZA DELLO STATUTO, DOVREBBE POTER BATTERE MONETA A COSTO ZERO SENZA INDEBITARE LO STATO, CONTROLLARE CON UNA CORRETTA POLITICA MONETARIA CHE L’EMISSIONE MONETARIA NON SUPERI UN CERTO LIVELLO D’INFLAZIONE ACCERTANDOSI CHE I VALORI DELLE MERCI E SERVIZI IN CIRCOLAZIONI NON VENGANO SUPERATI DA UNA ECCESSIVA EMISSIONE MONETARIA!
        LO STATO SI TRATTIENE ALLA FONTE DELL’EMISSIONE MONETARIA IL FABBISOGNO SENZA DOVER TASSARE I CITTADINI, ANZI DOVREBBE ELARGIRE UN MINIMO REDDITO DI CITTADINANZA SENZA ALCUNA CONDIZIONE PER PERMETTERE A CHI NON POSSIEDE UN REDDITO DI VIVERE DECOROSAMENTE! QUESTO LO FACEVA PURE GHEDDAFI IN LIBIA OLTRE AD ALTRE INIZIATIVE A FAVORE DEI CITTADINI! (ALTRO CHE DITTATORE) PER QUESTO FU FATTO FUORI!
        ANCHE IL PRESIDENTE JF KENNEDI CON L’EMENDAMENTO ESECUTIVO 11110 (TUTTORA NON ABOLITO) STAMPO’ DOLLARI DELLO STATO SENZA IL C.D. SIGNORAGGIO, ED E’ PER QUESTO CHE FU UCCISO, INFATTI DOPO LA SUA UCCISIONE FU RIPRISTINATO IL VECCHIO SISTEMA DELLA MONETA A DEBITO DELLA FED!
        INFORMARSI FA BENE ALLA SALUTE! NON FA FARE BRUTTE FIGURE E SVILUPPA L’INTELLIGENZA!
        STUDIA IL PROF. GIACINTO AURITI INVECE DI PARLARE A VANVERA!

        • Zedicus

          Interessante che tu abbia cambiato la risposta, perchè sulla prima che hai scritto ero più d’accordo con te. Sono d’accordo sul fatto che le banche siano incontrollate e che “producano” denaro dal nulla, mi piacerebbe avere un azienda gestita come una banca, puoi fare quello che ti va, se poi ti va bene guadagni, se sbagli arriva lo stato e ti salva.

          Nella risposta originale scrivevi, sulla banca d’Italia: “QUESTA AVREBBE IL COMPITO DI MONITORARE L’EMISSIONE MONETARIA E FAR SI CHE LA MONETA CIRCOLANTE NON SUPERI IL VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI”, vuol dire che l’emissione di moneta non deve superare il PIL (altrimenti si fa debito). Il ragionamento è ineccepibile, per non fare debito basta non spendere più di quello che guadagni, sono completamente d’accordo con te!

          • Ugo Caira

            NON CAPISCO COSA CI SIA DI DIFFERENTE… HO SEMPLICEMENTE ESPRESSO PIU’ COMPIUTAMENTE IL MEDESIMO CONCETTO!

          • Zedicus

            Quindi sei d’accordo, come hai detto, che l’emissione di moneta non deve superare il PIL o no?! Mi sembra che questa risposta contraddica la prima: “LA MONETA CIRCOLANTE NON SUPERI IL VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” e ” “NON SPENDERE PIU’ DI QUELLO CHE SI GUADAGNA” E’ ESATTAMENTE LA POLITICA DEL CAZZO DELLA BCE CHE HA IMPOSTO ALL’ITALIA” sono due cose opposte.

          • Ugo Caira

            TI HO APPENA RISPOSTO! HAI LETTO QUELLO CHE HO SCRITTO O NO?

          • Zedicus

            si, ho letto il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” non è altro che la definizione del PIL, chiamalo PAPERINO se vuoi ma quello è, chiamiamolo “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” senza sigle ma in ogni caso ti stai contraddicendo.

            Se lo Stato deve emettere valuta senza superare il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” come può spendere più di quello che guadagna senza fare debito? Emettendo altre banconote no perchè supererebbe il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” e allora?!

          • Ugo Caira

            CAPISCI UN CAZZO! IL PIL E’ SOLO LIMITATO AD UN PANIERE DI PRODOTTI CHE ESCLUDE TUTTI GLI ALTRI, PER CUI NON RISPECCHIA UN BEL NULLA! I DATI FORNITI NON SOLO IL PIL SONO FALSI, FASULLI, SBALLATI, ERRATI, NON CONGRUI… L’HAI CAPITO O NO CHE E’ UN’ IMMENSA TRUFFA?
            POI UNO DICE… PERCHE’ USI IL MAIUSCOLO?
            BAH!!! POPOLO DI PECORE LOBOTOMIZZATE!!!

          • Zedicus

            Ti ho detto di non usare il “PIL” ma il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI”, rispondi alla domanda.

            Se lo Stato deve emettere valuta senza superare il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” come può spendere più di quello che guadagna senza fare debito? Emettendo altre banconote no perchè supererebbe il “VALORE DELLE MERCI E I SERVIZI PRODOTTI” e allora?!

          • Ugo Caira

            LO STATO EMETTE I SOLDI LADDOVE CI SIA NECESSITA’… SE C’E’ NECESSITA’ VUOL DIRE CHE C’E’ RICHIESTA… VUOL DIRE UN PRODOTTO DA PRODURRE, UN SERVIZIO DA FORNIRE!
            LA MONETA PRODOTTA IN ANTICIPO RISPETTO AD UNA RICCHEZZA CHE DOVRA’ ESSERE PRODOTTA E’ GIA’ COPERTA IN PREVISIONE DI!
            LO STATO PER ESEMPIO CHE DEVE COSTRUIRE UN OPERA PUBBLICA CHE FA A FRONTE DI UN PROGETTO? EMETTE MONETA PERCHE’ SA CHE IL SUO VALORE VERRA’ COPERTO DAL PROGETTO REALIZZATO!
            NON E’ LA MONETA EMESSA DAL NULLA DA UNA BANCA SU CUI CHIEDE INTERESSI USURAI E SU CUI NON PAGA NESSUNA TASSA ALLO STATO POICHE’ QUANDO VIENE EMESSA VIENE ISCRITTA NEL REGISTRO AL PASSIVO!
            DAPITOMIHAI???

          • Zedicus

            “CONOSCI UNO STATO CHE E’ RIENTRATO ANCHE SOLO PARZIALMENTE DAL DEBITO… DIMMI QUAL E’!!!”

            La Svizzera è passata da un debito nel 2006 di 51 miliardi ad un debito di 32,2 nel 2010 pari ad un calo del 35% circa.
            E comunque è il rapporto debito/PIL che conta ma dato che il PIL non esiste…. e nemmeno il debito…. in matematica zero diviso zero è un numero indefinito, può essere 1, 0, +infinito, -infinito, o altro, dipende dalla derivata della funzione numeratore e denominatore.

          • Ugo Caira

            LA SVIZZERA IL PAESE DELLE BANCHE… CHISSA’ SE E’ UN CASO? 🙂

          • Zedicus

            l’Arabia Saudita nel 2004 aveva 74 miliardi di debito e nel 2011 ne aveva 13 miliardi pari ad una diminuzione dell’ 82%
            Ma ora dirai che l’Arabia Saudita è il paese del petrolio

          • Ugo Caira

            TE LO DIRO’!!! CHISSA’ COME MAI E’ PIENA DI PETROLIO E DI SOLDI!!!
            GUARDACASO!

          • Zedicus

            Poi ce ne sono svariati altri, ti darò un elenco completo, anche se tu hai chiesto di dartene anche solo uno, questi due sono quelli che ho cercato direttamente perchè ero sicuro ma mi sembra che anche l’Algeria abbia diminuito il suo debito pubblico.
            Comunque almeno ora non potrai dire che non si rientra dal debito pubblico

          • Ugo Caira

            E SECONDO TE QUESTE ECCEZIONI DOVUTE ALLA RICCHEZZA DI QUESTI STATI DOVREBBERO DIMOSTRARE CHE E’ POSSIBILE RIENTRARE DAL DEBITO PUBBLICO?
            HAI DETTO CHE SEI INGEGNERE… HAI DETTO CHE USI LA LOGICA, MA A ME NON PARE PROPRIO!
            TI PRIMA SPIEGATO CHE TUTTA LA MONETA EMESSA, E’ COPERTA DA DEBITO!
            SE TUTTA LA MONETA SI EMETTE COL DEBITO, DOVE SI TROVERA’ LA MONETA PRIVA DI DEBITO PER COPRIRE IL DEBITO PUBBLICO?
            SE VUOI RISPONDERE… SE CI RIESCI… ILLUMINACI!

          • Zedicus

            Ma che stai dicendo?! Cosa pensi che sia il denaro?! Una banconota non è altro che un debito dell’emittente nei confronti del possessore, ti ricordi cosa c’era scritto nelle lire ? “Pagabili a vista al portatore “, possibile che non ti sia mai chiesto cosa significasse ?!

          • Ugo Caira

            QUESTO E’ UN CONCETTO ERRATO DELLA MONETA!
            LA MONETA E’ UN MEZZO PER SOSTITUIRE IL BARATTO!
            LA MONETA DOVREBBE RAPPRESENTARE NON IL VALORE IN SE’, MA IL VALORE DELLA RICCHEZZA DI UN PAESE, OSSIA UN METRO DI MISURA, NELLA FATTISPECIE UNO STIPENDIO RAPPRESENTA IL VALORE DEL LAVORO EFFETTUATO DA UN LAVOTATORE!
            TI CHIEDO… E COME MAI SULL’EURO NON C’E’ PIU’ QUESTA SCRITTA? 🙂

          • Zedicus

            Non è scritto perché avrebbero dovuto farlo in 24 lingue.
            Ti propongo un ipotesi, tanto per ragionare: tu fondi una nazione, hai degli abitanti che lavorano ma ovviamente ancora nessuna moneta, cosa fai? La gente deve avere qualcosa in cambio del lavoro, cosa fai? Stampi moneta, vero? Altrimenti come fai a pagare la gente e questa come fa a pagare le tasse? Quindi emetti moneta a debito che non è altro che la definizione del denaro

          • Ugo Caira

            NON E’ QUESTA LA RAGIONE! NON E’ SCRITTO PERCHE’ NON E’ PIU’ CONVERTIBILE IN ORO!
            SBAGLIATO! EMETTI MONETA A DEBITO SE LO STATO INVECE DI STAMPARE MONETA COME GIUSTAMENTE DICI, VA DA UNA BANCA PRIVATA E A FRONTE DI DICIAMO UN MILIONE DI EURO, SI FA CONSEGNARE DALLA BANCA PRIVATA LA CARTAMONETA E GLI CONSEGNA UNA CAMBIALE CON IL VALORE DI UN MILIONE DI EURO PIU’ INTERESSI E COSI TIPOGRAFICI, QUESTO E’ DENARO A DEBITO ESATTAMENTE COME ACCADE!

            GLI ABITANTI DI QUESTO STATO DOVRANNO LAVORARE PER IL VALORE DI UN MILIONE DI EURO, IN PIU’ AVRANNO SUL GROPPONE IL DEBITO CHE E’ GIA’ MAGGIORATO DEGLI INTERSII SUL MILIONE DI EURO!
            QUINDI QUANTO E’ COSTATO AI CITTADINI IL MILIONE DI EURO?
            DUE MILIONI DI EURO PIU’ INTERESSI!
            ORA IL MILIONE DI EURO SARA’ LO STIPENDIO PER CAMPARE… DOMANDA… COME RIPAGHERANNO IL DEBITO PUBBLICO DEL MILIONE?
            MI SAI RISPONDERE?

          • Zedicus

            Ma che dici?! Nemmeno le lire erano convertibili in oro eppure c’era la scritta!
            In europa si parlano 24 lingue e non possono saltarne una.
            Stando al nostro ipotetico stato tu devi per forza emettere valuta a debito, nel senso che stampi una certa cifra senza priva aver incassato ( e come faresti se manca la valuta? ) nulla

          • Ugo Caira
          • Ugo Caira

            COME MAI NON VEDO IL COMMENTO DI RISPOSTA CHE HO APPENA FATTO?

          • Ugo Caira

            CONTINUO A NON VEDERE IL MIO COMMETO DI RISPOSTA… PERCHE’?

          • Zedicus

            Scusami stavo tornando a casa dal lavoro, prima mi sono fermato a prelevare, ho preso il tabacco e sono andato al distributore a prendere il latte per le mie bambine

          • Ugo Caira

            QUESTO E’ UN CONCETTO ERRATO DELLA MONETA!
            LA MONETA E’ UN MEZZO PER SOSTITUIRE IL BARATTO!
            LA
            MONETA DOVREBBE RAPPRESENTARE NON IL VALORE IN SE’, MA IL VALORE DELLA
            RICCHEZZA DI UN PAESE, OSSIA UN METRO DI MISURA E DI SCAMBIO AL
            CONTEMPO, NELLA FATTISPECIE UNO STIPENDIO RAPPRESENTA IL VALORE DEL
            LAVORO EFFETTUATO DA UN LAVOTATORE!
            TI CHIEDO… E COME MAI SULL’EURO NON C’E’ PIU’ QUESTA SCRITTA? 🙂

          • Ugo Caira

            LEGGI!

          • Zedicus

            Una cazzata, la moneta non è che un debito pagabile al portatore

          • Ugo Caira

            SEI TU CHE NON CAPISCI UN TUBO! NON VUOI CAPIRE LA TRUFFA CHE ESISTE SULLA MONETA!!!
            TI FACCIO UNA DOMANDA FACILE FACILE: DI CHI E’ LA PROPRIETA’ DELLA MONETA ALL’ATTO DELL’EMISSIONE?

          • Zedicus

            « Il biglietto di banca rappresenta un debito dell’istituto che lo emette e naturalmente un credito per chi lo possiede… È un’idea che pare semplice, ma che ha richiesto alcuni secoli per essere messa a punto »
            (Alfredo Gigliobianco: Via Nazionale, Donzelli, 2006, pag. 377)

          • Ugo Caira

            SE MI TROVI ALL’INTERNO DEI TRATTATI EUROPEI DOV’E’ SCRITTO DI CHI E’ LA PROPRIETA’ DELLA MONETA EURO TI DIRO’ CHE HAI RAGIONE!
            CIRCA ALFREDO GIGLIOBIANCO DOVREBBE DIRE DOV’E’ SCRITTO QUESTO PRINCIPIO… A ME NON RISULTA!

          • Ugo Caira

            SUPPONIAMO CHE HAI RAGIONE, ALLORA MI SAI SPIEGARE PERCHE’ LA BCE CHE PRESTA LA MONETA ALLE BANCHE PRIVATE DEGLI STATI SUI REGISTRI VIENE ISCRITTA AL PASSIVO DA SUBITO SENZA CHE MAI QUESTA MONETA EURO COMPAIA ALL’ATTIVO NEI REGISTRI CONTABILI?
            NON TI PARE CHE QUESTO SIA UNA TRUFFA GIGANTESCA?

          • Zedicus

            Il commento mi piace perché è pacato, almeno possiamo ragionare senza scontrarsi. Ugo, guarda che ti di ragione sul sistema bancario, tra l’altro sono in possesso di informazioni che potrebbero rovinare non poche banche, senza processi o ricorsi ma parlo di sentenze definitive senza possibilità di replica.
            Ora ti chiedo gentilmente di portare pazienza, ho una bambina di 5 anni e una di due e sono ad una festa di compleanno, quando riuscirò a metterle a letto cercherò di risponderti.
            Intanto stammi bene, abbian idee diverse ma apprezzo la tua passione

          • Ugo Caira

            Chiudiamola pure qui… la pagina è zeppa! Credo che abbiamo detto di tutto e di più e anche io ho altro da fare! Buona serata! Ciao!

          • Zedicus

            Come vuoi tu anche se mi dispiacerà non continuare la discussione, per farlo ho dovuto cercare informazioni per confutare le mie tesi e quindi ho imparato alcune cose e questo non è certo stato tempo sprecato. Capirai che facendo il programmatore, ogni giorno devo studiare perché la tecnologia evolve in fretta, è difficile ma almeno ti tiene la mente impegnata, imparare per me è un motivo di vita

          • Ugo Caira

            BASTA CHE QUANDO HAI TEMPO TI GUARDI CON ATTENZIONE I VIDEO CHE HO POSTATO IN QUESTA DISCUSSIONE E CAPIRAI CIO’ CHE POI IN FONDO NON E’ DIFFICILE DA CAPIRE, E’ PIU’ DIFFICILE DISTACCARSI DA QUELLE “CERTEZZE” CHE CI SONO STATE INCULCATE E CHE LE ABBIAMO FATTE DIVENTARE OVVIETA’, E CHE INVECE OVVIE NON SONO! A BEN VEDERE ANALIZZANDO CERTE QUESTIONI SCOPRIAMO CHE VIVIAMO IN UNA SPECE DI GRANDE FRATELLO DOVE TUTTO AD INIZIARE DALLA SCUOLA E FINENDO A TUTTI I RAPPORTI CON I NOSTRI SIMILI SONO CONDIZIONATI DAL SISTEMA MASSONICO CHE HA RESO POSSIBILE IL MONDO SCHIFOSO, PRIVO DI VALORI IN CUI SIAMO PRECIPITATI E QUEL CHE E’ PEGGIO E’ CHE CONTINUIAMO A PRECIPITARE COL IL CONSENSO IN FONDO DI TUTTI, VISTO CHE QUANDO UNO GLI SPIEGA COME FUNZIONA IL MONDO, INVECE DI CERCARE DI CAPIRE CI SI PREOCCUPA DI CONFUTARE SENZA NEMMENO ACCERTARSI SE QUELLO CHE GLI VIENE DETTO E’ VERO O NO!
            SALUTI!

          • Zedicus

            La proprietà della moneta è sempre della banca centrale e non di chi la possiede, tant’è vero che la distruzione del denaro è punito per legge

          • Ugo Caira

            MI DICI DOV’E’ CHE E’ SCRITTO CHE LA PROPRIETA’ E’ DELLA BANCA CENTRALE?
            NEI TRATTATI EUROPEI… DOVE E’ SCRITTO?

    • Daniel Scarpa

      ihihihi Ugo me lo sono chiesto pure io….ma siamo sempre là….la germania non ti fa fare niente….. 🙂

      • Ugo Caira

        Dietro alla Germania c’è il sistema sionista rothschildiano della FEDERAL RESERVE che in combutta con l’FMI sta cercando di esportare il sistema della moneta-debito in tutto il mondo eliminando come nel caso di Gheddafi, e ora con Putin chi non si adegua al sistema DEBITO-TRUFFA!

    • Kevin

      e secondo te gli stipendi, le pensioni e i lavori pubblici (che sono una buona parte del debito) li hanno pagati con il nulla??

      • Zedicus

        No Kevin, gli pagano stampando carta, mi sembra ovvio.
        Se servono soldi basta stamparli, no?! E che ci vuole!

    • Minarchist1983

      Ti rivelo un grande segreto: tutte le monete sono “create dal nulla”.
      Anche prima e durante gli accordi di Bretton Woods le monete erano sì ancorate al valore dell’oro, ma il coefficiente di “ancoramento” fluttuava in modo arbitrario.

      Da che siamo nell’era post-Bretton Woods le monete sono slegate dal possesso da parte dell’ente emettitore di un qualche bene materiale.

      Il caso estremo sono le criptomonete tipo Bitcoin, il cui valore è legato unicamente alla volontà delle persone di scambiare tra loro quella moneta in cambio di qualcosa.

      • Ugo Caira

        NON E’ PER ME UN SEGRETO! LO SO BENISIMO!
        QUANDO LA BESTIA HA PRESO IN MANO LE BANCHE SIAMO PRECIPITATI IN QUESTA ECONOMIA SATANICA!

        • Minarchist1983

          Ma satanica di che?
          È la cosa più trasparente del mondo: una moneta ha valore se le persone sono disposte ad usarla, dandole così valore.

          Facile e trasparente.

          • Ugo Caira

            U’ NNA CAPITU NU CAZZU!!!

          • Ugo Caira

            🙂

          • Ugo Caira

            U’ NNA CAPITU NU CAZZU!!!

          • Minarchist1983

            Meno male che ci sono geni come te, che si scordano il caps lock acceso, ad illuminarmi la retta via.

          • Ugo Caira

            🙂

          • Ugo Caira

            PURTROPPO SIAMO ANCORA IN POCHI… SE FOSSIMO IN MAGGIORANZA LE COSE ANDREBBERO DIVERSAMENTE!!!

          • Minarchist1983

            Oh, come mi dispiace!

          • Ugo Caira

            W IL

    • Ivan

      Hai pienamente ragione Ugo. Vorrei aggiungere che l’indebitamento Greco, come di altri stati europei, sono stati creati apposta per poter avere controllo di quei paesi, e renderli schiavi! peccato che con la Grecia non hano fatto bene i conti! Adesso vorrebbero intervenire anche i Cinesi, e Russi, ad aiutare la Grecia, forse perchè così sarebbe sotto il loro controllo?
      Fatto sta, che lo schifo vomitevole dei prestiti virtuali fatti dalle banche, non colpisce solo gli stati, ma anche i semplici mutui con i quali comperiamo casa, auto, ecc…

    • Antonio Palluan

      Oro o bitcoin vengono in soccorso! 🙂

    • Gianfranco Chenet
      • Ugo Caira

        IL SOLE 24 ORE E’ UN GIORNALE DI REGIME… FA SCHIFO… NON LO LEGGO!

    • Pierattelli Gabriele

      Ma ancora con la presunta truffa del signoraggio!!!!!
      ANCORAAAAAAAA!!!!!
      CAZZO!!!! 1°ANNO DI ECONOMIA…. serve per controllare l’emissione di moneta e quindi inflazione

    • Nicolò Romano

      Infatti l’euro è una valuta virtuale che potrebbe avere un senso per regolare gli scambi internazionali . A livello di “economia interna” , nei vari paesi occorre che circoli la propria moneta , espressione qualitativa e quantitativa della ricchezza che ciascuno stato nazionale riesce a produrre. Ovviamente la mia è una esemplificazione , che va approfondita , se si vogliono aver chiari i meccanismi di funzionamento
      dei sistemi monetari e delle loro ricadute sull’economia reale .

      • Ugo Caira

        L’EURO E’ UNA CAZZATA PER FOTTERE I POPOLI! CHI PARLA ANCORA A FAVORE DELL’EURO NON HA PROPRIO CAPITO UN CAZZO!

    • gerone82

      SVELIAAAAA11!1!!

    • Melo80SR

      Forse non ti è chiaro che più moneta stampi, più ne metti in circolazione, più aumenta l’inflazione perchè più moneta stampi, più diminuisce il valore della moneta.

    • Gatto Nole

      Te non sei vero, vero?
      Sei un generatore automatico di balle prese a caso dai siti grillini…sennò nun se spiega….
      Io poi non ho ancora capito se siete contro il signoraggio e/o a favore dello stampare moneta e/o è comunque tutta colpa del Bilderberg…

      • Ugo Caira

        ECCO BRAVO… RIMANI NEL DUBBIO!
        CERTO CHE DI GENTE IDIOTA E’ PIENO IL MONDO!!!

    • walterstucco

      > MA QUANDO CAZZO VI SVEGLIATE GENTE????

      il giorno che quelli come te impareranno ad usare la punteggiatura nel modo giusto, forse.
      nel senso che forse lo imparerai, ma non ci conto troppo.

      • Ugo Caira

        IL GIORNO CHE QUELLI COME TE IMPARERANNO A PARLARE DELLA LUNA INVECE CHE DEL DITO… SARA’ SEMPRE TROPPO TARDI!
        INTANTO TI RICORDO CHE DOPO IL PUNTO CI VUOLE LA MAIUSCOLA!
        LA PROSSIMA VOLTA TI CHIAMO A CORREGGERE LE BOZZE… PROF. DEL NULLA!

  • Mario Monti

    Lo diceva anche Checco Zalone nel suo ultimo film, se hai un piccolo debito le banche ti perseguitano, se hai un grande debito le banche ti aiutano.

  • Osvaldo

    Spiego in altro modo questa situazione e il regime di austerity che sopprime da anni i paesi economicamente più deboli da questa Germania economicamente nazista: la Grecia (ed Italia) è un operaio che guadagna 1.000 euro al mese con un debito di 1 MILIARDO di euro.
    I creditori (GE; BCE [controllata indirettamente da GE]; IMF; FR e in generale i paesi del nord Europa che sono i principali creditori) dopo qualche anno, giustamente, perdono la pazienza. Tuttavia, pretendono che l’operaio restituisca 500 (dei suoi mille) euro ogni fine mese.

    Cosa accade?

    1. Per mantenere la famglia, l’operaio deve chiedere altri prestiti dato che metà del suo stipendio viene “pignorato”.
    2. 1 MILIARDO, non verrà mai pagato interamente dato che l’operaio da una parte restituisce e dall’altra chiede, creando un circolo vizioso infinito.

    Unica soluzione per cambiare definitivamente tutto? Probabilmente la peggiore, ma non tutte le soluzioni giuste son quelle popolari.
    DEFAULT + FUORI DALL’EURO (GR; ITA & SPA)

    Alternativa? Crisi ; Tasse ad infinitum.

    Osv.

  • Franco Populista Di Costanzo

    Non si può cavare sangue da una rapa,questa è la sconvolgente verità!!!

    Roosewelt banalmente diceva: vuoi speculare in borsa, lo fai a tuo
    rischio e pericolo, se vinci guadagni, se perdi, perdi i tuoi soldi.Vale
    lo stesso per i creditori,per chi presta i soldi:il creditore ha la
    responsabilità di effettuare un minimo di screening dei prestiti che
    eroga,quindi la vera domanda non è perché i greci hanno chiesto
    prestiti, ma perché i tedeschi li hanno erogati ai greci fannulloni,irresponsabili
    e improduttivi?La risposta è semplice: perchè gli conveniva,ma alla
    fine succede sempre che qualcuno rimane col cerino in mano..è sempre
    così..i rischi del credito…gli speculatori hanno investito a tromba in
    Grecia proprio perchè contavano sul fatto che avrebbero avuto indietro
    integralmente (grazie alla moneta unica) tutto il loro denaro,ma non si
    può cavare sangue da una rapa,questa è la sconvolgente verità.. Adesso è
    arrivata l’ora di una bella purga per i creditori.Forse in futuro ci
    penseranno due volte prima di rifarlo(ma ne dubito fortemente).E questo
    non è marxismo,ma è mercato puro cari amici libbbberisti!!!

    • Ugo Caira

      PROVA AD IMMAGINARE INVECE CHE LA GRECIA E’ LA PRIMA VITTIMA DEL SISTEMA MONETARIO CRIMINALE IMPOSTO AGLI STATI EUROPEI DA BANCHIERI MASSONI SATANISTI CRIMINALI CHE HANNO CORROTTO POLITICI CHE SOTTO RICATTI OCCULTI HANNO DEVASTATO L’ECONOMIA GRECA IMPONENDOGLI LA MONETA DEBITO CON INTERESSI USURAI! LA GERMANIA HA IMPOSTA ALLA GRECIA L’ACQUISTO DI SOTTOMARINI PER AVERE GLI “AIUTI” CHE POI ALLA LUNGA NON AIUTANO MA STROZZANO CON I DEBITO USURAIO!
      LA GRANDE RESPONSABILITA’ E’ DEL MAINSTREAM DEI MEDIA CON I GIORNALISTI CORROTTI CHE TACCIONO LE GRANDI VERITA’ SULLA TRUFFA MONETARIA!
      MA CHE TE LO DICO A FARE? 🙂

  • testone

    Bellissima considerazione e pure corrispondente al vero! Greci non restituite nulla! I guai ce li hanno loro! Se restituite ricomincia il ballo!

  • Luca Virzì

    Quando dicono che sarebbe un problema se l’Italia uscisse dall’Euro hanno ragione: è un problema per chi detiene il nostro debito! Se il valore della moneta è dato dalla quantità d’oro in possesso di quello stato noi che siamo al 3° posto del mondo come quantità d’oro…che problema potremmo avere nel ritornare alla Lira? Nessuno, i problemi ce li avrebbero proprio i nostri creditori che da decenni ci stanno mangiando praticando anatocismo e usura al nostro popolo. E’ dura coltivare la terra per mangiare ma è molto più facile mettere un cappio al collo al contadino per farci dare quel che ci serve e lasciare a lui il minimo per continuare a mantenerci! Semplice, no? Prestare 10 per vare 10,10,10,10,10,10,10,10,……

    • Giovanni Zinno

      Con il valore dell’oro in Italia ci fai la birra, vale 110 miliardi di euro (4° al mondo), il che non vale nemmeno quattro anni di IMU, e infinitamente meno della spesa ospedaliera di un solo anno. Molti ignorano che la quantità di oro presente su tutto il pianeta è piuttosto risibile, infatti l’economia si è slegata del tutto dal valore dell’oro se non come bene rifugio.

      • Luca Virzì

        “Le riserve auree italiane rappresentano la terza riserva aurea al mondo, dopo quella degli Stati Uniti e della Germania, la quarta se si considera anche la dotazione del FMI.
        La riserva è costituita da 2.452 tonnellate. Alla fine del 2013 il valore complessivo delle riserve auree era di
        quasi 69 miliardi di euro a prezzi correnti (871,22 euro per oncia di oro fino).” Fonte Banca D’Italia.
        Non so da dove tu abbia preso i dati, ma questi sono quelli esatti! Inoltre, se consideriamo il boom dell’oro degli ultimi anni, venduto a quasi 50 euro al grammo(un oncia equivale a 28,34 grammi)il conto è presto fatto. Inoltre se l’economia s’è slegata del tutto(cosa assurda e non veritiera)dal valore dell’oro…su cosa si basa, secondo te? Inoltre, il fatto che sia risibile(cosa parzialmente vera)è un vantaggio per chi ne possiede molto visto che il valore può solo crescere e non diminuire e quindi noi, come stato, considerato che la banconota è un bene sopravvalutato e non considerabile come merce di scambio, non si spiega come dalla crisi non se ne esca il giorno dopo! A meno che, ed è una mia ipotesi, le riserve auree italiane(almeno in parte)siano state date alla Germania e quindi il nostro potere sovrano si è largamente depotenziato. Che ne dici?

        • Ugo Caira

          BISOGNEREBBE SAPERE SE ESISTE REALMENTE UNA TALE MONTAGNA DI ORO… TU LI HAI VISTI? IO NO!
          QUALCUNO LI HA VISTI?
          IDEM PER L’ORO POSSEDUTO DAGLI USA!
          SECONDO ME L’ORO LO DETENGONO I ROTHSCHILD!

          • Luca Virzì

            No, non li ho visti! Mi limito a riportare un documento della Banca d’Italia(che d’Italia non è)! Ma anche tu fai delle supposizioni e quindi una non escluderebbe l’altra fino a prova contraria, quindi dobbiamo decidere se prendere in considerazioni documenti certificati oppure ci limitiamo a fare illazioni. Quel che è certo che l’Italia fin quando non potrà stampare moneta e banconota presso la zecca di stato, riavendo così’ sovranità monetaria, non cambierà nulla…ma nulla nulla! Spero che la Grecia si riappropri dello spirito dei 300 e combatti quel mostro che noi, grazie ai governanti fantocci che abbiamo, non avremo mai il coraggio di fare!

          • Ugo Caira

            NO CARO! IO NON FACCIO NESSUNA SUPPOSIZIONE! QUELLO CHE DICO E’ DIMOSTRABILE CARTA ALLA MANO!!!
            I DOCUMENTI CERTIFICATI DICI?
            TI RISULTA PER ESEMPIO CHE IL “DOCUMENTO CERTIFICATO” COME LA COSTITUZIONE ITALIANA VENGA USATO COME CARTA PER PULIRSI IL CULO QUOTIDIANAMENTE DAL PARLAMENTO, MAGISTRATURA ECC… O VUOI CHE TI FACCIO L’ELENCO LUNGO COME L’AUTOSTRADA DEL SOLE?
            INOLTRE CHI E’ CHE CERTIFICA… VISTO CHE CONTROLLORI E CONTROLLATI SONO LA STESSA ENTITA’?

    • Ugo Caira

      BASTA SAPERE CHE IL DEBITO E’ UNA TRUFFA E NON VA’ PAGATO POICHE’ NON ESISTE REALMENTE!
      I POLITICI, I BANCHIERI PRESTATORI DI MONETA NON COPERTA DI REALE VALORE, DOVREBBERO ESSERE PROCESSATI PER ALTO TRADIMENTO E CONDANNATI ALL’ERGASTOLO!!!

  • Ugo Caira

    STUPIDAGGINI DI CHI NON CONOSCE LA VERA ECONOMIA!
    IL DOLLARO DELLA FAMIGERATA FEDERAL RESERVE COL SISTEMA MONETARIO SIONISTA ROTHSCHILDIANO HA DEVASTATO GLI USA COL DEBITO PIU’ GRANDE CHE LA STORIA DI TUTTI I TEMPI RICORDI!
    OGGI GLI USA NON DETENGONO PIU’ IL PRIMATO ECONOMICO, ORMAI LA CINA E’ LA PRIMA ECONOMIA MONDIALE! LA FED E’ LA PRINCIPALE CAUSA DELLA CRISI ECONOMICA MONDIALE!
    ED E’ PER QUESTO CHE GLI USA STANNO CERCANDO DISPERATAMENTE LA TERZA GUERRA MONDIALE!

    • Aran Banjo

      chiamatemi quando arrivano le scie chimiche…. Ugo ma te l’economia dove l’hai studiata sul corrierino dei piccoli ?

      • ozeta86

        chiedo scusa, i rettiliani sono stati già citati nell’argomento?

        • Pierattelli Gabriele

          Ahahhha

          • Red AlessioRossi Ale

            ebbe questa è si una risposta. povero mondo di idioti

            Ahahahahah

        • Red AlessioRossi Ale

          Sicuramente non ci sono rettiliani ma ci sono tanti coglioni

          che non sanno argomentare e additano come nel medioevo facevano con le streghe

      • Renzie_Guevara

        ok ammettiamo che le scie chimiche non esistono tu che vinci? ammettiamo che esistano tu non perdi nulla? Quindi negarle a priori è da sciocchi io un dubbio me lo farei venire. E cosa dovrebbero essere le scie chimiche? Diciamo rilascio in atmosfera di agenti chimici. Ok ma per fare cosa, e soprattutto chi ci guadagnerebbe? Se fossero agenti chimici atti a creare nuove malattie, ci guadagnerebbero sia i governi per testare armi battereologiche sia le case farmaceutiche. Ora in coscienza tu sei assolutamente certo che questa gente non sarebbe capace di fare qualcosa del genere o non lo abbia già fatto? Tra l’altro continuamente dai laboratori farmaceutiche arrivano emergenze che vengono poi messe a tacere. Io non ci farei il simpatico su ipotesi del genere.

        • Aran Banjo

          ma che ragionamento e’ ????????

          • Renzie_Guevara

            è un ragionamento, si chiama così quando si inseriscono ipotesi e si tenta di dare una risposta logica. Quando si sorride di superiorità è cretinaggine

          • Aran Banjo

            no tu ammetti che tutto sia possibile, senza prove senza tracce senza niente…. questo si chiama Sragionare..
            il fatto che TUTTO sia possible non lo rende un fatto.
            ma credo che parlare di logica con i complottisti e’ tempo perso in partenza

          • Renzie_Guevara

            anche con i sapientoni è tempo sprecato, per te invece è tutto impossibile e su cosa baseresti tutta sta sicurezza? Te lo dico io su una beneamata cippa esattamente come me e il fatto che tu ritenga che non sia possibile non vuol dire che non lo sia. Io preferisco pensarci che far finta di niente e sentirmi fico.

          • Ugo Caira

            LE PROVE CI SONO! INVECE DI BANFARE… CERCALE… VEDI CHE LE TROVI!

          • mawrwr

            il fatto che tutto sia possibile non lo rende un fatto, hai ragione. Ma se una cosa è possibile, varrebbe la pena approfondire l’argomento per capire se lo è veramente o meno, non credi? Anche io la pensavo così sulle scie chimiche. Un no netto e incredulo era il mio… Poi mi sono informato… E adesso ho molti ma molti ma molti dubbi!!! Sono un complottista privo di logica?? Io credo di essere solo una persona che cerca d’informarsi e approfondire gli argomenti senza pregiudizi di nessun tipo. Prova a farlo anche tu. Informati senza pregiudizi sull’argomento.. Troverai tante cose che ti stupiranno! Si chiama geoingegneria. Studia la geoingegneria e ne troverai delle belle!

          • Aran Banjo

            si certo.. immagino le prove inconfutabili…..

          • mawrwr

            Non devi immaginare, devi studiare, informarti, leggere e trovare le fonti… Devi usare e disporre della tua intelligenza. Non sono prove inconfutabili.. Se tu avessi letto senza pregiudizi il mio commento avresti capito che ho molti dubbi e nessuna certezza. Se tu invece sei certo delle cose senza nemmeno avere approfondito l’argomento, va bene così… Non insisto.

          • Aran Banjo

            si certo.. studiare dove.. sui siti ? sulle community ? su libri autoprodotti…

          • mawrwr

            sì.. Anche.. Sui siti, sui libri… Studiare e raffrontare. Quando s è piccoli e si va a scuola ci affidiamo totalmente a quello che ci dicono fidandoci ciecamente e dando per verità assoluta ogni cosa acriticamente. quando si è invece maturati, e si è accresciuta la propria cultura e quindi la propria capacità di ragionare, bisogna leggere sempre con uno spirito critico.. Raffrontare le varie fonti e cercare di capire quali siano più attendibili e chi meno. E’ questo il lavoro di ricerca, e credimi che è anche molto avvincente… provaci, vedrai che non te ne pentirai. Ma devi usare la tua capacità di ragionare e di discernere. Se non vuoi farlo, va bene lo stesso, non credo che il mondo stia aspettando te per essere cambiato. Ma tanti più saremo in grado di fare questo, tanto più difficile sarà per chicchessia riempirci la testa di bugie confezionate, da qualsiasi parte esse vengano. buona vita comunque. p.s.E non buttarla a sfotto’.. In internet si può anche discutere pacatamente cercando di esprimere le proprie opinioni.

          • Michele Franco

            Ammettiamo , anche per un secondo che tutte queste sono cavolate , parto dal punto di vista che non conosco il tema ed non saprei proprio giudicare , ma nuocere a milioni di individui , per trarne beneficio economico di esempi lampanti nel mondo e nella storia ci sono stati con prove altamente schiaccianti , non dico che esistano le scie chimiche , ma dubito fortemente che l’animo umano sia sempre rivolto verso la bontà in tutti i temi che siano affettivi , economici .

          • Emmanuel

            Informati bene tu, Ugo ti ha spiegato brevemente e perfettamente come funziona il sistema bancario da quando è morto il sistema aureo ed è nato quello fluttuante. Informati tu

          • scondotomo

            Ma usate il cervello invece di usare il copia e incolla da internet….io presto 330 miliardi ad uno stato questo stato ci paga PENSIONI, STIPENDI AGLI STATALI (DAL BIDELLO AL GENERALE), CI PAGA GLI OSPEDALI e si può continuare per ore smettetela di mischiare tutto per cercare di avere ragione. La Grecia SPENDE PIU’, MOLTO DI PIU’, DI QUANTO PRODUCE e questo non è colpa del sistema di emissione della moneta ma di gestione dei soldi….andate a fare la spesa senza bancomat/carta di credito con 30 euro in tasca e vedete di convincere il negoziante a darvi 5000€ di roba spiegandogli che si sbaglia perchè se non fosse per e banche lui potrebbe darvi tranquillamente quella roba. Per le scie chimiche….diffondono cosa perché ho letto di tutto da sostanze che servono a controllare la mente ad agenti che servono a scatenare fenomeni atmosferici terrificanti (già questa ha un minimo di razionalità) ma soprattutto a dimostrazione della loro esistenza ci sono le forme ASSURDE in cui si intersecano tali scie MA CHE CACCHIO dite la gente va da una parte all’altra del mondo anche solo per vedere un concerto o un quadro e a voi sembra strano che due aerei abbiano rotte che si intersecano??????? Ps la Cina ha superato gli USA come Pil complessivo ma i cinesi sono 5 volte gli statunitensi quindi il pil pro capite è leggermente inferiore. Meno video complottisti e più passeggiate all’aria aperta che tanto le scie chimiche non ci sono ma il rintronamento da internet SI!!!!!!!

          • Zepulece Zepù

            “spende molti più di quanto produce” questa è una menzogna detta da chi conosce ben poco il sistema debito.
            L’italia ogni mese è in attivo di circa 10 miliardi d’euro, ma ogni mese per via dell’interesse sul debito, paghiamo circa 40 miliardi d’euro alle banche creditrici, andando sotto di 30 miliardi d’euro.
            In Italia non vi azzardate a dire che spendiamo più di quel che produciamo perché non funziona più un cazzo nel nostro paese, il sociale è morto, strade sempre piene di buche e gran parte di ciò che era pubblico è stato privatizzato. Quindi accendete il cervello ed evitate di sparare minchiate ad cazzum cortesemente.

          • scondotomo

            La Grecia SOLO negli ultimi anni ha avuto un PICCOLO avanzo primario (tradotto incassato più di quanto speso) ma visto che il PIL si è ridotto il rapporto DEBITO/PIL è cresciuto. In Italia l’avanzo primario è molto più elevato (in termini percentuali così da fugare dubbi) e sono molti più anni che siamo in avanzo….sai cosa significa, semplicemente che noi abbiamo VERAMENTE tirato la cinghia e da parecchio loro la cinghia la tirano ora ma visto che la situazione è compromessa probabilmente non basta! Inoltre la struttura del debito italiano non è stata modificata da operazioni di ristrutturazione (nessuno ci ha annullato un debito e spostato in avanti le scadenze e ABBASSATO il tasso di interesse), alla Grecia si e la situazione non si è modificata…Infine se dici che in Italia NON CI SONO SPRECHI allora ho vivi su Marte o menti a te stesso….gli sprechi PER ME (è una cosa soggettiva) equivalgono a vivere sopra le proprie possibilità….pagare 10.000€ al mese di pensione a molte delle ex guardie del parco di San Rossore (Pisa) andate in pensione a 48 anni per me è vivere ampiamente sopra le proprie possibilità solo che lamentarsi è facile ma fare qualcosa diventa più complicato/faticoso.

          • Zepulece Zepù

            Gli sprechi sono un discorso,bollare tutto il debito come “spendiamo più di quel che produciamo” è un discorso da lettore di topolino, il discorso della spending review è molto più complicato e comunque si parla di spechi nell’ordine di 5/10 miliardi massimo nel nostro paese annui, eppure ci indebitiamo di 30 miliardi più o meno al mese! AL MESE!
            Poi detto questo, è anche un discorso che fa ridere, perché attualmente non siamo negli anni 70 dove gran parte delle aziene italiane erano pubbliche, dove c’era un sociale da far invidia a molti statisti mondiali, dove c’erano si sprechi, ma c’era anche un ritorno di servizi in ciò che pagavi in tasse…
            Ora paghi il doppio di tasse e sei costretto a cambiare gomma ogni tanto per via delle buche, che a roma sembra essere “normale” ormai,neanche il più banale dei servizi come il rifacimento stradale viene ritornato come servizio, e allora di cosa vogliamo parlare?
            Oppure di tutte quelle minchiate che il debito pubblico è stato creato da politiché degli anni 80 fatte con i piedi da ladroni?Baggianate anche quelle, fortunatamente c’è un “albo d’oro” del debito negli anni 80 avevamo 200 di debito, negli anni 90 abbiamo guadagnato quasi un trilione con 850 e negli anni 2000 1 trilione esatto, fino ad arrivare ai giorni nostri con 2 trilioni e passa di debito,1,800 trilioni creati in periodi dove il sociale è stato già abbondantemente distrutto da politiché di austerity ,che sono pressoché una “non politica” , e dove comunque, se non ci fosse un interesse al debito, noi staremmo all’attivo ogni mese.
            Ho fatto il caso italiano perché è solo un esempio per tentare di far capire che non si tratta di “spendo più di quel che produco” ma di sistema.
            Non esiste paese al mondo senza debito… non proprio, ci sono 2 o 3 paesi, stranamente molto sinistroidi come la Cina ad esempio (sinistroidi quindi sicuramente hanno molta spesa sociale)…ma loro non hanno una banca centrale, buffa la coincidenza no? 🙂

          • scondotomo

            Innanzitutto complimenti per il post (non sono sarcastico, pur non condividendolo in modo pieno lo trovo molto ben articolato e con idee e numeri che sono la dimostrazione di un cervello che funziona e non di una persona che sente un’idea e pensa di aver scoperto LA VERITA’!). Sono solo in parte d’accordo e spiego il perchè. E’ vero che la sensazione di stato sociale sia quella di una forte contrazione ma sia la spesa per lo stato sociale che i servizi erogati sono nettamente aumentati (direi anche la qualità se pensiamo agli ospedali si fa presto a dire che fanno schifo ma morire di parto è oggi un evento che fa scattare indagini e servizi televisivi, essere trapiantati è un qualcosa che non sa di miracolo ma “quasi” di normalità, vivere con una protesi d’anca dopo una certa età è quasi la normalità…ebbene tutto questo, e tantissimo altro ancora, 25anni fa NON ERA NEPPURE IMMAGINABILE e sono tutte cose che hanno un costo elevato per non dire ELEVATISSIMO. Altrettanto si può dire per la spesa pensionistica in senso lato (pensioni dei lavoratori e pensioni sociali) che è cresciuta in modo esponenziale anche perché l’aspettativa di vita è cresciuta in modo importante. Per le buche si entra nel campo minato degli sprechi, che se fossero 15 miliardi saremmo un vero paradiso. Il costo per asfaltare una strada nel tempo, sia per l’aumento dei costi dei materiali, della “nuova tecnologia costruttiva” e del, giustissimo, aumento della sicurezza dei lavoratori (che resta comunque a livelli poco accettabili)è aumentato talmente tanto che l’asfaltatura è un vero lusso. Ma oltre a questi aumenti c’è un notevole aumento di costi OCCULTI che spesso traggono la loro origine da interessi illeciti. Parlando delle strade basta pensare a quante volte vengono aperti cantieri per fare lavori per il gas, poi una volta sistemato il manto si ricordano che è il caso di cambiare il tubo della fognatura che passa in quel tratto di strada….quindi nuovi scavi e nuova asfaltatura (spesso solo la parte dove sono stati fatti i lavori) poi pochi mesi se non giorni dopo si ricordano che da li devono passare i cavi della fibra ottica….e così dicendo…se si va a vedere la spesa complessiva è in se corretta ognuno a fatto il suo lavoro ma quel lavoro poteva essere fatto in una sola volta risparmiando sui costi di rifacimento della strada e avendo anche una strada bella liscia e non una via che ricorda una zona sottoposta ad un bombardamento (in pratica è come se a casa mia rifaccio l’impianto elettrico poi faccio ridipingere tutta casa poi appena ridipinto rifaccio l’impianto idrico e faccio ridipingere NUOVAMENTE la casa). Di spesa CORRETTA a livello teorico ma assurda da un punto di vista reale l’Italia è piena basta pensare al sud, lo dico da SICILIANO, è ci sono tantissime persone che hanno dei lavori tipo FORESTALE che non sono in realtà dei lavori ma delle sovvenzioni…io non dico togliete le sovvenzioni ma almeno fate fare qualcosa di utile al sovvenzionato e non fatelo stare seduto! Una RAZIONALIZZAZIONE della spesa pubblica porterebbe a grossi risparmi in ambito di spesa e a miglioramenti in ambito di servizi erogati. Questo per l’Italia,il caso greco è diverso perchè loro solo negli ultimi anni hanno realmente iniziato a ridurre una spesa allegra….ma se noi da parecchi anni ci si massacra per non sprofondare loro che erano messi peggio di noi e hanno continuato a fare quel che facevamo noi 20 anni fa come pensano di risolvere il loro problema? Per la Cina…….lo stato sociale in Cina non credo che sia così pronto ad aiutare chi ne ha bisogno e la mancanza di debito pubblico non deriva dalla banca di Cina ma dal fatto che sono la FABBRICA DEL MONDO e hanno un tale surplus della bilancia commerciale da potersi permettere di aumentare la spesa pubblica senza creare debito (sono gli altri paesi ad indebitarsi per comprare i beni cinesi e loro con parte di quel debito ci pagano le loro spese). La dimostrazione che la banca centrale “di proprietà” dello stato incide ZERO (non parlo di svalutazione ma di spesa pubblica) la da il Venezuela che è uno stato sinistroide (mi piace come suona 😀 ) e che stampa moneta come fosse niente ma che sta alla fame nera pur avendo i più grandi giacimenti petroliferi del mondo. Detto ciò le politiche improntate al solo rigore finanziario SONO UNA EMERITA *@nch+a§a perchè per essere sostenibile un debito pubblico deve esserci crescita o ASSOLUTA MACELLERIA SOCIALE che però porta alla depressione del PIL e il risultato non è quello auspicato!

          • Zepulece Zepù

            Ti ringrazio per i complimenti e la stime che sono reciproci, ma purtroppo mi sento di dissentire da ciò che scrivi,almeno per quanto concerne alcuni punti.
            Il discorso è molto semplice, possiamo porci una domanda per risolvere il quesito, esiste un paese con enormi risorse e una spesa pubblica molto bassa da rendere quasi impossibile seguendo il “vostro” ragionamento per confutare la nascita del debito pubblico? SI Ne esistono diversi in realtà, Si potrebbe ad esempio parlare degli emirati arabi, che possono “campare” di rendita semplicemente facendo sgorgare fiumi di petrolio dal terreno, eppure ha un debito pubblico pari al 60% del suo pil , ovviamente qui possiamo addendrarci anche in discorso intrisi d’ignoranza, come parlando del fatto che li ci sia uno “sheik” che si ciula tutto (falso, come i soldi del topolino).
            Per evitare ciò potremmo parlare della Norvegia, O perfino della Svezia , che pur non avendo petrolio, ha una tra le più basse evasioni al mondo, un sociale da levatura altissima che lo rende il paese più civilizzato al mondo, eppure un il debito pubblico non manca mai.
            Sostanzialmente potremmo capire, dando una sbirciata a tutti i paesi al mondo, che ciò che non manca mai è il debito di un paese, e ciò non dipende dalle risorse, dalla “fabbrica del mondo” , non dipende dalla politica ne tantomeno dall’evasione (come molti sostengono in italia) .
            vorrei fare anche un appunto per quanto riguarda la mortalità infantile, ciò non dipende da strutture adeguate, ma dal progresso della medicina, entriamo in un altro discorso, i servizi in italia non sono affatto aumentati, sono diminuiti drasticamente negli ultimi 30 anni, eppure l’italia ha raddoppiato il suo pil .

          • scondotomo

            Ho due discussioni in atto….una con te che reputo non solo civile ma anche molto stimolante a livello intellettivo un altra con un personaggio che invece di rispondere con dati oggettivi come fai tu si limita a rispondere che lui ha capito tutto e io non ho capito…..ti lascio immaginare cosa….per di più su un argomento che rasenta per me il grottesco quale le scie chimiche. Detto ciò la Svezia proprio per il suo sociale “dalla culla alla bara” necessita in determinati momenti di spendere più di quel che riesce a ricavare ma questo non è un male perché la buona spesa è BUONA oggettivamente anche se porta in dote un debito. Discorso diverso per gli Emirati, onestamente non sono ferratissimo sulla loro economia, ma da quel che so i cosiddetti “fondi sovrani”, nel caso degli Emirati ADIA, sono una specie di mega salvadanaio, ADIA ha non meno di 500 miliardi di euro di impieghi, che spesso e volentieri è ben superiore al debito pubblico inoltre gli investimenti in infrastrutture è stato MOSTRUOSO e anche la spesa per creare, praticamente dal nulla, due compagnie aree come EMIRATES e ETIHAD attraverso denaro pubblico ha comportato la necessità, forse più giusto dire la convenienza, a ricorrere al debito invece che prosciugare le riserve. Per quanto riguarda i servizi in Italia, la sanità è l’emblema di quanto lo stato spenda nonostante si parli sempre di tagli. Se leggi questo studio della confartigianato dell’Emilia Romagna ( http://www.confartigianato-er.it/it/spesa-sanitaria-in-costante-aumento.html ) vedrai che tra il 2000 e il 2011 la spesa pubblica per la sanità è cresciuta di oltre il 64% mentre il pil di meno del 32%. In quei numeri sta il reale problema……si spendono tanti di quei soldi che è inconcepibile che la situazione sia quella che è…..ma come ho già detto gli SPRECHI sono talmente ampi (altro che 15 miliardi annui) da rischiare di far saltare il banco! Infine mi piacerebbe che tu riflettessi sul seguente paradosso. La moneta è stampata dallo STATO senza che vi sia una banca centrale e ogni volta che c’è bisogno di spesa pubblica lo Stato stampa tanta moneta quant’è quella necessaria alla spesa che deve essere effettuata SENZA che venga emesso un BOT che sia uno. A questo punto lo Stato potrà farlo praticamente sempre….ma allora non ci sarebbe neppure bisogno di pagare le tasse e addirittura si potrebbe dare un reddito di cittadinanza a TUTTI (la forma più alta di stato sociale…..secondo alcuni tra cui sicuramente non me). Ebbene questo reddito di cittadinanza potrebbe essere così alto da far si che nessuno abbia più bisogno di lavorare (andare alla catena di montaggio della Piaggio per 1.200€ al mese quando lo stato me ne da 5.000 sarebbe alquanto strano). Per cui semplicemente stampando moneta (senza titoli di stato e quindi debito) staremmo talmente bene che NEPPURE UN ITALIANO LAVOREREBBE…..ma cosa ci compreremmo con quei soldi visto che nessuno produrrebbe più nulla??????? Attendo la tua risposta.
            Buon fine settimana.

          • Zepulece Zepù

            Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, personalmente ritengo possibili solo due soluzioni, e sono entrambe estremiste.
            1) Tutto privatizzato, ogni cosa (tranne polizia ed esercito) io sono un ragazzo parsimonioso, non sperpero soldi, a me non fa paura dover spendere dei soldi all’ospedale in caso mi succeda qualcosa, ciò che mi fa paura e disapprovo, è il pensiero che devo pagare la sanità, ad uno di quei sbruffoncelli che se ne vanno in giro con la macchina superando tutto e tutti,rischiando la vita ogni secondo e poi facendo incidenti. Io non gli darei la sanità pubblica persone cosi, farei pagare tutto fino all’ultimo cent.
            Pertanto niente più sociale,le tasse solo per mantenere pompieri,polizia e militari e governo ,.
            2) Uno stato sociale serio, al livello marxista, dove tutto è in mano allo stato che gestisce ogni cosa e vivremmo in una società piena di servizi, fino ad arrivare ad una mia personale società perfetta, dove tentiamo di meccanizzare i processi il più possibile, gestendo il lavoro senza più considerare la moneta, eliminandola proprio dal mondo.
            Un mondo senza soldi,dove la gente è obbligata a fare dalle 3 alle 4 ore di lavoro al giorno,avendo 2 giorni di riposo che farà a seconda della sua religione.
            Quindi pensare a sfruttare le risorse non più in base ai soldi, e quindi con sfruttamenti incontrollati, ma in base alla necessità, regolamentando e salvaguardando il mondo con le sue risorse in questo modo.
            A quel punto perfino il progresso scientifico farà passi da gigante, non si potrà più dire “non ci sono soldi” 🙂 l’unica ricchezza , sarà la forza lavoro.
            Per quanto riguarda invece il resto del discorso, potremmo parlare a lungo, ma sarebbe inutile, io vedo un sistema laddove tu vedi una normalità. Non può essere una mera coincidenza che ogni stato al mondo abbia il debito pubblico,sembrerebbe più un sistema.

          • Mao Campofranco

            questa versione marxista di Paris Hilton è da screenshot, cazzo che perla. la condivido… le 4 ore di lavoro obbligato che fanno progredire la ricerca… geniale! peccato che un microscopio va pagato non puoi fargli le pulizie in casa gratis per un anno in cambio. internet come la paghi? e il gestore come paga i dipendenti? galline e patate? Sei terminale.

          • Zepulece Zepù

            Io di screenshot te ne ho già fatti 3, e ti abbiamo già ampiamente preso per il culo, ma vedo che ti piace essere sodomita, e continuare a prenderlo, magari di questi tempi è un piacere per te :*

          • Mao Campofranco

            “ti abbiamo…” tu e i tuoi amici immaginari o i compagni di viaggio sul gommone? tu sei un coglione e come tale al massimo puoi avere un solo amico.
            a me è bastato il tuo profilo da mantenuto fuori corso che fa il socialista con i soldi di papà.
            parassitismo e iniquità, esattamente come i tuoi compari.
            Fai questo esercizio sociale: Trattieni il fiato per 10 minuti, se non riesci aiutari con un sasso, una corda e gettandoti in un fiume. Spassosissimo.

          • Zepulece Zepù

            SI hai letto bene, ti abbiamo perché hai vinto il mongolino d’oro per il troll più deficiente in rete mai incontrato fino ad ora, sei una causa persa, esangue, sei un rifiuto della società, un imprinting genetico che la tua stirpe si porterà sul groppone da non oso immaginare quanti secoli.
            Un d.n.a che più che tale,è probabilmente una catenella del cesso arrotolata insomma.
            P.S abito solo da 10 anni, ho sempre lavorato ,tanto epr far capire il livello della tua demenza.

          • Zepulece Zepù

            Ciao mi chiamo “mao” campofranco (nome più deficiente di questo quel lerciume di tua madre non poteva proprio trovarlo eh? ) ahahahahahha guarda che faccia da coglioneeeee hahaha

          • Mao Campofranco

            FART Simpsons (questa è in inglese quindi non la capirai) è tornato e mi prende in giro per il mio nome perchè lui è ritardato e non ha capito che Mao è l’abbreviazione di Maurizio… Lui invece si che ha un bel nome da nigeriano… che invidia per questo bel nome, la faccia e il nome Andrea da ermafrodita e una marcata somiglianza con Vladimir Luxuria.
            ma muori di dissenteria.

          • Zepulece Zepù

            Scrivi insulti che neanche mio nipote di 8 anni, dai puoi fare di meglio , sul “fart simpson” sei proprio inciampato, mi aspettavo davvero di più, cominci ad essere deludente
            Ovviamente avevo capito che eri maurizio, ma mao ti si addice proprio con quella faccia da ebete che hai, miao.

          • Mao Campofranco

            “miao” come le fighette… solo che tu sei brutta. Mai visto travestito peggiore!

          • Zepulece Zepù

            Miao è per prenderti per il culo coglione,neanche l’abc proprio eh,comincia a non essere piu divertente … peccato mao zedong

          • Ragazzi vogliamo lasciarvi tutta la libertà possibile di dibattere, ma la discussione sta prendendo (già da un pò) una brutta piega. Vi prego di moderare i toni ed il linguaggio altrimenti saremo costretti a bannare entrambi.

          • Zepulece Zepù

            Hai perfettamente ragione,ma purtroppo dato che la moderazione non ce stata all’inizio,sono stato costretto a “difendermi” .
            Non mi piace ingoiare insulti,specialmente da cretini,ne qui ne altrove .

          • Mao Campofranco

            in italiano si dice AGNOSTICO colui che pur non avendo prova di una cosa, per logica non può nemmeno dimostrare il contrario e quindi ammette la possibilità che esista. Chissà quanti qui invece credono in dio e al grande libro delle favole (bibbia) solo perchè da piccoli vi hanno detto che le cose stanno così ed è peccato pure dubitare.

          • Aran Banjo

            parafrasando Heinrich Boll… il problema degli angostici e’ che parlano sempre di Dio….

          • Mao Campofranco

            perché dio è l’unico modo per far capire ai finti razionali quanto siano irrazionali

          • Red AlessioRossi Ale

            Un altro tuo commento inutile senza senso.sterile
            bha leggendo gli intercutori di Ugo capisco sempre di più che voi davvero non conoscete nulla e non siete in grado di argomentare.

            scrivete solo per rendervi ridicoli e avvalorare le tesi altrui

            povero mondo.o meglio poveri voi

          • Aran Banjo

            ok non ti piaccio… cercherò’ di farmene una ragione….

          • Zepulece Zepù

            Mao Campofranco, veramente l’agnostico è colui che per mancanza di conoscienza o prove, si astiene dal prendere una posizione, o rispondere ad un quesito.

          • Mao Campofranco

            che esattamente ciò che ho scritto io senza fare copia e incolla da wikipedia… iniquità.

          • Zepulece Zepù

            No! tu hai scritto ” e quindi ammette la possibilità che esista”, l’agnostico non prende posizione, è colui che prende semplicemente atto dell’indimostrabilità del fatto e nell’inconfutabilità di esso sceglie di non schierarsi da nessuna parte finché non ci siano prove concrete per poter schierarsi.
            Wikipedia non ti aiuterebbe, in questo caso ti consiglio di aprire un buon dizionario della lingua italiana, magari cartaceo,forse il profumo della carta potrebbe stimolare i neuroni a non andare in giro sperperando sapere quandoin realtà , non si sà 🙂
            Ovviamente non ho fatto copia-incolla, ma anche qualora l’avessi fatto, ciò non cambierebbe l’esito finale,volevi fare il sapientone ed hai fatto una magra figura scrivendo una cazzata.
            Ossequi.

          • Mao Campofranco

            capisco la demenza senile galoppante e la totale mancanza di capacità relazionali, ma soffri di supercazzolismo e dici puttanate. il fatto di ammetere la possibilità che esista una cosa, significa allo stesso modo di ammettere che questa non esista. Non vuol dire schierarsi in alcun modo, l’agnostico valuta le prove. può dire che gli Ufo potrbbero esistere secondo logica ma non crede negli Ufo finquando non ha prova della loro esistenza… ora rileggi lentamente e prendi nota che intanto di faccio un disegnino con le matite colorate così capisci meglio, rincoglionito.

          • Zepulece Zepù

            Hai scritto una puttanata, e continui a difenderla, il tuo quoziente intellettivo è al livello di mia nipote di 4 anni.
            Il dizionario della lingua italiana non è opinabile, e non decidi fortunatamente tu il significato delle parole .
            “ammette la possibilità che esista” non significa semplicemente un cazzo, l’agnostico non crede fino a quando non ha prove concrete, quindi non ammette un bel ciufolo.
            Penso che dovresti aprire dei dizionari della lingua italiana, anche a giudicare dal tuo pessimo italiano scritto,forma e contenuto la dicono lunga sul tuo sapere.
            Rinnovo il consiglio sulla carta, probabilmente il profumo della carta potrebbe svegliare i tuoi neuroni assopiti.
            Ossequi

          • Zepulece Zepù

            Aggiungo tra l’altro, se provi a dire ad qualunque agnostico che ammette l’esistenza di dio, ti sputerebbe in un occhio.
            Tanto per farti capire quant’è grande la stronzata che hai scritto.

          • Mao Campofranco

            ahhhh finalmente ho capito: non riesci a tradurre “ammette”! potevi dirlo che non sei italiano… tu sei uno di quelli che si si va a leggere il parolone e poi non conosce l ‘italiano e non riesce a contestualizzare. Guarda, mi spiace per te che sei già la macchietta del momento e spero che lo sbarco dal gommone non sia stato troppo traumatico. Goditi la richiesta di asilo politico a scrocco ma magari la prossima volta portati dietro pure il cervello.
            p.s.: dato che manco sai leggere, esiste anche una funzione per te e i non vedenti che legge il testo. Muori in pace.

          • Zepulece Zepù

            Non devi aprire wikipedia, ma I LIBRI .
            Ignorante.

          • Zepulece Zepù

            Sei un Analfabeta.

          • Mao Campofranco

            e allora facciomolo sto copia e incolla da wikipedia e FATTI STA COLOSSALE FIGURA DIMMMERDA!
            “Gli agnostici non sono necessariamente indifferenti al problema della fede e all’attività spirituale o religiosa. Molti di coloro che stanno attivamente cercando una fede o sono in dubbio, hanno sostanzialmente una posizione agnostica, paragonabile al dubbio metodologico nella filosofia. Di converso, alcuni agnostici, pur essendo fondamentalmente scettici circa l’esistenza di una entità superiore, ritengono in via razionale che, così come l’esistenza di questa non si può dimostrare, non si possa neppure negare.”
            ribadisco: Ora va e muori in pace, e possibilmente in silenzio.

          • Zepulece Zepù

            “non si può dimostrare, non si possa neppure negare” il fatto che non puoi negarla, non significa ammetterne l’esistenza, capra ignorante,scrive esattamente quanto affermo io, sei tu che affermi che lagnostico ammette l’esistenza,torna a scuola e impara qualcosa invece di perdere le tue giornate scrivendo puttanate in rete.
            ANALFABETA

          • Zepulece Zepù

            Volevi farmi fare la colossale figura di merda invece hai dato prova del fatto che sei un analfabeta che non è in grado di capire ciò che legge, hahahahahahaha, sei da screenshot!

          • Mao Campofranco

            ma vedi che sei un burinazzo ignorante e analfabeta? come cazzo fai a parlare di libri quando confondi “ammettere che esista” (cosa che stai scrivendo solo tu!) con “AMMETTERE LA POSSIBILITÀ CHE ESISTA”, COME HO scritto io? Lo vedi qual’era il tuo problema? ANALFABETISMO.
            tu non devi leggere agnostico, devi andarti a studiare “cinico” fai il professore nozionista e manco sai la grammatica, per questo ti inalberi in spiegazioni, perchè non capisci il senso delle frasi. Poi non ti avevo detto di morire il pace? oggi si celebra il giorno dell’indipendenza… quella tra te e il tuo cervello. riabbracciatevi e attraversate l’autostrada bendati.

          • Zepulece Zepù

            “di morire il pace” Osi commentare la mia di grammatica? Possibili errori di digitazione col confondere il tasto L con la N ? analfabeta
            Provo a darti una spiegazione del tuo nullismo da definizione intrinseca di superficialità e ovvia ignoranza,attenzione che ti spacco il cervello zombie.
            C’è una differenza sostanziale enorme tra il non vedo non credo, e il non vedo ma dato che non ho prove, potrebbe essere.
            Sostanzialmente all’agnostico devi portare le prove dell’esistenza di dio, lui ovviamente non ammette neanche la possibilità, altrimenti un agnostico è un coglione, a cui qualunque anonimo analfabeta come te, può dire di vedere asinii volare e l’agnostico affermarne la possibilità.
            La definizione perfino da un macabro sito come wikipedia, non lascia molto all’immaginazione opinabile di analfabeti anonimi in rete (i riferimenti sono puramente non casuali) Ti invito a leggere ciò che copi-incolli la prossima volta evitando d’inciampare in buffe esibizioni misere,d’intelletto nel quale perfino definizioni filosoficamente banali come quelle che seguono non vengono recepite.
            “non si può dimostrare, ne negare” il significato riportato in questa frase confuta esattamente quanto da me scritto, ovvero data l’inconfutabilità del fatto, non vi può essere una posizione,uno schieramento, una scelta, pertanto rimane per noi agnostici si un argomento d’interessante discussione intellettuale, ma per comprenderne le risposte a noi non pervenute fino ai giorni nostri, non per dimostrarne l’esistenza o l’inesistenza, data l’impossibilità.
            Ora, se il tuo cervello è abbastanza sano dovresti scusarti per aver frainteso e mal capito quanto scritto da me, se vuoi continuare la via dell’analfabetismo invece, per quanto mi riguarda sarà il mio ultimo messaggio, tanto la tua stoltezza sarà talmente alta che ti prenderai volentieri l’ultima .
            Ossequi.

          • Mao Campofranco

            ahahah il fratellino demente di Bart Simpson ha trovato un errore di diteggiatura, che forte che sei… “ti faccio scoppiare il cervello, zombie”. Ma sei realmente autistico e ritardato allora, parli come un bimbominkia ma fai solo scoppiare i colgioni. Hai scritto un tema che non leggo nemmeno, contento del tempo che hai sprecato a scrivere sta arrampicata di specchi per l’anima del cazzo. Un tema e 10 risposte per cercare di correggere una definizione di 10 parole, con le tue supercazzole per sviare dal fatto che sei in ordine: ossigeno sprecato, analfabeta, ritardato, cinico, cazzaro e infantile. confondi ateismo con agnoticismo… ma arrovellati da solo, come ti ho già detto la prima volta: INIQUITÀ
            rispondi e supercazzolati quanto ti pare perché manco leggo le tue puttanate
            r.i.p

          • Zepulece Zepù

            Questo perché sei un grandissimo maleducato , probabilmente è un gene di famiglia dato che non ti hanno insegnato la buona educazione,e quando il cervello non ci arriva, tenti di mandarci una lingua affilata, che più che tagliente però, sembra un piumino.
            Sei un povero coglione decerebrato, standar purtroppo comune ormai nel nostro paese, non hai argomenti, e anche qualora tu li avessi,sarebbero banali e infantili.
            Fossi in te studierei qualcosa, aprirei qualche libro, perché non sai un cazzo, e sei solo un imbecille,probabilmente è questo il motivo per il quale non hai messo il tuo vero nome, sai d’essere un imbecille e non vuoi essere riconosciuto 🙂
            Ciao idiota.

          • Zepulece Zepù

            Tanto per chiarire, non ho confuso proprio nulla, ateismo e agnosticismo sono due cose ben distinte,ma spiegarlo a te sarebbe come spiegare in lingua italiana l’esperimento della doppia fenditura , ad un aborigeno di 6 anni.
            Vai a studiare imbecille

          • Zepulece Zepù

            Ultima cosa che aggiungo, tanto perché sembra divertente al momento sminuire il tuo intelletto da babuino, mi dai del cinico dimostrando di non conoscerne il significato!
            Fa ridere XD dare del cinico ad cazzum alle persone è una nuova moda? coglione

          • Mao Campofranco

            avete assistito alla crisi di nervi di una adolescente ritardata e con gravi disfunzioni ormonali e in astinenza da eroina. Spettacolare!
            p.s.: non potevi concludere che con l’ennesima figura di merda perchè quello è il mio vero nome, mentre sei tu quello che ha omesso ANDREA (!!!)
            Sei sempre più confusa e divertente, specie in questa tua versione transessuale… ora trovati un nuovo fidanzato e andate a giocare a pallone sul raccordo anulare.
            cadavere.

          • Zepulece Zepù

            Ma stai zitto coglione decerebrato. Usualmente do lascio l’ultima ai troll ignoranti come te, ma sembri divertente, non te la cedo l’ultima, ti scriverò ciò che sei finl all’ultimo; un coglione!

          • Zepulece Zepù

            Ma stai zitto coglione decerebrato. Usualmente do lascio l’ultima ai troll ignoranti come te, ma sembri divertente, non te la cedo l’ultima, ti scriverò ciò che sei finl all’ultimo; un coglione!

          • Mao Campofranco

            “Usualmente do lascio” e questo è il bimbominkia che mi ha criticato per una lettera… sei totalmente sconfitto e sconvolto. in 3 giorno hai preso più schiaffi qui che dai tuoi fidanzati occasionali che ti sculacciano. Ormai sei alla fase in cui ti insulti e ridicolizzi da solo, a me non serve più darti del coglione, lo dimostri da solo!
            Estrogeni al potere.

          • Zepulece Zepù

            Non ti ho criticato per una lettera, ti ho criticato perché sei venuto a fare la supercazzola da saputello lasciandoci una definizione di agnostico non corretta, che oltretutto continui a difendere in modo infantile, maleducato ,ampolloso e ridondante, sei uno spettacolo.

          • Mao Campofranco

            risposta dopo risposta hai preso schiaffi su schiaffi, sia sul tema, che hai dimostrato di non poter comprendere sia sulla logica che sulla lingua, sia sulle offese da chirichetto molestato che prova a fare il duro ma di persona sei sicuramente un fantasma.
            nemmeno io “do lascio” l’ultima parola ad un pallonaro borioso ignorante infantile e mestruato. Posso dedicarti anni, tranquillo sega.

          • Zepulece Zepù

            Il dizionario da ragione a me mica a te, la figura di merda l’hai fatta tu, guarda un po’ che foto mi sono messo su fb, la tua faccia da coglione :*

          • Mao Campofranco

            finalmente sembri etero, non cambiarla, ti prego.

          • Zepulece Zepù

            Ma quali hanni, lunica cosa a cui puoi dedicarti e scrivere stronzate in rete, perché dal vivo la faccia te la fanno tonda come ad un pallone hahahaahha coglione!

          • Mao Campofranco

            ma quali “HANNI” con l’H?!?!?!? mio dio il professorino del cazzo è proprio a pezzi, ma la mia mammina non la devi prendere in ballo altrimenti vengo a roma e ti stacco la testa a schiaffi. anche su fb provi a “farmi male”? ma allora sei davvero un gangster… ahh sei tipo quei rapper che spacciano mentine…
            resta sul pezzo isterica che gli estrogeni ti stanno tradendo.

          • Zepulece Zepù

            Ti sto scrivendo da un telefonino,è l’errore dell’autocompilazione coglione ahahah accetta la richiesta cretino,che ti prendo per culo anche su fb,ti ho gia taggato

          • Mao Campofranco

            ahhahh il suo T9 è l’unico che scrive anni con H davanti… non ha sbagliato lui, è colpa del telefono… capito? sono scemi gli altri, mica lui che è pure dislessico… istericaaaaa

          • Zepulece Zepù

            Il t9 non esiste più ebete demente ritardato,figlio di cagna.
            Il t9 è un software implementato in telefoni che hanno una tastierina numerica 3×4 COGLIONE. Si chiama autocompilazione,e dato che hanno è un verbo,è una parola riconosciuta e si autoimplementa,ennesima puttanata,ma non ti stanchi di fare figure di merda?

          • Mao Campofranco

            ah perchè tu hai uno smartphone? non ci credo… allora davvero sono a prova di ebete. HAI SCRITTO TELEFONINO, BURINO! io pensavo fossi ancora al motorola startac… mi stupisci. comunque l’autocompilazione HANNI lo scrive solo a te, QUINDI ANCHE IL TUO SMARTPHONE TI RITIENE UN COGLIONE

          • Mao Campofranco

            E SALUTAMI TUA MAMMA CHE MAGARI NON PASSA LA NOTTE… SPERIAMO.

          • Mao Campofranco

            non posso accettare perchè non è mia abitudine frequentare transessuali e psicopatici. sei spassosa nei tuoi tentativi di rifarti ma continui a soccombere… non hai più cartucce e sei già noiosa… non puoi deludere il mondo così… dai, possibile che non trovi niente di meglio che “tua mamma” e cose da asilo? facevi il filosofo e sei un mentecatto con un vocabolario limitato ai monosillabi da neonato…
            eclissati culattone.

          • Zepulece Zepù

            Non puoi accettare perché ti prendo per il culo e hai paura d’essere smerdato?
            Signor “il dizionario è opinabile e secondo me agnostico significa bla” coglione tira fuori i coglioni o chiudi quella fogna che somiglia alla troiona di tua madre e smettila di abbaiare stronzate con quell’ammasso di merda che hai al posto del cervello. Coglione

          • Mao Campofranco

            Cazzo, stavolta la mia troia dislessica e presto orfana, si è arrabbiata davvero… mi sa che adesso non mi fa più lo sconto.
            si scrive pure le risposte che nessuno ha mai scritto… La mamma è viva? ma ha il permesso di soggiorno o siete ancora profughi? e lei batte ancora nonostante la malattia? dovresti lavorare per toglierla dalla strada, fai il bravo figliolo… dislessico.

          • Zepulece Zepù

            Niente,ti ho asfaltato… non c’è più gusto insultarti.
            È cominciata la balbuzia da tastiera,non sai cosa scrivere e scrivi idiozie.
            Ti lascio l’ultima,non sei più divertente,mi fai tenerezza ora…
            E fatte la barba,che sembri un cesso dove qualcuno si è depilato i peli del cazzo.

          • Mao Campofranco

            così disse il moribondo “gli ho dato una testata sul ginocchio, che ha smesso di picchiarmi ed è scappato” accattonaggio puro. Poi tu che vieni a dare del cesso a me? guardiamolo sto fiorellino che scrive e non ha il coraggio di mettere la sua gran faccia da cazzo… ne qui ne su fb..
            Allora: parruccone da travestito orrendo, sguardo da decerebrato e perso nel nulla… barbetta “vorrei ma non ce l’ho perchè non ho ancora abbastanza testosterone”. faccino sottile da femminella o transgender operato… Perchè usi le foto di Vladimir Luxuria? ah già sta a roma… adesso ho collegato…

          • Zepulece Zepù

            Tu se vieni a roma puoi solo spompinarmi,come farebbe la tua mamma,dicono che a bologna lo succhiano bene il cazzo,chissa che tua madre sappia fare un bel lavoretto … io dubito giudicando il cesso che ha messo al mondo

          • Mao Campofranco

            il bimbo offende le mamme, ma tu che sei figlio di ogni negro e marocchino invece? lo hai mai conosciuto uno per chiamarlo papà? non hai più cartucce da giorni… sei una delusione costante.

          • Zepulece Zepù

            Ma non dovevi venire a roma se toccavo tua madre? Tua madre è una grandissima cagna .
            Ti aspetto leone da tastiera,ennesima prova che non vali un cazzo,ti sto taggando e prendendo per il culo ovunque.
            sei un perdente

          • Mao Campofranco

            ma fai pure, sei passato da antagonista che bene o male poteva rispondere a merda secca sull’asfalto. tagga qel cazzo che vuoi, vai su tutti i social… hai fatto la figura del bimbetto e sono tutti segnali che sei sconfitto e non riesci a difenderti qui… trolleggia e tagga sto cazzo, chiama anche i tuoi amichetti ad aiutarti. riposati stanotte che hai esaurito i colpi veramente. dormi e ricaricati. non vado a roma per un bambino, è chiaro che prenderesti schiaffi anche di persona ma a che serve infierire? sei orfano e tua madre morirà di un brutto male, come è accaduto al tuo vero padre che non conoscerai mai… la vita si è accanita su di te anche troppo,perchè devo pure picchiarti… sfogati straccio umano.

          • Zepulece Zepù

            No,tutti ti prendono per culo sopratutto perché non sei stato capace di riconoscere la cazzata che hai scritto,la lingua italiana non è opinabile,non decidi tu il significato dei termini,ne ora ne mai,non ne hai l’equipaggiamento!
            No tu a roma non vieni perché sei un senzapalle,e se vieni ne prendi tante xD impara a capire cosa puoi scrivere quindi la prossima volta,perché se affermi una cosa e poi non la fai,sarai un senzapalle.
            I colpi non li ho affatto esauriti,volevo portarti su facebook proprio per poter continuare ad infierire sulla tua demenza,mi stava piacendo ridicolizzarti,devo scoraggiare anche futuri troll dopotutto.
            Un ultima cosa, van halen non è stato affatto il piu importante chitarrista rock magari decente.
            Anche in campo musicale mi sa che non capisci un cazzo

          • Mao Campofranco

            “mi chiamo andrea e ho 5 anni, tutti ti prendono per il culo… tutti”. i tuoi amici… ma tu amici non ne hai, hai soloi burini coatti romani, nati qui ma figli di nordafricani, secondo cui il plurale di euro è euri, ti ho già detto riposati. non leggo manco più le tue risposte… non so, mi annoi… non hai più idee? guardati un film con bombolo e ispirati.
            come va con l’apnea? male vedo o non staresti a scrivere…

          • Zepulece Zepù

            Tenerezza..
            Ciao mi chiamo mao templar campofranco bhuahuahua

          • Mao Campofranco

            non mi sembra che tu ti chiami Kevin kostner, ma se vogliamo giocare ai bimbi di 5 anni… ” ciao mi chiamo andrea zupulece (gran bel cognome ebreo, lo sapevi?) detto zepù…

          • Mao Campofranco

            povera Carpineto Romano…

          • Zepulece Zepù

            Risposta dopo risposta ti stai rendendo sempre più ridicolo , sei il top dei coglioni in rete, mai incontrati di cosi complimenti 😀 continua a scrivermi ci tengo

          • Mao Campofranco

            il COGLIONE mi chiede pure l’amicizia su FB per vedere i cazzi miei? ma sei così coglione davvero? io pensavo che scherzassi… cazzo ti chiedo scusa allora, non mi piace prendermela con i ritardati e i disabili.

          • Zepulece Zepù

            Bla bla bla bla COGLIONE stai scrivendo solo idiozie

          • Luke Massari

            AHAHAHAH BELLA ZIO 🙂

          • Zedicus

            Guarda che non mi sembra proprio che abbia scritto “ammetta l’esistenza” ma ha scritto ” ammetere la possibilità che esista” il che vuol dire: “si ragazzi magari esiste pure o magari no ma non me ne frega nulla”.
            Se poi un agnostico ti sputa in un occhio, un ateo cosa farebbe?

          • Andrea Zepulece

            Parlare di “ammettere la possibilità che esista” è un parlare di aria fritta, ovviamente il dizionario della lingua italiana non implementa una simile sciocchezza, e le spiego il perché:
            Qualunque anonimo potrebbe raccontare ad un agnostico di vedere mucche parlanti nella sua fattoria ma di non poterne portare prova, l’agnostico data l’impossibilità di confutarne l’esistenza non prende posizione ,trova inutile perfino parlarne, ma se ammettesse la possibilità che esistessero mucche parlanti, sarebbe un cretino, ora gli agnostici non sono certo cretini, è una forma filosofica di abbracciare certi tipi di pensiero o meno, con la logica della confutazione.
            Dato che tu non puoi dimostrarmi che dio esiste, ed io non posso dimostrarti il contrario , cosa diavolo parliamo a fare di questa stupidaggine? siamo solo due cechi che fanno a sassate.
            Per quanto concerne il quadro religioso il discorso non cambia, il fatto di non prendere posizione, riguarda proprio il fatto di non voler neanche parlare dell’esistenza o meno perché totalmente inutile , semmai noi agnostici, siamo più interessati alle storicità di eventi religiosi realmente accaduti.
            Ma ammettere la possibilità che esista è un argomento fuorviante totalmente rispetto al punto di vista agnostico.

          • Francesco Zeno Selva

            erm no.

          • Red AlessioRossi Ale

            Le prove ci sono e tantissime!
            tu o sei un pagato o un ignorante (persona che ignora)

            tutti i tuoi commenti non argomentano nulla . denigrano solo e non aggiungono nulla alla discussione .

            Da questo comportamento l’unica cosa chiara è che le tesi di Ugo sono molto vicine alla realtà

            e tu la nascondi. spero 😉 non apposta 🙂

        • Ugo Caira

          LE SCIE CHIMICHE ESISTONO… ALTROCHE’ SE ESISTONO!!!
          QUALCUNO SA PER ESEMPIO CHE ESISTE UN TRATTATO ITALIA/USA FIRMATO DA BERLUSCONI E BUSH CHE AUTORIZZA L’IRRORAMENTO AEROSOL (SCIE CHIMICHE) NEI CIELI ITALIANI? NIOOO???
          ALLORA LEGGETE QUI!!!
          http://www.scribd.com/doc/9381320/Piano-dettaglio-Accordo-Italia-U-S-A-sul-Clima

          • Fausto

            Ugo, ho letto tutto il documento che ha linkato. Si parla di aerosol in quel documento, ma purtroppo ho trovato solo riferimenti allo studio di aerosol naturale tramite sonde. Mi potrebbe dire dove si parla di aerosol tramite irrorazione con velivoli? Mi suggerisca dove cercare, anche solo numero di pagina e riga, grazie mille.

          • Ugo Caira

            L’AEROSOL SONO LE SCIE CHIMICHE… SENNO’ DIMMI COS’E’ L’AEROSOL!!!

          • Fausto

            Senta io sono stato cortese. Lei invece non lo è, e il documento non l’ha nemmeno letto, altrimenti forse avrebbe capito che l’analisi di aerosol naturale altro non è che lo studio di alcuni strati dell’atmosfera tramite l’invio di palloni sonda, a fini scientifici. Certo a fini scientifici si possono fare anche cose orrende ma di fatto nel documento non si parla minimamente di ciò che lei sostiene.
            Questo dimostra la nullità scientifica di alcuni (purtroppo molti) materiali che girano in internet, fomentata ad arte da ciarlatani a cui lei abbocca stupidamente, e che addirittura vuole imporre al mondo pensando di avere la Verità in tasca. Io la Verità in tasca non ce l’ho, e non sono maleducato come lei, che è stato scortese e ha dimostrato di non sapere nulla del documento che ha linkato come prova di ciò che sostiene.
            Un consiglio, non si esponga così se non sa di cosa parla. Buona giornata

          • scondotomo

            Hai perfettamente ragione sono scie chimiche (non ti prendo per i fondelli)…ma sono scie chimiche nel senso che si tratta di agenti inquinanti rilasciati volontariamente nell’aria per STUDIARE GLI EFFETTI di quell’inquinante sul clima e sul modo in cui i raggi solari si riflettono. La tua auto, immagino tu abbia un’auto, rilascia una scia chimica….anzi ora che ci penso se fossi un complottista invece di stare a trovare spiegazioni inverosimili su come fanno a innondarci di agenti chimici pericolosissimi attraverso aerei (gli aerei non sono poi tanti nel cielo) penserei a quante schifezze mettono (REALMENTE) nella benzina che usi per la tua auto e che RESPIRI CON CERTEZZA (la scia chimica da aereo a te arriva solo se abiti a 40 metri dalla pista di atterraggio o se hai una sfiga cosmica vista la distanza tra te e l’aereo). Pensa ad una città come Roma con milioni di auto che circolano e che lasciano la loro mini scia chimica! SONO UN VEGGENTE E SO CHE LA TUA RISPOSTA è…….NON CAPISCI UN CAZZO (riferita a me) 😀 😀 😀 😀

          • Red AlessioRossi Ale

            avendo letto il tuo commento scondotomo ora sono sicuro che ha ragione ugo non capisci davvero un cazzo!

            spero che almeno sei un disinformatore perchè senno la situazione è ancora più allarmante

          • scondotomo

            Ma ci fate o ci siete…..diventa anche divertente leggere certi commenti…io sono dell’idea che ogni persona possa avere le sue idee e le sue convinzioni ma io di idee ne vedo poche confuse e contraddittorie. Rispondi a questa domanda……..COSA FANNO LE SCIE CHIMICHE? Lo chiedo perchè non mi è chiaro se sei della corrente di pensiero che servano a controllare la nostra mente come sostengono in questo dossier http://fuoridimatrix.blogspot.it/p/scie-chimiche-nei-cieli.html o sei della corrente di pensiero che servano a controllare il clima per causare eventi violenti! Un’altra domanda è ancora più importante….COME MAI CINA USA E RUSSIA E IRAN che non sono tra loro ne alleate ne in buoni rapporti si coprono le spalle a vicenda? Aspetta questa la so…..SONO LE BANCHE CONTROLLATE DAI SUPER MASSONI EBREI AMICI DEL VATICANO che comandano e i vari governi e forme di governo sono solo coperture! Non voglio farti cambiare idea non mi interessa e non mi cambierebbe niente tieniti le tue idee illuminate ma fai un favore a te stesso……USA IL CERVELLO E LEGGI TUTTO con senso critico anche quello che non ti piace ne trarresti giovamento!

          • Alessandro Rossi

            Ma notate come una semplice argomentazione può mettere in contrasto pareri? Per risolvere la questione bisogna mettersi dal punto di vista di entrambi gli osservatori. Ugo, l’economia è quella che si insegna in Università punto, la cosa che trascurate è che la materia ha cosi tante falle che può ed è interpretata in maniere diverse fino ad arrivare a tali discussioni. Se si è arrivati a questo punto nell’Economia Europea è perchè l’interpretazione della materia da parte degli “esperti” è stata fatta in modo tale da rubare il più possibile e dal mascherare quanto più si poteva gli interessi delle parti.

          • Ugo Caira

            PUNTO… UNA MINCHIA!!!
            TU NON SEI NEMMENO IN GRADO DI RAGIONARE ANCHE SOLO SULLE COSE SEMPLICI CHE ANCHE UN BAMBINO (NON LOBOTOMIZZATO) COMPRENDE… COSA VUOI COMPRENDERE SULLE MINCHIATE DI CUI I TOMI DI ECONOMIA FASULLA SONO PIENI?
            IL MONDO E’ PIENO DI PECORE LOBOTOMIZZATE… ALMENO SIETE IN TENTE!

          • scondotomo

            E giusto per tua completa informazione AEROSOL è anche la nuvola stessa che c’è nel cielo o il deodorante spray.

          • Ugo Caira

            E giusto per tua completa informazione che tu sappia che una nuvola è una nuvola e non c’entra un cazzo con l’aerosol che è descritto nel trattato!
            QUINDI PIANTALA DI SCRIVERE STRONZATE PER AGGRAPPARTI AGLI SPECCHI!

          • scondotomo

            Leggi quel che scrivi o scrivi tanto per scrivere…..”L’AEROSOL SONO LE SCIE CHIMICHE… SENNO’ DIMMI COS’E’ L’AEROSOL!!!” Io ti ho risposto e se tu fossi meno preso da te stesso vedresti che ho scritto cose contenute nel video CHE TU HAI POSTATO. Dispersione di agenti chimici per vedere gli effetti…..ma che sto a perdere il tempo con uno che non sa neppure di cosa parla…….se la scia chimica dell’aereo serve per il controllo climatico tanto tanto ma visto che secondo me tu sei dell’idea che serva al controllo delle menti avresti dovuto ringraziarmi perché ti ho fatto sapere che i cattivi potrebbero mettere gli stessi agenti chimici all’interno del carburante delle vetture e diffonderlo con infinita più precisione. Infine genio del crimine le operazioni segrete non vengono fatte nascondendo all’interno di un documento pubblico dei dati segreti….SI TENGONO SEGRETI E BASTA……..vedi tu se per fare una cosa segreta ed illegale fanno un trattato bilaterale…..che poi se tu vivessi sulla terra e non su GENIOLANDIA capiresti da te che se le scie sono frutto di agenti chimici nel carburante degli aerei civili di certo non avrebbero bisogno di firmare quel trattato per spargerlo!!!!!!!

          • Ugo Caira

            MA QUANTO SEI INGENUO… SECONDO TE ADESSO NEL TRATTATO DOVEVANO SCRIVERE CHE AVREBBERO AVVELENATO I CIELI CON BARIO E ALLUMINIO ECC…! IL TRATTATO OVVIAMENTE E’ SCRITTO IN MODO CHE SI PERMETTESSE LA DISPERSIONE NELL’ATMOSFERA DI SOSTANZE… POI UNA VOLTA LEGALIZZATA LA PRATICA… CHI CAZZO LI CONTROLLA… TU? E OVVIAMENTE BASTA OSSERVARE ANCHE L’USO DELLE SCIE CHIMICHE CON HAARP E LE ONDE SCALARI PERFETTAMENTE VISIBILI… FORSE TU SEI CIECO… IO NO!
            DI FATTO LE SCIE CHIMICHE SONO INIZIATE DOPO AVER SOTTOSCRITTO I TRATTATI!
            HAI VISTO I VIDEO DEL GENERALE DELL’ESERCITO MINI?
            PENSO CHE NE SAPPIA PIU’ DI CHIUNQUE ALTRO IN MATERIA!
            LO STESSO E’ SUCCESSO CON I TRATTATI EUROPEI! HAI FORSE LETTO NEI TRATTATI EUROPEI DI CHI E’ LA PROPRIETA’ DELLA MONETA ALL’ATTO DELL’EMISSIONE? INFATTI NON E’ SCRITTO DA NESSUNA PARTE!
            ORA SE LA MONETA IN TEORIA DOVREBBE ESSERE DI PROPRIETA’ DEL POPOLO… COME MAI UN’ENTITA’ PRIVATA LA PRESTA AGLI STATI LUCRANDOCI INTERESSI DA USURAI?
            ORA A ME NON FREGA UN CAZZO SE CI SEI O CI FAI… MA TI RISPONDO GIUSTO PER CHI LEGGE… PERCHE’ SENNO’ A DISINFORMATORI DELLA TUA SPECIE NON SI DOVREBBE NEANCHE RISPONDERE!
            ORA SPERO CHE LA PIANTI DI SCRIVERE ANCORA COGLIONATE!

          • scondotomo

            Complimenti per la tua tenacia….ma io ti chiedo nuovamente ma perché fanno un trattato in cui fanno sapere A TE che stanno per “distruggerci” attraverso le scie chimiche? Per legalizzarlo????? Scherzi vero……no perché se nessuno li controlla ora nessuno li controllava neppure prima e se cospargono di METALLI pesanti in quantità nocive i cieli un TRATTATO BILATERALE è utile come della carta igienica fatta con la CARTA ABRASIVA…..perché il primo DEFICIENTE che dimostra la presenza di metalli pesanti nell’aria li denuncia tutti per TENTATA STRAGE con o senza il trattato che ESSENDO BILATERALE implica che le tue scie chimiche non vadano a rompere le balle agli svizzeri, agli austriaci, agli sloveni e ai francesi e quindi niente scie chimiche vicino ai confini!!!!!! Poi il fatto che le scie chimiche siano iniziate dopo il trattato del 2002 è la cosa più comica della storia….Vorresti dire che NE TU NE NESSUNA ALTRA PERSONA AL MONDO, eccezion fatta per me che sono però foraggiato dall’NSA per dire queste cose o in alternativa ho il cervello pieno di mercurio che mi ha fatto impazzire, HA MAI VISTO PRIMA DEL 2002 UN AEREO CHE LASCIASSE UNA SCIA. Io ho 40anni e mi ricordo di quando da bambino, quindi parlo dell’inizio degli anni ’80 RIMANEVO AD OSSERVARE LE SCIE DEGLI AEREI fino a quando non scomparivano!!!!!! Se hai amici che sono nati prima del 1990 chiedi a loro se ne hanno mai viste, ovviamente prima del 2002. Ascolta un consiglio a gratis……guardati A BEAUTIFUL MIND e vedrai che basta poco per capire che la mente gioca brutti scherzi!

        • Jacox

          Ammettiamo che il governo non scambi i bambini appena nati negli ospedali con dei bambini alieni tu che vinci? Ammettiamo che lo facciamo veramente tu non perdi nulla? Visto che prendi il tuo pensiero da Pascal ti porto una “critica” direttamente al suo pensiero.

          Innanzitutto, non c’è niente di bello nel credere in una bugia per tutta la vita. Oltre a ciò, e questo è un discorso ancora più pratico, è irrazionale considerare nullo il costo della fede durante la propria vita: professare una religione richiede tempo, sottrae tempo ad altre cose, può portare a problemi di interazione con non credenti e/o con credenti di altre religioni, in molti casi richiede somme non indifferenti di denaro, porta a pregiudizi nei confronti di alcune categorie (es gli omosessuali e le coppie di fatto) e può limitare comportamenti e abitudini alimentari utili senza motivi validi al di fuori del contesto religioso.

          Adesso scambia il termine fede con “scie chimiche”

          • Renzie_Guevara

            fa come te pare non ci credere ma visto che non puoi smentire una cippa almeno non te ce fa’ grosso.

          • Renzie_Guevara

            quindi tu metti una cosa come il rilascio di agenti chimici nell’atmosfera, cosa ormai dichiarata anche da piloti militari americani, sullo stesso piano dello scambio di bambini alieni. Secondo me pensare ancora di trovare italiani intelligenti è un po’ come credere nelle scie chimiche, qualcuno lo dice ma non ne ho la certezza, anzi ho sempre delle conferme contrarie.

      • Ugo Caira

        VAI A ZAPPARE IDIOTA! CAPISCI UN CAZZO NE’ DI ECONOMIA NE’ DI ALTRO!

      • Aieie Brazov

        Tu non te! Italiano di Topolino? 🙂

        • Aran Banjo

          Toscano…

      • Ivan

        Aran, potresti illuminarci ad esempio, su chi sono realmete i creditori della Grecia? persone comuni dell’europa che hanno affidato i loro risparmi per caso? E puoi smentire il fatto, che tutte le banche, BCE compresa, possono elargire molti più denari di quelli realmente posseduti?
        E per prestare questi soldi vanno in grecia con camion pieni di banconote? o lasciano che ne stampino di più? oppure sno solo dei clic su dei computer? che però per essere restituiti affamano la popolazione, perchè per restituirli bisogna realmente produrre, o togliere ciò che i Greci hanno guadagnato?
        Non è la Grecia che rende in giro, è questa Europa di folli ladri che è sul punto di non ritorno!

        • Aran Banjo

          eh già… invece la Grecia è innocente (E magari pure illibata)….

        • scondotomo

          I clic sono gli stessi che fai per pagare con un bancomat i soldi se ci sono ti danno quel che vuoi comprare altrimenti ti attacchi al tram…quei clic che hanno dato soldi fittizi, secondo te, sono poi stati trasformati in clic sul conto corrente dello STATO GRECO che con quei clic ha pagato gli stipendi e via discorrendo. Il moltiplicatore dei depositi non è una cosa brutta come pensate voi ma il modo che permette ad una banca di prestare più di quel che riceve e prestare non in senso teorico quei prestiti si trasformano in AUTO ACQUISTATE, IN IMPIANTI DI PRODUZIONE……l’alternativa qual’è il baratto? RIPETO il clic del computer permette allo stato greco di pagare le pensioni e i pensionati con quei soldi ci comprano beni……chiedere la restituzione di un prestito è un’assurdità? Se vuole le do le mie coordinate bancarie mi fa un bonifico online (un vero e proprio clic) io NATURALMENTE non le ridarò indietro i soldi ma ci mancherebbe dovrei affamarmi per restituirle quel cavolo di clic (mi raccomando mi risponda che le do l’iban mi accontento anche di soli 50.000euro via clic)

      • Giorgio G.

        Certo che tu Aram, dai un contributo imperdibile alla discussione …scie chimiche a parte se una cosa non è approvata dal Corsera o da Repubblica per te non esiste …nemmeno ti sfiora il dubbio che possa esistere ..un bel risparmio nell’uso dei neuroni.. devi averli ancora nuovi e imballati nella plastica

      • Giorgio G.

        Certo che tu Aram, dai un contributo imperdibile alla discussione …scie chimiche a parte se una cosa non è approvata dal Corsera o da Repubblica per te non esiste …nemmeno ti sfiora il dubbio che possa esistere ..un bel risparmio nell’uso dei neuroni.. devi averli ancora nuovi e imballati nella plastica

        • Aran Banjo

          sai com’e’… i blog non li reputo sufficientemente affidabili….
          Sul Corsera e Repubblica nutro dubbi ma molto molto meno dei cosiddetti siti di “Kontroinformazione”…

      • Pierattelli Gabriele

        Grande

      • Red AlessioRossi Ale

        chiamatemi quando arrivano le scie chimiche?

        tu sei un grandissimo ignorante o pagato

        alza gli occhi al cielo. studia non sai manco cosa ti spruzzano in testa dal mattino alla sera

        povero Uomo ha passato mille difficoltà per arrivare in sta era di perfetti schiavi lobotomizzati. siete veramenta livello invertebrati

        • Aran Banjo

          meno male che ci sei tu che lo sai….

    • Nic

      Ugo, te prego. Almeno disattiva il CAPS LOCK dalla tastiera.
      Cristo.

      • Ugo Caira

        A ME MI PIACE COSI’! 🙂

        • Il Bogu

          a me mi non si dice…

          • Ugo Caira

            E io lo dico dato che parlo come magno… però almeno dico cose vere con cazzate grammaticamente ineccepibili… ma sempre cazzate!
            Vale sempre il proverbio del dito e della luna… capsciammé!!!

          • Alessio Polizzi

            Comunque non hai capito che Renzie_Guevara ti stava sostenendo.

          • Salvo Landucci

            SI DICE GRAMMATICALMENTE! CAPISCIAMME’

          • Beah Baeh

            Dal 2018 tutto ciò che è scritto in CAPS LOCK diverrà automaticamente verità indiscussa ed indiscutibile. Servono prove? CAZZO MENE, IO CAPS LOKKO!

          • Ugo Caira

            W IL…

          • nicola

            non si diceva adesso anche a scuola e accettato,informati.

          • Emilio

            va beh, bella caata, comunque

          • Highrender

            Si dice: è un rafforzativo..

      • Sergio Bonfiglio

        Capitelo, si è laureato nella Sacra Università di YouTube e dell’Internette 3.0

    • Renzie_Guevara

      Ugo come ti permetti di scrivere sui blog portando ragionamenti, video e link a convegni! Qui ci possono scrivere solo super geni che leggono qualche libretto all’università vanno in vacanza a sharm a farsi le canne ad Amsterdam e pensano di aver girato il mondo. Tutti sbruffoncelli dalla facile ironia ma che ne sapete voi che c’avrete si e no 5.000 euro in banca.

      • Ugo Caira

        Che ti devo rispondere… che da come scrivi mi sembri uno dei tanti spalatori di aria fritta? No grazie! Di aria fritta non ne ho bisogno… continua a farti le tue canne ad Amsterdam in tutta serenità… non mi leggere!

        • Renzie_Guevara

          Ugo adesso non mi scadere, rileggi un paio di volte il mio commento, era ironico a tuo favore. L’economia è molto più complessa del mio commento, non è che mi devo far venire dei dubbi sulle tue teorie?

          • Ugo Caira

            Vabbè… ho letto di corsa! Sorry! 🙂

        • Salvo Landucci

          AH!AH!AH!… NON HA CAPITO NEMMENO CHE COMMENTAVA A SUO FAVORE…..

          • Ugo Caira

            Ridi pagliaccio!

    • Luca Brognara

      Manda anche tu un sms al 45123 e dona due euro per l’acquisto di tastiere nuove con il capslock non difettoso per i (complottisti) più bisognosi

      • Ugo Caira

        IL CAPSLOCK FUNZIONA BENE! NON POSSO DIRE ALTRETTANTO DELLE MENTI LOBOTOMIZZATE A CUI GLI HANNO SPIEGATO CHE NON BISOGNA USARLO!
        SICCOME IO MI AVVALGO DELLA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE SECONDO LA COSTITUZIONE… USO IL MAIUSCOLO, MI GUSTA COSI! SE A TE NON TI GUSTA… NON MI LEGGERE!

        • Paolo_X

          Tutti i video e documenti che hai visto sono tutte ipotesi, dopodiché è il tuo cervello che gioca con te. Il complottismo è una malattia mentale purtroppo.

          • Ugo Caira

            IPOTESI STA MINCHIA!!! TUTTO DIMOSTRABILE CARTA ALLA MANO!
            MA INVECE DI SPARARE CAZZATE… PERCHE’ NON VAI AD ACCHIAPPARE LE MOSCHE… SAREBBE PIU’ UTILE!

        • nuthinking

          Lo scrivere solamente con le maiuscole non solo mostra una mancanza di rispetto nei confronti dei messaggi altrui, ma anche una mancanza di espressività. Non è questione di gusti. E questo credo sia molto più semplice da capire che l’economia.

          • Ugo Caira

            LO SCRIVERE QUELLO CHE HAI SCRITTO TU, NON SOLO DENOTA UN CERTO LAVAGGIO DEL CERVELLO DA PARTE DI CHI HA INVENTATO LA C.D. NETIQUETTE, MA ANCHE POCA INTELLIGENZA NEL NON LASCIARE ESPRIMERE CHIUNQUE SECONDO LIBERTA’ D’ESPRESSIONE COME PER ALTRO E’ SANCITO DALLA COSTITUZIONE! IO DA LIBERO PENSATORE DELLA NETIQUETTE COME DICE ALBERTO CAMILLERI: “MINNI STAIU FUTTIENNU!” ORA PENSALA COME TI PARE… MA NON POSSO CHE NOTARE CHE LE PERSONE INTELLIGENTI PARLANO DELLA LUNA, GLI STOLTI PARLANO DEL DITO! 🙂

          • mawrwr

            Posso dirti una cosa senza polemica? Sperando che tu non mi salti addosso per sbranarmi… Io condivido quasi tutti gli argomenti che tu descrivi… ma il modo come li esponi e come attacchi le persone che non condividono i tuoi pensieri non gioca affatto a tuo favore. Appari un esaltato fuori di senno e incarognito. Così chi ti legge (e non conosce questi argomenti) non cerca nemmeno più di capire quello stai trattando ma prova solo a offenderti o denigrarti. Se vuoi fare un buon servizio ai tuoi pensieri e vuoi davvero provare a divulgarli e convincere gli altri della loro bontà, cambia atteggiamento. Così non concludi niente, anzi, esasperi le posizioni, e chi era convinto diversamente, dopo averti letto, lo sarà ancora di più. E’ solo un consiglio amichevole. Buona giornata.

          • Ugo Caira

            QUANDO INCONTRI PECORE LOBOTOMIZZATE CHE SALGONO IN CATTEDRA E OGNI VOLTA TI TOCCA DI IMBOCCARE COL CUCCHIAINO I PRINCIPI ELEMENTARI DELLE COSE, POI NON CE LA FAI PROPRIO PIU’ E TI INCAZZI! CAPISCO SE UNO MI DICE… GUARDA NON CONOSCO LA QUESTIONE E TI CHIEDE DI SPIEGARGLIELA… NON C’E’ PROBLEMA!
            MA QUANDO VEDI SALIRE IN CATTEDRA GENTE IGNORANTE SENZA NE’ ARTE NE’ PARTE… ALLORA DIVENTO FUMINO!!!
            CHE CI VUOI FARE? E’ UN MIO LIMITE? PAZIENZA!
            NELLA VITA A VOLTE PER FARSI CAPIRE DEVI ALZARE LA VOCE E BUTTARE GIU’ DALLA CATTEDRA I VARI IGNORANTI DI TURNO CHE SONO PROPRIO COSTORO A RENDERE POSSIBILE LO SCEMPIO CHE OGGI VEDIAMO SOTTO I NOSTRI OCCHI!
            NESSUNA PIETA’ PER I PECORONI LOBOTOMIZZATI… SPECIE SE SONO TESTARDI!

          • Stefano Maggi

            Senzza sape legge e scrive io me chiedo allò pecchè oncor oggi a Grecia non riesce a fa entrà i sordi pe pagà manco i diperdenti pubbici che so propio assai epure li ha licenziati e diminuito o stipendio. VVò di che en passato ha speso più de quanto n’cassa o no? Cioè il debito è debito veramente no chiacchiere. Sti 330 miiardi se so magnati o no? Sti liiardi nun zo virtuali n’zomma, so vveri mortacci loro. E ccetto che so aumentati pegli nteressi ma quelli e pagamo pure noi. E mo se se so magnati li sordi le devono dà, oppure dacce corfù. Tu sei de Corfù? No? Peccato.

          • Ugo Caira

            Non dì stronzate!!!

          • mawrwr

            ovviamente sei libero di farlo… Ma dalle risposte che ricevi sei sicuro che alzando la voce in questo modo la gente ti ascolta di più? Secondo me non funziona proprio questo metodo. E poi scusa, non prendere tutti per pecore lobotomizzate… Se ci pensi, in fondo siamo stati inculcati con falsità sin dalle elementari. In quel periodo si formano le convinzioni più dure a essere rimesse in discussione. Non è facile come a te sembra uscire da quella forma mentis. Ci hanno settato sin da bambini! Non sono pecore lobotomizzate. Sono persone normali con idee normali. Esattamente quelle che da bambini ci hanno infornato. Il lavoro di chi ha già preso consapevolezza di questo deve essere quello paziente e faticoso di chi con ragionamenti pacati e argomenti sensati, piano piano scalfisca quella roccia ormai indurita. Riflettici… 🙂 capisco bene la tua agitazione… Ma prova a trovare più divertente rispondere spiegando le cose con calma come si farebbe ai bambini… Magari qualcuno comincerà ad ascoltarti con più interesse. Buona serata.

          • Ugo Caira

            QUANDO DI FRONTE AD UNO CHE TI SPIEGA COME FUNZIONA PASSO PASSO, SI CONTINUA A GRIDARE “GOMBLODDO”… OPPURE TI CONFUTA CON ARGOMENTI CHE NEMMENO LUI HA CAPITO, ALLORA NON PUOI FARE A MENO DI CHIAMARE LE COSE COL LORO NOME. NELLA FATTISPECIE PECORE LOBOTOMIZZATE!

          • Emilio

            GOMBLODDO!!!1!!!

          • scondotomo

            i principi elementari….con cosa paghi la connessione con pezzi di rame??? con mezzo grammo di oro???? con denaro? SPERO PROPRIO DI NO sarebbe come dire che il denaro ti permette di comprare dei servizi e quindi il valore del denaro è pari al valore di ciò che compri con quel denaro. Hai zero Euro compri ZERO COSE hai 1 miliardo di euro ci compri l’inter 😀

          • Ugo Caira

            Quando si è troppo asini e si sale in cattedra a criticare non si merita alcuna risposta! Vai a cercare le cose che ha divulgato Giacinto Auriti e cerca di imparare qualcosa!

          • scondotomo

            La moneta cartacea (non con un valore reale come le monete d’oro) ha un valore che deriva dal fatto che sia accettata in quanto ritenuta atta ad essere usata per gli scambi commerciali. Se lo Stato stampa moneta direttamente (non esiste più la banca centrale che si appropria della NOSTRA RICCHEZZA) e in quantità che vuole il risultato di Auriti è che tutti viviamo bene……l’esperienza EMPIRICA dice invece che stampare moneta non serve a NIENTE perché se la moneta non è accettata NON VALE NIENTE. Un esempio dei nostri giorni è il Venezuela….stato che di certo non si può definire liberista o affetto dal MORBO DEL SIGNORAGGIO. La loro moneta è gestita dallo stato che gestisce anche i prezzi di molte merci e servizi e vi è un CAMBIO UFFICIALE. Questo tasso di cambio è ridicolo rispetto al cambio reale (mercato nero). Sa cosa significa questo? Che stampare moneta va bene per giocare a monopoli o se sei un’economia TOTALMENTE CHIUSA che cioè non necessita niente dal resto del mondo e in cui tutti gli abitanti non si sognano di andare via…..ma visto che TUTTI I PAESI necessitano di qualcosa dagli altri non resta che accettare che la moneta è solo carta se NON PUO’ ESSERE USATA PER COMPRARE BENI E SERVIZI!!!!!! PS la Banca d’Italia era ed è detenuta da banche private…..e gli utili della banca d’italia se li pappava lo stato e continua a farlo! Ma io non capisco un cazzo mica so cos’è il signoraggio i Venezuelani che lo sanno o meglio non lo sanno ma lo sperimentano! Vai che hai risolto i problemi del mondo con l’emissione di pezzetti di carta!!!!!!

          • Ugo Caira

            VAI CHE NON HAI CAPITO UNA MAZZA!

          • scondotomo

            Sei un grande, impossibile controbattere le tue formidabili risposte piene di argomentazioni di rara finezza !!! PS togli la citazione si Roosevelt….. forse non lo sai ma è il padre di tutti i debiti pubblici quindi per te il demonio fatto persona!

          • Ugo Caira

            DI ARGOMENTAZIONI NE HO POSTATE A IOSA… NON HAI CHE DA FRUIRNE… SPERANDO CHE IMPARI QUALCOSA!
            RIGUARDO A ROOSEVELT… ALMENO UNA VOLTA HA DETTO IL VERO!

          • Claude Liszt

            È Andrea Camilleri, non Alberto.

          • Ugo Caira

            HAI RAGIONE… E’ STATO UN LAPSUS!

          • Supernaut

            Sarebbe Andrea Camilleri…

    • Pierattelli Gabriele

      ??????????????
      Ma che dici??????
      hai la minima idea di come funzioni la fed??? sai che a loro non gliene può fregar di meno di avere un debito enorme perché possono continuare a battere moneta all’infinito??
      e poi per quale dannato motivo gli USA dovrebbero voler distruggere l’economia mondiale ed in che modo questo ristrutturare ebbe il loro debito?????
      sei più comico di Zelig

      • Ugo Caira

        LO SAI CHI DETIENE IN MAGGIORANZA IL DEBITO PUBBLICO AMERICANO? LA CINA!
        LO SAI CHE SUCCEDE SE LA CINA PRESENTA IL CONTO AGLI USA?
        VEDIAMO SE CI ARRIVI… GENIO!
        IL COMICO SEI TU… ANZI NO! MANCO FAI RIDERE!

    • Santo Nudo

      Il debito Cinese e’ il doppio di quello Italiano solo che il 50% delle industrie sono di proprieta dello stato e’ questo e un vandagio perche producono mentre le industrie Italiane scappano e la produzione viene fatta in altri paesi

      • Ugo Caira

        E ALLORA?

    • Gabriele Galiano

      Ma perchè scrivi col caps lock? Dicono che chi lo fa ha manie di grandezza o è uno psicopatico.

      • Ugo Caira

        CAZZO… MA NON CI SONO CARATTERI PIU’ GRANDI E CUBITALI CON STO CAZZO DI CAPS LOCK?

  • El Greco

    Basta aprire un normale testo di economia universitario per capire quante inesattezze contengano video come questi, va bene essere curiosi, ma prima di guardare cose fuorvianti ti consiglierei di studiare sui testi di base, e non è una critica è un consiglio 😉

    • Ugo Caira

      I LIBRI DI ECONOMIA SONO IMMENSI TOMI DI CAZZATE SCRITTI DA CHI HA INTERESSE CHE LA GENTE NON CAPISCA LA VERA ECONOMIA E FA GLI INTERESSI DI CHI VUOLE LO STATUS QUO!

      • franzfume

        #coinostrisoldi #fategirare 8)

  • Mario

    Con La moneta si compera tutto quello che si desidera si pagano gli operai impiegati e a chi si debita soldi quindi la moneta ha valore cari venditori di fantascenza

    • Ugo Caira

      LA MONETA HA IL VALORE SE RAPPRESENTA IL CORRISPETTIVO DI MERCE, SERVIZI, OGGETTI ECC…!
      LA MONETA CREATA DAL NULLA COME FANNO OGGI LE BANCHE E’ EQUIVALENTE ALLA MONETA FALSA EMESSA IN CLANDESTINITA’!
      LE BANCHE IN SOSTANZA IN BASE ALLA RISERVA FRAZIONARIA EMETTONO PIU’ DEL 90% DI DENARO DAL NULLA RISPETTO ALLE REALI RISERVE DEI DEPOSITI DEI CLIENTI!
      DOMANDA:
      PERCHE’ UNA BANCA PRIVATA PUO’ EMETTERE, PRESTARE DENARO CREATO DAL NULLA CHE NON POSSIEDE E CHE PRESTANDOLI LI ISCRIVE AL PASSIVO E QUANDO RIENTRANO LI METTONO AL PAREGGIO FACENDO OGNI ANNO UN FALSO IN BILANCIO PER PIU’ DI 200 MILIARDI DI EURO (CHE E’ L’EQUIVALENTE DEL DEBITO PUBBLICO)?
      IN SOSTANZA LE BANCHE SI INVENTANO DI POSSEDERE DENARO POICHE’ LO CREANO SEMPLICEMENTE ACCREDITANDO UNA CIFRA VIRTUALE SUL CONTO DI CHI CHIEDE UN PRESTITO E INCASSA VERO DENARO PERCHE’ CHI PAGA IL DEBITO BANCARIO FORNISCE DENARO CHE RAPPRESENTA UN REALE GUADAGNO + OVVIAMENTE INTERESSI!
      MA VI RENDETE CONTO DELL’ENORME TRUFFA???
      VI RENDETE CONTO CHE SIA LA BANCA D’ITALIA CHE LA BCE SONO DI FATTO BANCHE PRIVATE E DECIDONO IN AUTONOMIA SULLA POLITICA DI EMISSIONE MONETARIA?
      POSSIBILE CHE LA GENTE NON SI RENDE CONTO DELL’ENORME TRUFFA???

  • Giancarlo Marcotti

    Solo un brevissimo intervento.
    Visto il successo che hanno avuto gli ultimi articoli apparsi su Finanza In Chiaro e, di conseguenza, l’elevato numero di nuovi lettori, sembra doveroso da parte mia precisare che i commenti “normali”, come potete constatare, vengono praticamente pubblicati in tempo reale. I commenti che invece contengono link, per questioni che tutti potete comprendere (spam, virus ecc. ecc.), devono essere prima visionati e quindi autorizzati dalla Redazione, per questo possono apparire sul sito con un certo ritardo rispetto al momento in cui sono stati inviati. Perdonate l’interruzione che, però, mi sembrava doverosa anche per evitare fraintendimenti.
    Ed ora avanti con la discussione, che trovo assolutamente importante ed interessante.

    • Ugo Caira

      Perché alcuni miei ultimi interventi spariscono appena inseriti! Mi state censurando per caso?

      • I commenti che contengono link vengono moderati ed approvati uno ad uno, talvolta può volerci del tempo.
        Non applichiamo alcuna censura tranne nei casi di offese e diffamazioni.

        • Ugo Caira

          Da poco ha ripreso a funzionare! Comunque non erano visibili anche i commenti privi di link! Grazie per la risposta!

  • Aran Banjo

    EH gia’.. invece quella che si studia sui blog e’ vera….. ma perfavore !!

    • Ugo Caira

      E’ VERA PERCHE’ SE TU NON PARLASSI A VANVERA, MA LEGGESSI COME FUNZIONA IL PROCESSO DELL’EMISSIONE MONETARIA CHE E’ UN FATTO CONSTATABILE LO CAPIRESTI DA SOLO!
      SE SAPESSI COS’E’ E COME FUNZIONA LA RISERVA FRAZIONARIA CAPIRESTI COME LE BANCHE PRIVATE STAMPANO MONETA DAL NULLA

      LI ACCREDITANO SUI CONTI CORRENTI QUANDO VENGONO EMESSI I PRESTITI AI CLIENTI E LI SEGNANO AL PASSIVO CREANDO OLTRE ALLA TRUFFA DELLA MONETA EMESSA DAL NULLA ANCHE FALSO IN BILANCIO COME HA DIMOSTRATO L’ECONOMISTA MARCO SABA ALL’ASSEMBLEA DEI SOCI ALL’UNICREDIT A CUI ERANO PRESENTI MOLTI GIORNALISTI TRA CUI SOLE 24 ORE E DA I QUALI NON ABBIAMO LETTO UNA SOLA RIGA SU QUESTA TRUFFA CHE VIENE PERPRETATA DA ANNI E ANNI AI DANNI DEI CITTADINI E DELLO STATO!
      OGNI ANNO LE BANCHE IN ITALIA FANNO UN FALSO IN BILANCIO DI BEN UDITE UDITE… 2000 MILIARDI DI EURO, CIOE’ L’EQUIVALENTE DEL INTERO DEBITO PUBBLICO!
      DEVO AGGIUNGERE ALTRO???
      QUINDI EVITA DI DIRE BAGGIANATE QUANDO REPLICHI… PRIMA VATTI AD INFORMARE!!!!
      GUARDATI IL VIDEO!!!
      http://salvo5puntozero.tv/miscappaladiretta-12062015-con-marco-saba-complimenti-ai-giornalisti-italiani-collaborazionisti/

      • Lulamy

        Ugo Caira ti stimo e vorrei approfondire quanto dici. Ti trovo su fb o altrove?

        • Ugo Caira

          Grazie per la stima!
          Palesati con la tua vera identità, mettici la faccia e poi si vedrà!

          • ChienSabe

            sei un trolli geniale, il mondo ha bisogno di geni come te! e la genialita’ la si vede in questa risposta! scia pò! PREPARIAMOCI ALLE SCIE CHIMICHE TRASPARENTI, questo e’ il futuro!

          • Ugo Caira

            SECONDO ME IL TROLL SEI TU!

          • Ale

            Ugo non ti alterare il web è pieno di idioti che cercano di screditare la verità senza mettere argomenti …sono limitati e parlano di lauree o scie chimiche o alieni senza sapere che molti governi hanno già ammesso tutto ciò ….quindi lasciarli sfogare con la loro ignoranza e continua a informare chi è in possesso di un cervello

          • Ugo Caira

            MI ARRABBIO SOPRATUTTO PER GLI INGENUI DISINFORMATI CHE LEGGONO CERTE IDIOZIE E VI DANNO CREDITO!
            COMUNQUE GRAZIE PER L’APPOGGIO! 🙂

          • Red AlessioRossi Ale

            ahahahahah ma perchè vi scoprite cosi?

            ormai sti trucchi son da due soldi

            perché non argomenti qualcosa TROLL (PAGATO?)

            Dai che cOSI TI FAI RICONOSCERE SUBITO E AVVOLORI LE TESI DI UGO!

            TU per fortuna non sei traparente (nemmeno le scie!) hai solo un cervello traparente ma questo se ne accorgono tutte le persone intelligenti! 😉

      • Grabbi

        Opinioni a parte, perché devi urlare? È proprio irritante. Saluti

    • Gennarino Scalise

      Vorrei ricordare per completezza nel dialogo che Monti per l’ennesima volta sarà fra i quattro invitati italiani al raduno Bilderberg 2015.
      Non a caso è a capo dell’Ateneo di maggior rilievo in Italia in campo economico.
      E’ difficile uscire da schemi mentali che ci sono stati imposti in modo così forte, ma già parlarne è un primo passo.
      Pensa che io ho creduto fino a 35 anni che l’Italia l’avesse conquistata Garibaldi con 1000 soldati.

  • Paolo

    Concordo con Ugo: tutto quello che ci insegnano all´universitá e a scuola in qualsiasi nazione é di matrice statale-nazionalista, quindi non ti verrá mai detta la veritá eccezion fatta per il caso in cui quella veritá coincida com il bene della nazione (in realtá al posto di nazione si dovrebbe dire la veritá ahimé anche in questo caso e cioé una elite dominante).

  • Ugo Caira

    IL DEBITO PUBBLICO E’ UNA TRUFFA! NON E’ MATEMATICAMENTE POSSIBILE RIENTRARE DAL DEBITO PUBBLICO!!! CONOSCI QUALCHE STATO CHE E’ RIENTRATO DAL DEBITO PUBBLICO? QUALE? FAMMELO SAPERE!!!
    IL DEBITO PUBBLICO E’ DESTINATO A CRESCERE IN MODO ESPONENZIALE FINO ALL’INFINITO E SARA’ QUESTO IL PRETESTO PER I BANCHIERI DI APPROPRIARSI DEI BENI DELLO STATO PRIMA FINO AI BENI PRIVATI DEI CITTADINI! E QUESTO COMINCERA’ AD ACCADERE QUANDO FRA NO MOLTO CI SARA’ LA SCOMPARSA DELLA MONETA CARTACEA E IL PRELIEVO FORZOSO SUI CONTI CORRENTI DEI CITTADINI!
    DORMITE… GENTE… DORMITE PURE… VEDRETE CHE BEL RISVEGLIO CHE AVRETE!!!

    • Zedicus

      Il debito pubblico ha poco significato se non lo rapporti al PIL. Se tu in un anno guadagni 10mila euro e hai un debito di 1000 euro e l’hanno dopo guadagni 20mila euro e il debito sale a 1.200 euro la tua situazione è migliorata o peggiorata? Il debito è aumentato, no? Per quanto riguarda il rapporto debito/PIL questo si che può diminuire ad esempio nel 1999 era di 113,70% e nel 2000 è passato al 109,17%, quello che trovo sbagliato è che per ridurre un rapporto devi diminuire il numeratore (debito) o aumentare il denominatore (PIL) e in questi ultimi anni si è puntato esclusivamente alla diminuzione (tra l’altro fallita) del debito.

      • Ugo Caira

        MI PARE CHE STAI PARLANDO LA STESSA LINGUA DEI BUROCRATI!
        TI INFORMO CHE IL C.D. PIL E’ UNA MINCHIATA CHE NON RISPECCHIA NULLA DI REALE!
        CAMBIA LINGUAGGIO… CERCA DI PARTIRE DAL PRESUPPOSTO CHE NON ESISTE ALCUN DEBITO PUBBLICO REALE!
        IL DEBITO E’ LO STRUMENTO PER SCHIAVIZZARE I CITTADINI!
        SPERO DI ESSERE STATO SUFFICIENTEMENTE CHIARO!

    • Zedicus

      Nessun problema a cambiare ‘LINGAGGIO’ anche se ti avevo fatto un esempio banale banale facile da capire.
      Parlerò come parlerei a chiunque dalle mie parti.
      Ti te disi che el debito non esiste? Quindi l’Italia non ga mai speso pí de queo che gà ciapà? Se te me disi che i schei xe spesi mae, son d’accordo con ti ma forse te voi dire che gnanca la spesa la esiste vero? No xe vero che ghe xe un buso nea sanità, che xe deve pagare le strade, la poisia, etc etc
      Par mi te si fora de testa.
      Va bene questo linguaggio? Non è da burocrate, vero? Forse dovevo scriverlo tutto in maiuscolo così si capiva meglio. Ti ricordo che scrivere in maiuscolo equivale ad urlare, tu fai quello che vuoi, chi te lo può impedire, magari per parlare urli anche nella vita reale

      • Ugo Caira

        ORA CAPISCI PERCHE’ USO IL MAIUSCOLO? PER QUELLI COME TE DURI DI COMPRENDONIO!
        HAI SCRITTO QUELLO CHE HAI SCRITTO… CIOE’ UN CUMULO DI STUPIDAGGINI! LE HAI SCRITTE PERCHE’ EVIDENTEMENTE NON HAI LA BENCHE’ MINIMA PERCEZIONE DI QUELLO CHE AVVIENE DURANTE L’EMISSIONE MONETARIA, OSSIA IN CHE MODO LO STATO SI APPROVVIGIONA DEL FABISOGNO DI MONETA!
        TU SAI CHE LO STATO A FRONTE DEL PRESTITO DELLA MONETA EMETTE TITOLI DI STATO (CIOE’ DEBITO PUBBLICO)?
        SE LO STATO INVECE DI EMETTERE TITOLI DI DEBITO STAMPASSE LA MONETA A COSTO ZERO COL SOLO COSTO DELLA TIPOGRAFICO CARTA E LA METTESSE IN CIRCOLO SENZA EMETTERE TITOLI DI STATO OGGI NON AVREMMO IL DEBITO PUBBLICO ACCUMULATO NEGLI ANNI CHE MAI, DICO MAI SI ESTINGUERA’, ANZI AUMENTERA’ SEMPRE IN MODO ESPONENZIALE, AVREMMO UNO STATO CON SOVRANITA’ MONETARIA!
        TU CONOSCI QUALCHE STATO CHE E’ RIENTRATO DEL DEBITO PUBBLICO? SE SI QUALE?
        IL DEBITO PUBBLICO NON HA NULLA A CHE VEDERE CON LA SPESA DI UNO STATO. PERCHE’ (E INCIDI QUESTE PAROLE NEL BRONZO) LO STATO CON SOVRANITA’ MONETARIA SEMPLICEMENTE EMETTE LA MONETA CHE SERVE A COPRIRE LE SPESE CHE SOSTIENE!
        OGGI INVECE CHE FA? NON EMETTE MONETA… SI INDEBITA CON I TITOLI DI STATO PER AVERE DELLA CARTA STAMPATA (EURO) CHE LA BCE STAMPA A COSTO TOPOGRAFICO E CHE PRESTA AL VALORE NOMINALE PIU’ INTERESSI AGLI STATI TRAMITE LE BANCHE PRIVATE!
        MA TU PARLI O SCRIVI CON COGNIZIONE DI CAUSA O PER SENTITO DIRE? IO CREDO CHE SIA LA SECONDA CHE HO SCRITTO!
        INVECE DI PERDERE TEMPO A RIBATTERE STUDIASSI O TI INFORMASSI MEGLIO… NON SCRIVERESTI STRAFALCIONI FACENDO IL SACCENTE!

  • Elmoyx

    ciao ragazzi. Non sono un esperto ma, da quel poco che ho capito, penso che se la Grecia uscisse dall’Europa, è solo colpa dell’Europa. (anzi di quei pochi paesi stile Germania).
    Tutto questo casino di crisi si poteva benissimo evitare, dando i soldi necessari alla Grecia all’inizio del 2008, senza far troppo casino. Stiamo parlando secondo quanto si diceva al tempo, di un’economia equiparabile alla provincia di Vercelli, ora si dice al 2% dell’Europa intera, quindi bazzecole.
    Per me, la storia che chi ha un debito deve pagare è giustissima nella vita reale, non in finanza: quando esistono coperture assicurative sul fallimento di questa o quella nazione (mi sembra si chiamino cover swap) complessivamente pari a 3 volte il denaro circolante in tutta la Terra, non stiamo parlando più di vita reale ma di giochi finanziari.
    Il mercato lo fanno le grande quantità di denaro che vengono spostate in questo o quel momento, con il solo scopo di far guadagnare poche già ricche entità.
    Quindi paesi che devono ridursi tutto e di più, anche a livello di sanità pubblica, per me è impensabile essendo nel mondo civile.

    • Ugo Caira

      I DEBITI DI CUI PARLI SONO DEBITI INVENTATI… IN SOSTANZA UN’IMMENSA TRUFFA AI DANNI DEI CITTADINI, CHE AHIME’ SONO UN PO’ IGNORANTI E SI BEVONO LE CAZZATE CHE I POLITICI, GIORNALISTI, ECONOMISTI, ECC… GLI RACCONTANO!

  • Alessandro

    Cosa volete dirgli?! UN GRANDE ahhahahah

  • Gino Iannuzzi

    QUESTA SITUAZIONE VALGA D’ESEMPIO PER TUTTI NOI : FUORI DALL’EURO IMMEDIATAMENTE , TROVO COSì ASSURDO CHE UNO STATO DEBBA COMPRARE DALLE MANI DI UN PRIVATO LA MONETA CIRCOLANTE , ROBA DA MATTI ( O DA DELINQUENTI??).

  • renato

    SEMBRA SEMPLICE…..LI ASPETTO, QUANDO DOVRANNO COMPRARE IL PETROLIO ED IL GAS, CON LA DRACMA…

  • Mario Botta

    Caro Giancarlo, visto che ti piace eccitare il vespaio e ci riesci da Dio, perchè non fai un articolo sulle ONLUS? sembra che siano a migliaia, coi bilanci…….lasciamo perdere; credo che anche il salumiere sotto casa ne abbia una. Oppure sulle organizzazioni di beneficenza tipo Telethon o la Partita del cuore. Sono specchiate come le nostre attività oppure hanno amministratori “allegri” alla Buzzi?

  • Walter F.

    Non è giusto.
    la germania deva pagare il debito di guerra e non lo paga, perche non lo dite? Perche non dite che la grecia vuole pagare il debito, ha detto anche dove troverà i soldi ossia dal drastico taglio sulla difesa, ma l’europa cosa ha detto? nain , dovete tagliare stipendi e pensioni, che gia sono a 600 euro gli stipendi , dove devono arrivare, dov’era l’europa quando dava e da ancora soldi a destra e sinistra senza un controllo. Questa è una responsabilità collettiva non solo greca. Come mai l’europa non toglie di mezzo i politici che hanno creato questo casino negli ultimi 30 anni? anzi tratta con loro per svendere la grecia ed i suo beni, telefono, energia elettrica, ecc. Informatevi prima di spiegare il problema greco in modo comprensibile.

    • Zedicus

      Quella del debito di guerra è una provocazione, a sto punto i greci potrebbero chiedere i danni anche a noi dato che abbiamo tentato l’invasione, qualche danno la avremo pur fatto, no?
      Se passa questo principio potremo anche risalire alle Guerre puniche, chiediamo ai francesi i danni causati da Napoleone?

  • Gennarino Scalise

    Basta uscire dall’Euro, (sistema di cambi fisso e non moneta).
    Convertono il proprio debito DRAKME, si riprendolno il mano la loro digità di popolo e cominciano una nuova vita da persone libere.
    Forse per avere il massimo dei benefici devono sospendere qualche trattato internazionale per qualche anno.
    Vedrete come cambia la musica.

    • Emanuele

      Poi però nei motori delle macchine ci mettono l’ouzo al posto del gasolio, che non si pagherà in drakme.

      • Gennarino Scalise

        Forse in un primo dopoguerra questo problema potrebbe influire sulla quotidianità della gente comune, ma considera che in un periodo di ricostruzione postbellica ogni nazione deve superare qualche problema. Se si sospendono alcuni trattati internazionali, esistono poi delle misure di compensazione che ormai il popolo non ricorda più, dopo anni di “pseudomercato” gestito da lobby finanziarie ed affaristiche a capo dell’Europa e degli Stati Uniti.
        Però il conflitto è solo alla linea di partenza. Non a caso la Russia sta “de-dollarizzando” la sua economia in accordo con la Cina.
        Ormai la guerra che si sta combattendo utilizza nuovi metodi, l’embargo che applicheranno a danno della grecia penso sia molto più pesante di quello imposto finora come misura ritorsiva per sottomettere il loro popolo, per cui quello che sollevi è solo un problema marginale.
        Considerando poi, che il PIL della Grecia non supera di molto quello di qualche provincia del Veneto mi viene da pensare che si stanno svolgendo solo delle prove tecniche. (Mosca in questi giorni ha rispristinato degli armamenti di cui non si sentiva parlare dagli anni ’80)
        Io mi preoccuperei di quando nelle nostre vetture per mandarle avanti metteremo la Vecchia Romagna.
        Il disegno di questo scenario è tanto vecchio da essere stato anticipato anche da Craxi quand’era in vita.
        Speriamo solo di acquisire velocemente questa consapevolezza collettiva.
        E’ stato un piacere Emanuele.

  • Ivano

    c’è un piccolo particolare però, dove c’è poco da scherzare…..ma con tutti i dipendenti pubblici greci, quando finiranno i soldi, come li pagheranno? Come importeranno benzina e materie prime? Come faranno a sfamare la popolazione? Con che moneta? Peccato che questi piccoli dettagli li dimentichiamo spesso……non c’è molto da ridere…

  • NeroNiglio

    …BINGO…Articolo perfetto!!!!

  • Roberto Rizzardi

    Sopratutto, con un prestito a 30 anni all’1,5%, se hai culo finisci come la Germania, che all’indomani della fine della seconda guerra mondiale aveva debiti per vagonate di soldi, ha strappato quelle condizioni e alla fine si è fatta abbuonare il debito senza restituirlo tutto.

  • Massimiliano

    Non
    è proprio così, mi permetto di dire. I creditori in questo caso hanno
    una grossa responsabilità. Questo documentario spiega bene come sono
    andate le cose. Vi invito a dedicare il vostro tempo per vederlo. “La
    Grecia, il più grande successo dell’Euro”
    https://vimeo.com/122331366
    “Il
    grande successo dell’euro”: così Mario Monti nel 2011 definiva la
    Grecia, all’epoca già colpita da una grave crisi economica e sottoposta a
    programmi di austerità che non davano segni di efficacia.
    E
    in effetti i greci nel film raccontano di una nazione relativamente
    prospera che retrocede a paese in via di sviluppo. Una distruzione di
    ricchezza mai vista in tempo di pace: la disoccupazione è al 26% e il
    sistema sanitario nazionale è precluso ad un terzo dei cittadini. In
    questo scenario, la sicurezza di un pasto diventa il primo obiettivo per
    una grande parte della popolazione.
    L’avvento
    dell’euro rese improvvisamente la Grecia il paradiso dei prestiti,
    mentre oggi la realtà parla di pignoramenti impietosi. Proliferano le
    mense di strada e il numero dei senzatetto aumenta. “Non può accadere
    per caso” – commentano medici e pazienti – che uno stato europeo lasci i
    suoi malati senza farmaci salvavita. Una conseguenza emblematica e
    assurda dell’austerità, imposta per salvare la Grecia e che invece
    scatta come una trappola, letteralmente, mortale.
    Come
    si è arrivati a questo? Nel film lo ricostruiscono alcuni studiosi.
    Vladimiro Giacché e Alberto Bagnai descrivono l’euro come uno strumento
    che ha fatto saltare i delicati equilibri europei a tutto vantaggio
    degli investitori internazionali e dei sistemi industriali nazionali che
    già erano più forti. Alcuni dati sono paradossali: la Grecia, forte
    nell’agroalimentare, negli anni dell’euro diventa importatore netto
    dalla Germania nel settore. Il collasso appare innescato dal debito
    privato e non da quello pubblico, come solitamente si crede. “La
    gestione della crisi riflette un approccio ideologico”, premette Bagnai,
    citando il vice-presidente della Bce, il quale, proprio ad Atene,
    ammise il fallimento delle teorie economiche applicate all’eurozona. I
    buoni livelli di giustizia sociale raggiunti nel ‘900 ora sono spazzati
    da un nuovo paradigma, secondo l’antropologo Panagiotis Grigoriou. Alla
    fine l’espressione di Monti, così stridente, appare in una luce diversa:
    l’euro è un successo per pochi. Oggi il fallimento dell’euro è un dato
    ormai ampiamente riconosciuto: al centro dell’analisi politica ed
    economica resta la ricerca di una via d’uscita dalla crisi.

  • Claudio Nuzzo

    Ma che schifo di articolo! Si legga il tramonto dell’euro di Bagnai e la smetta di scrivere baggianate.

    • Ugo Caira

      Anche Bagnai è uno asservito al sistema! Infatti non dice tutto, guardate cosa mi risponde proprio stamani su Twitter! 🙂 Senza volerlo dice la verità!

  • Zedicus

    Non ho detto che la notizia è falsa, la conosco bene ma per me non può che essere una provocazione o anche una ritorsione, senza disturbare i Punici (cartaginesi più che altro) se la Grecia chiede i danni alla Germania a questo punto anche noi possiamo chiedere i danni alla Francia di Napoleone che di saccheggi ne ha fatti, vedi la Gioconda, oppure quell’invasione ormai risulta prescritta?
    Per come la penso io Napoleone ha fatto molti più danni dei nazisti in Grecia, ovviamente è un opinione non un dogma

    • Walter F.

      Tra Inglesi e Francesi in Grecia ed in Italia hanno arricchito i loro musei a costo zero.
      Per quanto mi riguarda ZEDICUS , per me possiamo scomodare pure Annibale, ma alla fine è la corte suprema Europea che deve dire se abbiamo il diritto di riprendere quei soldi indietro oppure no e nel caso della Grecia ha detto di SI, quindi di cosa stiamo parlando. Se ritieni che ci sono gli estremi per riprenderci i danni Napoleonici mi associo a te, ma la vedo dura.
      Qua c’è un dato di fatto, la Germania ha perso la guerra, ha pagato tutti tranne la Grecia, l’italia ha dato fino all’ultimo centesimo, ed i greci ce lo riconoscono.

  • Walter F.

    Alla redazione, perche non ci spiegate in modo chiaro e comprensibile del debito cancellato alla Germania nel 1953 se non erro la data. E che differenze ci sono ora?

  • Marco Tirinato

    Per come la vedo io, che non sono
    un esperto di economia, la crisi in cui ci troviamo oggi è stata voluta, e la
    trovo una cosa buona e giusta, dolorosa per certi aspetti, difficile da
    affrontare per altri, ma giusta e positiva per noi, e soprattutto per chi verrà
    dopo di noi.

    Negli ultimi anni purtroppo,
    abbiamo avuto una classe politica che aveva ed ha un orizzonte temporale che
    arriva solo fino al termine del mandato. Non avendola loro, non hanno potuto
    trasferirla ed educare il popolo ad averla, con la conseguenza che molti paesi,
    tra cui l’Italia è “ferma” mentre il resto del mondo sta viaggiando
    velocemente verso il futuro.

    Di solito si tende a dare giudizi
    su quello che accade basandoci su un orizzonte temporale di pochi anni, se non
    meno, ma se si analizza la crisi, o meglio, la situazione economica globale,
    estendendo l’orizzonte temporale a qualche decennio, le considerazioni possono
    essere molto diverse.

    Negli ultimi 40 – 50 anni, con
    alti e bassi, l’occidente ha avuto un’economia che faceva stare bene il suo popolo,
    aveva il petrolio che rendeva, le grandi multinazionali occidentali si potevano
    arricchire comprando a prezzi bassi dai paesi del terzo e quarto mondo, per poi
    rivendere a noi a prezzi elevati, si poteva fare tutto a spese di altri,
    addirittura si poteva andare a buttare la nostra “spazzatura”, comprese le
    nostre scorie radioattive, scarti tossici e chissà cos’altro, in quei paesi che
    non si ribellavano perché il loro problema principale era la sopravvivenza;
    parlo di quei paesi di cui tutti noi sappiamo dell’esistenza, di cui abbiamo
    visto foto e filmati di persone come noi che morivano di fame, nel senso
    letterale del termine, o per malattie per noi banali. Popoli di cui non ci è
    mai interessato niente, perché non costretti a farlo.

    Oggi le cose non sono più così, o
    quantomeno stanno cambiando molto velocemente, molti popoli iniziano
    giustamente a pretendere anche loro, un po’ di benessere, di vivere con un
    minimo di dignità, e di serenità, di poter accedere a quelle cure che l’occidente
    ha sviluppato troppo spesso a spese loro, di poter aver accesso a servizi base come luce ed acqua. Tutte
    cose che noi diamo per scontate, ma che non lo sono per altri. Oltre a questo
    va aggiunto il fatto che popolazioni molto numerose come cinesi ed indiani
    vogliono avere il “benessere”. Popoli che non hanno paura di lavorare, popoli
    che non sono stati allevati con “paghette generose” dei genitori, popoli che si
    adattano, e che non hanno nella propria cultura: “ho studiato e quindi non faccio
    lavori manuali”.

    Dopo tutte queste considerazioni è
    evidente che il paradigma che ha funzionato fino ad oggi è obsoleto, vanno
    riviste prima di tutto, la produzione del cibo ma soprattutto dell’energia.
    Basti pensare che qualche anno fa, ad una piccola parte dei cinesi è venuta la
    voglia di mangiarsi ogni tanto un piatto di pasta, e la produzione mondiale del
    grano non era più sufficiente. Se pensiamo poi a quanto abbiamo “sporcato” il
    mondo noi “pochi” con il petrolio, cosa succederebbe se tutta la popolazione
    mondiale volesse accedere alla tecnologia? Il mondo andrebbe in sovraccarico
    energetico, come se si volesse alimentare una fabbrica attaccandola alla spina
    di corrente di casa. E’ evidente che il modello economico ed energetico basato
    sul petrolio va sostituito completamente.

    Alla luce di queste ultime
    considerazioni sul petrolio diventa chiaro che non sono state casuali la caduta
    di tutti i regimi totalitari e violenti del medio oriente, come quello di Gheddafi,
    Saddam Hussein, Hosni Mubarak, ed altri. Anche questi eventi, come la “crisi”
    che noi stiamo affrontando, altro non sono che periodi di transizione, periodi
    che se ben gestiti porteranno le nuove generazioni in un mondo migliore,
    sicuramente più equo e dove la tecnologia connetterà ed amalgamerà sempre di
    più l’intero popolo della terra.

    In passato abbiamo cercato di
    contenere l’aumento demografico gettando sui meno fortunati “sciagure” come l’AIDS,
    l’ebola, l’aviaria, e chissà cos’altro, sciagure che inevitabilmente hanno coinvolto
    anche noi. Sarà un caso, ma da quando è iniziata questa crisi, non c’è più stata
    la necessità di vaccinarsi per quella o l’altra influenza, ogni anno ce n’era una
    diversa, ed ogni anno veniva preannunciata con precisione matematica sia il
    tipo di malattia che sarebbe arrivata ed il periodo. Saranno stati tutti eventi
    casuali, ma sicuramente contribuivano a rallentare leggermente i PIL dei vari
    paesi, ma soprattutto a far guadagnare molti soldi alle case farmaceutiche che
    vendevano i vaccini.

    Questo ultimo punto sembra un argomento scollegato dal
    resto, ma serve non tanto per dare risposte, ma per offrire al lettore un
    ulteriore spunto di riflessione sul fatto che spesso quello che succede
    potrebbe non essere solo frutto del caso, ma di un piano ben preciso, piano che
    appare più chiaro tanto più viene allargato l’orizzonte temporale.

    Concludo queste mie righe con grande fiducia nel futuro, se l’umanità
    riuscirà a superare questo brutto periodo senza danni irreversibili magari causati
    da guerre nucleari o batteriologiche, chi verrà dopo di noi troverà un mondo
    meraviglioso, con una popolazione mondiale con meno differenze, più coesa e
    proiettata al futuro. Anche se attualmente abbiamo una classe politica molto
    mediocre, per noi italiani cambierà poco, non comandiamo il mondo adesso e non
    lo faremo in futuro, siamo troppo pochi e per adesso anche troppo infingardi,
    il tempo dell’impero romano credo che ormai non possa più esistere.

    • Ugo Caira

      PER COME LA VEDO IO… NON CAPISCI UN CAZZO! 🙂

  • Ugo Caira

    COME VOLEVASI DIMOSTRARE!!!!

  • Minarchist1983

    Questo è solo metà del problema.

    L’altra metà è che se la Grecia si rifiuta di pagare ed esce dall’eurozona:

    a) Si ritrova fuori dal credito internazionale, quindi dovrà cavarsela solo coi soldi dei sui cittadini ottenuti anno per anno con le tasse, zero prestiti.
    b) Si ritrova circondata da barriere doganali e di altro genere che impediranno le esportazioni.
    c) Su ogni transazione via dracma sarà imposto un rischio di cambio.
    d) L’inflazione arriverà alla doppia cifra, dal momento che ogni importazione sarà denominata in euro e loro pagheranno con una dracma svalutata.

    • Ugo Caira

      Ci pensa la Russia e i BRICS alla Grecia… magari uscisse!!!

      • Minarchist1983

        Non penso che i BRICS siano molto interessati alla Grecia, ed anche la Grecia non mi pare si fidi di loro.
        Sennò sarebbe uscita dall’eurozona da un pezzo.

        • Ugo Caira

          ALLORA DEVO RIPETERMI… U’ NNA CAPITU NU CAZZU!!! 🙂
          LO SAI CHE LA RUSSIA INTERESSA DA SEMPRE AVERE UNO SBOCCO SUL MEDITERRANEO O NON LO SAI???

          • Minarchist1983

            La Russia intrattiene già ottimi rapporti con Turchia ed Italia, che sono parte della NATO solo nominalmente (in particolare la prima).

            Cosa se ne faccia di avere migliori rapporti con la Grecia lo sia solo tu.

  • Ugo Caira

    COME MAI NON VEDO QUESTO COMMENTO CHE HO INSERITO IN RISPOSTA?

    • Ugo Caira

      E ANCHE QUESTO:

  • Ugo Caira

    NON VEDO GLI ALLEGATI… MI STATE CENSURANDO PER CASO?

  • Ugo Caira

    MI RITIRO DALLA DISCUSSIONE FINCHE’ NON COMPARIRANNO I COMMENTO CHE HO FATTO!
    ABBIATE PAZIENZA… ODIO LA CENSURA!!!

  • Massimo D’Amario

    Sono in accordo con Ugo C. Entrare in Europa dopo i diversi trattati di cessione della sovranità monetaria significa incrementare il debito pubblico a dismisura senza ritorno.
    La finanza è il vero padrone! Sua maestà il vitello d’oro.

  • noncicredo

    Eccallà: sei pugliese, vero? Leccese? 😀

    • Ugo Caira

      Sono semplicemente di questo mondo!

      • noncicredo

        E più semplicemente? Casarano?

  • Laura Tonino

    Analisi terribile e cretinista.

    Da 5 Stelle pretendo molta piu’ lucidita’, molta piu’ profondita’ e serieta’ in un testo che si preopone di essere chiaro, comprensibile… e quindi divulgativo.

    Voto: Due meno meno.

  • Maurizio Baldini

    Dite che il signoraggio è il male, però non avete visto l’ iper inflazione 🙂 fidatevi il meglio del peggio è questo sistema, perchè quello basato sullo stato che stampa denaro finisce sempre con un inflazione pazzesca che si divora i risparmi.

  • Luigi De Benedictis

    Il debito pubblico della Grecia, come quello dell’Italia: una delle più grandi truffe autorizzate della storia. La BCE deve fallire, perchè è la quintessenza del potere mafioso. BANCHE e MULTINAZIONALI, sono oggi, l’incarnazione del Male, organizzazioni malefiche a delinquere. Il Potere di BANCHE e MULTINAZIONALI finirà perchè ci stiamo svegliando da un lungo sonno ipnotico, l’Umanità produrrà un Nuovo Rinascimento come mai si è visto nella storia umana. Tutti gli uomini del pianeta desiderano le stesse cose: vivere in pace, lavorare poco e lavorare tutti, godere della bellezza del creato e degli altri esseri umani, tutto il resto è Noia, il Nulla

  • Luca D Giacinto

    ma che cosa centra lo zimbawe…

  • MassimoCaronti

    Stessa cosa per l’ Italia,Prodi ha svalutato la Lira per andare in “europa”,ora ci vorrebbe una Norimberga e a lui e i suoi compari far pagare tutte le spese….

  • micro77

    non è così semplice, inquanto i creditori di miliardi di euro in generale dispongono di molteplici poteri, politici, economici, militari, che possono spendere su vasta scala. Per questa ragione la partita è molto complessa

  • Andrea F.

    Certo che i tedeschi si sono proprio infilati, ed hanno infilato l’Europa, in un diabolico cul de sac

  • Giovanni Caccavo

    certo, il creditore non ha voglia di ridere, ma possiamo dire che comunque è stato un coglione a prestare senza una valutazione seria del rischio di credito insito in ogni operazione economica? Ecco, l’ho detto! E l’autore dell’articolo non fa un buon servizio d’informazione, giacché la sua analisi è sbilanciata a favore dei creditori (poverini…) e a condannare i debitori. La verità è invece un’altra. I creditori non hanno valutato il rischio di credito perché l’euro ha eliminato i rischi di cambio tra le valute (dracma vs marco). Quindi al creditore è convenuto che la Grecia mantenesse fisso il cambio. Se la Grecia avesse avuto la sua moneta, non avrebbe avuto tali problemi, perché avrebbe svalutato. Il creditore avrebbe recuperato un credito svalutato ma senza il rischio di perdere totalmente il proprio credito (pochi maledetti e subito), Inoltre l’economia del debitore avrebbe avuto modo di ripartire. Invece nella gabbia di matti che è l’€ ciò non è possibile. La stupidità umana è irreversibile.

  • Ugo Caira

    TSIPRAS: UN BURATTINO ROTHSCHILD

  • Golia Grigio
  • Storno

    No, dipende da quanto è ricco il creditore: se può permettersi quella perdita e non ha speranze di recuperarla deve soto massacrare il debitore per far sì che altri non si rifiutino di pagare.. La mafia insegna ed il metodo è molto efficace.
    Il debitore greco dice: dammi altri soldi, ma non ho intenzione di cambiare il sistema che mi ha portato ad essere insolvente. Voglio continuare a non tassare i paperoni armatori per i guadagni all’estero, voglio continuare ad andare in pensione prima di voi, voglio continuare ad avere un’IVA più bassa di voi, … e non voglio pagare il debito perché io ho votato dei delinquenti.

  • Mao Campofranco

    non ho mai letto un articolo tanto fazioso, tendenzioso e pieno di bugie come questo. W la disinformazione.

  • Alessandro Caruso

    Ugo Caira nella semplicità del suo discorso ha ragione oggi i soldi sono semplice carta. Ma ci siamo dimenticati anche una cosa, se s’imprestano dei soldi ad uno stato e questi li ha spesi, questi soldi sono entrati nel circolo dell’economia reale e quindi generano ricchezza. Ora il problema è solo di chi presta se i prestatori sono dei privati allora certamente s’incazzano ma peggio per l’oro. Ma se chi impresta è la bce e quindi una banca che dovrebbe avere nel dna la crescita, in un certo senso dovrebbe chiudere un occhio in quanto se andate sul sito della bce, ha un utile quest’anno di un miliardo di euro. E si la bce è in utile .

  • Ermes Bertolazzi

    Prestereste mai dei soldi ad un nomade?Se si poi non lamentatevi dell’insolvenza!Esattamente come far entrare tutti gli immigrati del mondo e pensare che lavoreranno senza qualifiche in un paese di laureati disoccupati e non venitemi a dire la cazzata degli italiani che non vogliono più fare certi lavori…

  • “Ritornarci i soldi”? Sarebbe meglio usare un italiano corretto per spiegare qualcosa in maniera chiara e comprensibile.

  • Salvatore Cartellà

    grazie!

  • in generale possiamo dire che il creditore ha prestato soldi che gli avanzavano, non che gli servivano per mangiare.

    Il debitore invece, più poverello, ha usato quei soldi per comprarsi la pagnotta.

    E adesso come li stampa i soldi da restituire, con la fotocopiatrice?

    • Mario Botta

      poverello certo ma corrotto e parassita statale con adeguamento pensionistico alla Gronchi/Prodi!

  • Pierattelli Gabriele

    Cari Mariotti….. è la prima volta che sento che la colpa di un furto non è dell’altro ma del proprietario che ha lasciato la porta aperta per andare a buttare la spazzatura

  • Pierattelli Gabriele

    E Paperino che dice??? mio dio….ma andate in biblioteca e prendete in mano un qualsiasi libro di economia invece di credere alle cazzate del primo pseudo guru che trovate a due click dal vostro culo su quella seggiola

    • Ugo Caira

      INVECE DI DIRE CAZZATE… PANSA A CHI HA SCRITTO I LIBRI DI ECONOMIA E PER CONTO DI CHI! IDIOTA!!!

      • Massimo

        Ottima risposta. Idiota a parte. Purtroppo Ugo di cervelli totalmente o quasi condizionati dal sistema in cui viviamo immersi, per me una gabbia sempre più stretta, ce ne sono tanti (non tantissimi per fortuna) e sono realmente convinti di quel che dicono. Devi avere pazienza. LORO NON SANNO DI SBAGLIARE SONO COMPLETAMENTE IMMERSI NELL’IDEOLOGIA DOMINANTE CHE PER LORO E’ L’UNICA FORMA DI VITA POSSIBILE. Ripeto bisogna aver pazienza e buona volontà e vedrai che anche loro un giorno, forse riusciranno a ragionare con la loro testa.

        • Ugo Caira

          PURTROPPO NON SOPPORTO L’ARROGANZA DEGLI IGNORANTI… E QUALCHE VOLTA NON LE MANDO A DIRE… BASTA LEGGERE GLI ATTACCHI CONTINUI… SFIDO CHIUNQUE A TENERE L’APLOMB DA GENTLEMAN! 🙂

          CHE CI VUOI FARE… IL SISTEMA FUNZIONA GRAZIE ALLE PECORE… COME PUOI BEN VEDERE!

          • Melo80SR

            allora dimmi una cosa, visto che non credi al fatto che più moneta emetti, più sale l’inflazione, più il valore della moneta si perde.
            Ti faccio un esempio non con la moneta ma con un altro bene, i diamanti. Perchè un pezzo di pietra che pesa 1 kg a valore pari a 0 e un pezzo di diamante che pesa 1 kg ha un valore di miliardi di euro? Semplice, perchè i diamanti non ne trovi in giro, ce ne sono molto pochi, mentre le pietre sono ovunque, quindi non hanno valore. Adesso usa lo stesso esempio con la moneta. Se in giro c’è troppa moneta, il suo valore si abbassa. Di contro, se abbassi l’emissione di moneta hai il risultato della deflazione.

          • Ugo Caira

            E A TE CHI CAZZO TE LO HA DETTO CHE IN GIRO CI DEVE ESSERE TROPPA MONETA?
            UNO STATO SOVRANO CHE BATTE MONETA A COSTO ZERO… SENZA DEBITO, LA EMETTE SEMPRE PER COPRIRE UN VALORE DI BENI O SERVIZI IN CAMBIO, QUINDI NON ESISTE INFLAZIONE!
            VICEVERSA SI CREA INFLAZIONE QUANDO LE BANCHE PRIVATE COME ACCADE OGGI EMETTONO MONETA SENZA CONTROLLO E IN BASE ALLA RISERVA FRAZIONARIA NE EMETTONO OLTRE IL 90% IN PIU’ DELLA MONETA DEPOSITATA. E OLTRETUTTO SOLO IN ITALIA FANNO UN FALSO IN BILANCIO PER OLTRE 200 MILIARDI DI EURO CHE E’ L’AMMONTARE DEL DEBITO PUBBLICO!
            ORA SE CONSIDERIAMO IL DEBITO PUBBLICO E GLI INTERESSI ANNESSI, IL FALSO IN BILANCIO E QUANT’ALTRO… COS’E’ PIU’ VANTAGGIOSO PER UNO STATO… BATTERE MONETA O INVECE ESSERE SOMMERSI DALL’ENORME QUANTITA’ DI DENARO NON COPERTO DA NULLA, CHE QUESTO SI’ FA CRESCERE L’INFLAZIONE CHE E’ BEN OLTRE QUELLA DICHIARATA?
            POSSIBILE CHE IN GIRO CI SIANO SOLO ASINI CHE SI METTONO IN CATTERDA E SPARANO CAZZATE SENZA NEMMENO RENDERSI CONTO DELLE SCEMPIAGGINI CHE DICONO SOLO PERCHE’ LA TV GLI HA LOBOTOMIZZATO IL CERVELLO?
            BAH!!! E IO PURE CHE GLI RISPONDO!!!!
            MA CHE GLELO DICO A FARE????

          • R.H.

            LASCIA PERDERE QUESTI, MEL80RS! SONO DEI PAGATI DALLA CASTA DI YOUTUBE, HAI VISTO QUANTI VIDEO E LINK CHE METTONO??? PENSI CHE LI METTONO PER FARTI CAPIRE LE COSE A TE? LI METTONO PERCHÉ PER OGNI CLIC LORO GUADAGNANO DEI SOLDI,,, E DOVE PENSI CHE LI PRENDANO I SOLDI PER DARE A LORO….? CHIEDILO A TSIPRARS, QUANTI SOLDI SONO SPARITI IN GRECIA DA QUANDO CI SONO I BLOG SU INTERNET!!!

          • Massimo

            Sei talmente “fuori” che non val nemmeno la pena di perdere tempo in spiegazioni. Ti basti un piccolo suggerimento (tanto non lo capirai): il denaro non è un bene ma una convenzione e come tale non ha valore proprio, non è ricchezza in se e pertanto non può perdere o acquisire valore in base alla quantità con cui è emesso ma in base al rapporto fra esso e i beni/servizi reali che esistono in uno stato in un dato momento e che per mezzo del denaro sono negoziabili. Lo so che ho sprecato il mio tempo a tentare di spiegarti una cosa che per uno che ragiona come te è impossibile da capire ma sai com’è … la speranza è l’ultima a morire.

      • Stefano Balocco

        In pratica i libri di economia sono stampati apposta per lavare il cervello, gli economisti sono tutti dei ladri/corrotti/collusi-nel-sistema e l’unica persona che ha ragione è chi pubblica video su youtube?

        Se domani faccio un video in cui dico che gli esseri umani in realtà cadono dagli alberi invece di nascere, tu dopo ci credi?

        • Ugo Caira

          I LIBRI DI ECONOMIA UNIVERSITARIA SONO PIENE DI PUTTANATE PERCHE’ ANALIZZANDO I FATTI DELL’ECONOMIA REALE LO DIMOSTRANO, NON PERCHE’ LO HA DETTO QUALCUNO SU YOU TUBE!

          QUANDO CAPISCI CHE IL SISTEMA MONETARIO E’ MARCIO ALLE FONDAMENTA E CHE E’ FATTO PER FOTTERE LA GENTE CAPISCI PERCHE’ ALLE UNIVERSITA’ SI LAVANO I CERVELLI!
          TU LO HAI CAPITO O NO QUESTO?

    • Mirko Lepore

      Laurea su youtube… la miglior scuola del web

  • Pierattelli Gabriele

    Certo certo…. Gli asini volano sempre sopra casa tua?

    • Ugo Caira

      SE VEDO CHE VOLI SOPRA CASA MIA TI SPARO A PALLETTONI! ASAINO!

    • Red AlessioRossi Ale

      In effetti con i tuoi commenti l’asino è un laureato confronto a te .
      insulta ebbasta ma dove è uscito questo? che facendo così avvalora solo le tesi di ugo 😉

      fantastico 🙂

  • Antonio Bianco

    Credevo che il caps-lock day fosse un altro giorno

  • Asfalt0

    Bella merda di analisi, solo un genio potrebbe paragonare un paese morente ad uno che si è fatto dare dei soldi e “continua a divertirsi”

    Siete dei COGLIONI, e per l’ennesima volta, l’unica cosa che promulgate e perpetrare con queste cazzate è: il capitalismo è figo, il capitalismo è bello, il capitalismo è l’unica cosa che l’umanità può pretendere, è la cosa migliore del mondo, e OGNI altro sistema economico è sbagliato

    Talmente sbagliato, COGLIONI, che OGNI sistema che non sia il capitalismo ha all’interno altri valori che non siano il profitto, che sono tutte quelle cosine che renderebbero UMANO il fottuto mondo

    Ma no, voi siete dei macachi di merda, e il massimo a cui aspirate è la società corporativa di Blade Runner.
    Quello meritate

    in un mondo in cui esiste un’economia NON REALE pari a X volte quella reale, economia speculativa, voi ve la prendete con un paese in ginocchio

    COGLIONI siete.

    • Mario Botta

      quanto bene comune utilizzi e quante imposte e tasse paghi tu, testa di caz…zo?

      • Asfalt0

        Sentimi, figlio della puttana, invedce di rispondere come lo stronzo che sei con una domanda da idiota, rispondi prima, argomentando, al mio di appunto

        Quanto bene comune e quante imposte pago? Quelle che prevede questo paese, che cazzo vuoi da me?

        Coglione

      • Asfalt0

        Ricorda: vaffanculo

        • Mario Botta

          noli me tangere mentre per te la verità offende, vai a farti fottere tu e il tuo porco comodo. Imbecille.

          • Asfalt0

            La verità offende? Ma COGLIONE, mi hai fatto una domanda e io ti ho risposto

            Tu stai ancora cercando di trovare cosa non và in quello che io ho detto

            Ripeto: non ho detto niente di particolare, solo che definire laGrecia “uno stronzo che si diverte coi soldi prestati dai BUONI E ONESTI E VITTIME di banchieri” è da TESTE DI CAZZO

            fine, ora vai a fare in culo con la tua presunzione, la sua saccenza,e il tuo capitalismo ben spinti su per il culo

            non posso neanche bloccarti su questa merda di Disqus

            vai affanculo

          • Asfalt0

            “Il problema della Grecia spiegato da un coglione capitalista accecato”

            FOTTITI

  • Alessio

    per chi non sa come funziona il debito

  • Alessio
    • Ugo Caira

      AHAHAHHAHAHAH! MO’ PURE ROMEO IL RACCONTABALLEE????
      ECCO… SE VOLETE RINCOGLIONIRVI…. ANDATE DIETRO A ROMEO GENTILE!!!!
      AHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!

      http://www.tanker-enemy.tv/romeo-gentile.htm

    • Zepulece Zepù

      Lefou Ma è un coglione, uno dei più grandi ignoranti della rete hahahhaha e si che se pubblichi un suo video sortisci l’effetto contrario che avvallare la sua tesi, ma per favore xD hahaha

    • Renato Dragonetti

      lo già commentato sto tizio l’ho sputtanato e mi ha cancellato i commenti

  • Sandra

    Ho studiato Economia e sò bene che la maggior parte sono TEORIE non provate. La cosa che vorrei capire veramente è :”Perchè lo spread si calcola rispetto alla germania? Cos’hanno in più degli altri?” Aspetto risposta

    • Mario Botta

      a intuito credo che lo spread si calcoli rispetto alla Germania con lo stesso criterio per cui una donna è considerata avvenente quanto più si avvicina alle “misure” della Belen.
      Una Ave Ninchi avrebbe uno spread intorno al 1000, una Grace Kelly uno intorno allo 0.

      • Sandra

        HA HA HA

  • Red AlessioRossi Ale

    Tesi e argometazioni assolutamente condivisibili.

    La funzione principale delle scie chimiche sono di intelingece e militare.

    smardust
    https://www.youtube.com/watch?v=UDUNgA1bS6s

    saluti

  • ermannofaccio

    Mi spiace…. per i sapientoni della finanza del “ti ho dato i soldi adesso ridammeli PURE CON GLI INTERESSI”, ma purtroppo ha quasi perfettamente ragione Ugo anche se si esprime a caratteri cubitali. Quando si presta per molto tempo, il sistema finanziario incassa troppi interessi rispetto la reale ricchezza circolante e quindi vorrebbe vivere alla fine di mera carta straccia, che lui stesso ha diligentemente stampato… ma non può..perché? Perché, per l’amplificazione a catena degli scambi, complessivamente si sono pagati troppi prestatori di mezzi di scambio, che in un sistema economico perfetto, dovrebbero essere invece quasi gratuiti, ovvero percepire una semplice remunerazione normale per il proprio lavoro svolto. Invece tra anatocismo globale, network borsistici, e finanziamenti multilivello globali, ci troviamo di fronte, – tutte le volte – alla ricreazione di un nuovo network della carta del debito mondiale – . L’inflazione reale globale ( quella che determina la necessità degli stati di aprire nuove guerre, nuovi disordini, nuovi sfruttamenti di territori e persecuzione di popoli) è data – certamente e solo – per l’immissioni sul mercato di continui addebiti per interessi globali, di entità superiore all’accelerazione normale dell’economia globale. I produttori e il terziario per pagarli deve periodicamente aumentare i prezzi. Se ci aggiungiamo il costo di ogni macchina pubblica, politica, giustizialista, fiscalista, espansionista, abbiamo fatto tombola. Gli stati pensano di avere i soldi perché deferiscono la tenuta dei loro conti in ultima analisi alle banche e ai fondi monetari internazionali. Il conto non tornerà mai perché il pil mondiale non ce la fa a pagare il costo delle banche mondiali, dei prestatori di moneta mondiali, e i costi governativi e statali mondiali. Le superpotenze allora fanno accordi per eliminare ulteriormente i costi, inventando trattati scellerati come i TTIP, o alimentando sempre più guerre in paesi stanieri per creare flussi di emigrazione, e ricavi di ricostruzione. I produttori e i commercianti non riescono a creare pil sufficente per pagare immigrazioni, caritas, ricostruzioni, servizi sanitari, malattie sociali derivate da stress dei popoli, interessi bancari e signoraggi. E allora? ci sono nazioni che ristmpano agilmente come giappone, stati uniti e cina, e naturalmente russia… e poi ci sono stati che come contabili si sono scelti degli elementi crucchi e rigidi come i preposti da JUNCKER e LAGARDE ( che quest’estate vanno tutti in vacanza sui panfii dei Rotshid assieme a tutta la Bilderberg ai vari ministeri, bilancio, tesoro, che di immettere nuova moneta sul mercato nemmeno ci pensano, né far partire politiche di rilancio economico men che meno. NON CE LA FANNO PERCHE’ L’UNIONE EUROPEA NON ESISTE ESISTE SOLO UN’UNIONE DI BANCHE CHE PRESTO MANDEREMO A FARE ALTRO. E allora per parare il colpo del blocco dell’economia su tutti i fronti, produttori e commercianti dell’europa de sud prendono provvedimenti per cui i prezzi scendono, ma anche se fanno queto, la domanda cala, perché la gente non ha più lavoro e soldi. Ma aspettate, sapete quale è la ciliegina sulla torta ? Il grande motivo del salasso generale mondiale di liquidità, è sempre come sapete dovuto ai fatti del 2007-2008 quando le più grandi banche mondiali sono fallite sapete per quale motivo? Per la loro stessa perversione diabolica di inventare continuamente nuovi strumenti carta straccia come i derivati dei derivati, oppure i fondi dei fondi, oppure i prestiti dei prestiti, che sono basati come diceva il buon UGO sul nulla!. Nessuno deve più prestare niente a nessuno, i mezzi di scambio sono dei popoli per diritto nativo, il sistema bancario attuale deve essere TERMINATO – E LO TERMINEREMO – e le nuove banche dovranno essere dei meri uffici di contabilità centralizzata al servizio di stati, regioni, comuni e aziende, nonchè privati, SENZA INTERESSI. p.s. il costo delle mafie e delle evasioni sparirebbe se si partisse da questo presupposto: tutti hanno diritto a prelevare – NON SOLDI MA SEMPLICI DIRITTI DI CREDITO – in base ad un loro progetto plausibile e controllato. PUNTO.

    Vuoi di più? Istituiamo da domani che al mondo si paghi tutto anticipatamente, prima di ricevere la merce.. che problema ci sarebbe di pagare interessi per prestiti alle banche o agli stati? Più nessuno.

    QUINDI Noi dobbiamo tendere alla costituzione di un FONDO DI CREDITO MONDIALE in base a criteri personali che assicurino a tutti la possibilità di iniziare a lavorare, in base al proprio progetto controllato e regolamentato, e gli stati devono mettere in condizioni coloro che iniziano un’attività di trovare tutte le facilitazioni possibili, istituendo il pagamento anticipato nazionale e mondiale, e le banche diventino meri uffici contabili con cui pagare regolarmente le tasse sul proprio fatturato. Chi si opporrebbe? SOLO I ROTSCHILD-BILDERBERG-LAGARD-YUNKER E C. PRESTATORI DEI MEZZI DI SCAMBIO.

    Attenzione: non dico che applichino interessi usurari, dico che l’applicazione degli interessi e la mancata prevenzione delle truffe nel pubblico e ne l privato è usuraria.

    NON LO SAPEVATE?

    Solo chi si ferma all’antico testamento e non lo interpreta in buona fede può continuare a far finta di non saperlo.. ma tutti gli altri cioè tutti noi, cristiani evangelizzati, musulmani, o altro…

    SIETE ATEI? ARISTOTELE IN “POLITIKA” citava a chiare lettere “guai a quei popoli che si serviranno di prestatori di mezzi di scambio…”

    siete ebraici o cristiani? ortodossi o luterani? testimoni di geova?

    CFR. BIBBIA:

    1) nell’Esodo: “se tu presti denaro a qualcuno del mio popolo, all’indigente che sta con te, non ti comporterai con lui da usuraio: voi non dovete imporgli alcun interesse” [1].

    2) nel Levitico: “se tuo fratello che è presso di te cade in miseria ed è privo di mezzi, aiutalo, come un forestiero e inquilino, perché possa vivere presso di te; non prendere da lui interessi né utili; ma temi il tuo Dio e fa vivere il tuo fratello presso di te; non gli presterai denaro a interesse, né gli darai il vitto a usura” [2].

    3)nel Deuterenomio: “non farai al tuo fratello prestiti ad interesse, né di denaro né di viveri, né di qualunque cosa che si presta ad interesse.

    Allo straniero potrai prestare ad interesse, ma non al tuo fratello, perché il Signore tuo Dio ti benedica in tutto ciò a cui metterai mano, nel Paese in cui stai per andare a prendere possesso” [3].

    I seguenti passi sono esecrazioni e ammonimenti che in vario modo rafforzano i precedenti divieti presenti nel Neemia, nei Salmi, nei Proverbi, in Geremia e in Ezechiele[4]:

    q Neemia esorta i prestatori di denaro a condonare i debiti o a non esigere interessi dai propri fratelli;

    q nei Salmi viene annunciato che chi presta denaro senza fare usura, abiterà la tenda del Signore;

    q Geremia condanna l’usura offrendo il proprio esempio di uomo giusto ai propri fratelli;

    q Ezechiele ammonisce chi presta a usura ed esige interesse, perché non vivrà, costui morirà e dovrà a se stesso la propria morte.

    Il tema dell’usura viene indirettamente toccato anche in almeno due passi dei Vangeli, quelli di Matteo e di Luca, nei quali il cristiano viene esortato non solo a concedere prestiti in denaro, ma a farlo senza speranza di riceverne mercede.

    Nei Vangeli, tuttavia, si trovano anche due famose parabole, di Matteo e di Luca, il cui insegnamento sembra contraddire il principio dell’illiceità di ogni forma di prestito oneroso.

    Secondo quanto narra Matteo [5], un uomo, in procinto di mettersi in viaggio, distribuisce ai servi alcuni talenti, assegnandoli in base alla sua fiducia nella loro capacità di metterli a frutto. Al ritorno del padrone, il servo che aveva ricevuto cinque talenti gliene rende dieci, e quello che ne aveva avuti due, ne restituisce quattro. Il servo, invece, al quale era stato affidato un talento solo, avendolo sotterrato per timore di perderlo e di sfigurare agli occhi del padrone, non può che restituire una moneta sola.

    Il padrone allora elogia e premia i due servi intraprendenti e operosi, che hanno saputo mettere a frutto il capitale ricevuto, mentre biasima e condanna il servo “malvagio e infingardo” dicendogli: “Avresti dovuto affidare il mio denaro a banchieri e così, ritornando, avrei ritirato il mio con l’interesse”. E aggiunge: “Toglietegli dunque il talento e datelo a chi ha dieci talenti e il servo fannullone gettatelo fuori nelle tenebre”.

    La versione di Luca [6] differisce sostanzialmente soltanto per il numero dei servi e per il numero e il tipo delle monete affidate alla loro custodia, ma riconferma l’approvazione dell’avvenuto impiego del denaro e la ricompensa dell’operosità capace di moltiplicare la ricchezza, ribadendo la condanna della sterile tesaurizzazione della moneta.

    Secondo G. Ragazzini l’Evangelista ha inteso privilegiare il valore simbolico della parola “talento”, un dono di Dio all’uomo, una dote naturale da saper sfruttare ed ha attribuito a tale termine lo spazio del pensiero etico e non quello della dottrina economica[8].

    Note

    [1] Esodo, 22, 24

    [2] Levitico, 25, 35-37

    [3] Deuterenomio, 23, 20-21

    [4] Ezechiele, profeta e sacerdote, visse nel periodo dell’esilio degli ebrei a Babilonia dopo la deportazione del 597 a.C.

    [5] Cfr. 25, 14-28

    [6] Cfr. 19, 12-26

    [7] G. Barbieri, Le dottrine economiche nel pensiero cristiano, Milano, 1954 p. 1115

    [8] G. Ragazzini, Breve storia dell’usura, Bologna 1994, pp. 20-23

    cfr. CORANO

    Sura 2 – Al Baqara

    (La Giovenca) V.275

    275 Coloro invece che si nutrono diusura resusciteranno come chi sia stato toccato da Satana. E questo perché dicono: “Il commercio è come la usura!”.Ma Allah ha permesso il commercio e ha proibito l’ usura. Chi desiste dopo che gli è giunto il monito del suo Signore, tenga per sé quello che ha e il suo caso dipende da Allah. Quanto a chi persiste, ecco i compagni del Fuoco. Vi rimarranno in perpetuo.

    276 Allah vanifica l’usura e fa decuplicare l’elemosina. Allah non ama nessun ingrato peccatore.

    CORANO

    Sura 3 – Al Imran

    (La Famiglia di Imran) V.130

    130 O voi che credete, non cibatevi dell’usura che aumenta di doppio in doppio. E temete Allah, affinché possiate prosperare.

    CORANO

    Sura 30 – Ar Rum

    (I Romani) V.39

    39 Ciò che concedete in usura, affinché aumenti a detrimento dei beni altrui, non li aumenta affatto presso Allah. Quello che invece date in elemosina bramando il volto di Allah, ecco quel che raddoppierà.

    CORANO

    Sura 4 – An Nisa

    (Le Donne) V.160

    160 E’ per l’iniquità dei giudei che abbiamo reso loro illecite cose eccellenti che erano lecite, perché fanno molto per allontanare le genti dalla via di Allah;

    161 perché praticano l’usura – cosa che era loro vietata – e divorano i beni altrui. A quelli di loro che sono miscredenti, abbiamo preparato un castigo atroce.

    HADITH

    (Detti del Profeta)

    160 Da Ibn Mas’ud (r)

    L’Inviato di Allah *** maledisse chi presta ad usura e chi vi ricorre.

    Lo ha trasmesso Muslim

    Al Jaabir (rAa) riporta che il Profeta Muhammad*** disse:

    “Allah (Gloria a Lui l’Altissimo) ha maledetto colui che consuma la Riba, colui che la paga, i due che fanno da testimoni e colui che la trascrive (segretario/scrivente) – e concluse dicendo – ” Essi sono tutti uguali”.

    Il Profeta Muhammad***disse:

    “Non vendere un dirham per due dirham, perché io temo per voi la Riba’ ”

    (Ahmad)

    ARTICOLO ILSOLE24 ORE GENNAIO 2009

    guarda l’articolo originale:

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Mondo/2009/01/finanza-islamica.shtml?uuid=1d6602d8-dfec-11dd-9949-b0cfd0c5e1df&DocRulesView=Libero&refresh_ce=1

    Finanza, le banche islamiche non conoscono crisi

    Asset cresciuti negli ultimi 6 mesi del 20% e raggiunti i 500 miliardi di dollari di patrimonializzazione. Aumentano in Europa le banche rispettose dei principi coranici e, proprio nel momento in cui il mondo finanziario

    occidentale è in ginocchio per gli effetti della crisi dei mutui subprime, la finanza islamica dimostra così una vitalitá senza precedenti. Tanto che, se nel 2007 sono stati emessi 206 bond per quasi 47 miliardi di dollari da questi istituti, nel 2008 la cifra si è ulteriormente incrementata di altri 10 miliardi.

    A rilevarlo è «World & Pleasure», il mensile dedicato al mondo del business e del lusso che ha registrato come le obbligazioni e i fondi fedeli ai principi coranici stiano crescendo in modo esponenziale. Le obbligazioni islamiche, denominate sukuk, crescono di giorno in giorno.

    Il primo bond fu emesso nel 1990, il secondo 10 anni dopo nel 2000. Quell’anno sono state realizzate solo 3 emissioni, per un totale di 366 milioni di dollari. Tre anni dopo sono aumentate a 37, per un ammontare di 5,7 miliardi, e nel 2006 sono stati emessi 199 bond, per un valore di 27,17 miliardi, saliti nel 2007 a quota 206 per complessivi 47 miliardi di dollari. Nel primo trimestre del 2008 sono invece stati emessi 44 bond per 2,3 miliardi. Una crescita analoga è stata registrata per i fondi, dato che attualmente ne esistono 410, quasi 100 in più rispetto a quelli esistenti solo 4 mesi fa. Ma oltre al volume delle transazioni, a crescere a vista d’occhio è anche il numero delle banche islamiche osserva «World & Pleasure». Perfino la National Bank of Kuwait, una delle maggiori del Medio Oriente, ha annunciato il progetto di aprire una banca islamica in Svizzera in partnership con una istituzione Saudita. Nel Paese elvetico esistono giá altre 2 banche islamiche, che si sommano alle 4 presenti in Gran Bretagna e alle 5 operative negli Usa. E mentre si espandono in Occidente, le banche islamiche sono in crescita anche nei Paesi Arabi. È il caso della Siria dove, solo nel mese di marzo del 2008, sono state autorizzate dalla Syrian Commission of Financial Markets and Securities 2 nuove banche private, che salgono così a 11. Tra queste la Audi Bank Syria, una delle prime istituzioni non statali, che ha chiuso il 2007 con un attivo di bilancio pari a 758 milioni di dollari.

    Le prospettive di crescita per i prossimi 5 anni della finanza Sharia compatibile sono stimate oltre il 15% annuo, il doppio rispetto a quelli della finanza tradizionale. Anche perchè, entro i prossimi 5 anni, l’islamic banking sará regolato uniformemente in tutta l’area Euro, così un nuovo importante canale europeo verrá aperto per la finanza internazionale, creando un ruolo chiave nei rapporti tra le istituzioni finanziarie islamiche e quelle occidentali. Ed i numeri del fenomeno finanziario-religioso parlano da soli. Come ha rilevato «Wolrd & Pleasure», 1.400 miliardi di dollari è la cifra stimata nel 2010 dei capitali amministrati dai servizi finanziari che osservano le regole coraniche sulla gestione dei capitali e 300 miliardi di dollari la capitalizzazione annua di Borsa dei titoli conformi alla Sharia sui mercati mobiliari dei Paesi islamici. E non solo. Sono 70 gli indici azionari compilati sulla base della compatibilitá con la norma coranica e 300 le istituzioni finanziarie presenti in 65 Paesi che osservano la Sharia.

    Ma quali sono le regole della finanza islamica? Gli strumenti finanziari islamico-osservanti sono prodotti che non prevedano la corresponsione di Riba (interessi) ed escludano comportamenti economici di Gharar (irragionevole incertezza), di Maisir (speculazione) e di Haram (ciò che è esplicitamente proibito dal Corano). Le regole ruotano tutte intorno al divieto della Riba, proibita perchè non può esservi guadagno deciso a priori e senza rischio: quindi si spartiscono gli utili, ma non si remunera il denaro. È anche proibita la Gharar, termine che sta ad indicare il trarre vantaggio dalla mancanza di informazioni altrui, ed è proibito tra l’altro stipulare un contratto legandolo ad eventi ignoti. nella finananza sharia-compatibile è altamente incoraggiata la Mudaraba, una sorta di venture capitalism ante litteram, dove chi fornisce il capitale corre il rischio di perdite se l’affare va male e chi partecipa con il lavoro corre il rischio di lavorare senza guadagni. Escluso invece il rischio di finire sommerso dai debiti.

    CFR STORIA

    Una distinzione è obbligatoria. Esiste una criminalità borghese, sotterranea, organizzata: e una criminalità di estrazione sottoproletaria, di facciata, legata ad un certo tipo di ambiente sociologico. La giustizia non deve soltanto assistere e confrontarsi con crimini come omicidi, stupri, rapine bensì ha il dovere di soffermarsi su reati che soffocano la gente comune per mezzo di truffe, comportamenti concorrenziali scorreti o usura. Quest’ultima – ovvero il prestare denaro a tassi d’interesse talmente alti, da rendere il rimborso quasi impossibile – non solo è considerata un crimine in materia giuridica o escatologica. Il comportamento dell’usuraio è stato persino condannato nei secoli dalle più autorevoli figure filosofiche e letterarie. L’albo degli interessati conta nomi come Aristotele, Dante, Shakespeare, Dostoevskij e Pound. L’usura fu sempre concepita come male irrisolto dell’assetto sociale del presente e del passato. Tanto che è definita da Aristotele come delitto contro natura e, per Dante, sommo poeta, è riassumibile nei versi: “usura offende la divina bontade”.

    Il poeta fiorentino, nel girone sovrastato dalla figura del diabolico Gerione (canto XVII), guidato negli inferi da Virgilio incontra gli usurai raggruppati tra i peccatori violenti contro Dio. Dopo essersi imbattuto in diversi bestemmiatori e sodomiti, Dante si scontra con i tanto attesi strozzini che descrive come bestie accovacciate sulla sabbia resa incandescente da una pioggia di fiamme tentando inutilmente di spegnere le fiammelle cadute. Essi avevano una sorta di sacca all’altezza del collo, una borsa con somme di denaro da prestare. I banchieri dell’epoca erano condannati alle pene dell’inferno perché non traevano il loro guadagno dall’ingegno ma dal denaro stesso: un circolo vizioso senza fine.

    Shakespeare, altro poeta interessato a questo particolare fenomeno, dedica al tema il “mercante di Venezia “, dove l’infame Shilock, ricco usuraio ebreo, ripudia il generoso mercante veneziano Antonio poiché prestava denari senza interesse. Con il passare degli anni l’usuraio si confonde con il personaggio dell’avaro, usato da molti autori tra cui Molière e Dickens, sino a giungere agli scritti di Dostoevskij che in “Delitto e castigo” impone al protagonista Raskolnikov di uccidere atrocemente una vecchia usuraia che soffocava con i suoi prestiti il quartiere. Qualche secolo dopo, allo stesso modo, al poeta statunitense Ezra Pound risultava inconcepibile che le banche creassero denaro dal nulla, con semplici operazioni contabili, per questo si affermò tra i primi nel novecento come nemico dell’usura, sostenendo che solo lo Stato potesse prestare la moneta. L’idea economica Poundiana è rintracciabile nell’opuscolo “oro e lavoro” dove nella Repubblica dell’utopia il popolo non adora la moneta come un dio e non lecca le scarpe dei borsisti, non è costretto a far guerre per il piacere degli usurai e non lavora più di cinque ore al giorno. L’ideale era quello etico di un’umanità libera dall’avidità di moneta e dalla fatica, con più tempo libero e con risorse gestite ed equamente distribuite da uno Stato Sociale.

    Analizzando in chiave economica opere o scritti che definiscono, da Aristotele a Pound, l’usura come male assoluto, sembra impossibile pensare che questo germe non sia stato ancora eliminato ma che anzi persista e si diffonda sempre di più con il passare dei secoli. L’intero globo salvo qualche eccezione rimane intrappolato in un terribile circolo vizioso. Chi ha proprietà sulla moneta, presta soldi e ne chiede di più al momento del rimborso. Il debitore, persona o Stato che sia, dovrà procurarsi in qualche modo la somma di denaro esatta, in modo tale da pagare interamente il prestito, oltre al tasso d’interesse. Quest’ultimo sarà costretto come un cane che si morde la coda, a chiedere un altro prestito ad un’altra banca, che a sua volta gli chiederà di rimborsarla ad un ammontare di denaro ben più elevato del denaro prestato. E la storia si ripete, inesorabilmente, senza fine

  • Guadalupi Pierpaolo

    Il solito tuttologo di cazzate che scrive un articolo chiedendomi il Like all’apertura della pagina e non alla fine della lettura!!!! Veramente di livello molto basso, non spiega nulla!!! Sarebbe opportuno tornare nel medioevo, mettere in discussione ogni ingranaggio del sistema “anti-economico” e “Monetario”!!! I debitori li conosciamo e i creditori chi sarebbero in realtà? Chi si assume il diritto supremo di gestire la creazione del denaro e prestarlo? Perchè vengono applicati tassi di interesse quando la moneta circolante è inferiore rispetto al dovuto? Chi si arroga il diritto di gestire questo meccanismo dall’alto? Come si permettono? Com’è possibile che ogni millimetro di mondo è proprietà privata di qualcuno? Non si tratta di essere informati o meno su questi argomenti!!! Si tratta di fottersene o strafottersene!!!!! L’andamento lo conosciamo tutti…

  • Luke Massari

    e fu così che vinse il NO. Adesso? ritengo sia una cosa ottima per i popoli, forse non per i conti italiani ma ben ci sta, abbiamo comprato i titoli junk dalle banche per salvarle e speculare… adesso speculiamo sto ca…

  • daniele

    Ah Ah Ah aahaa ahahaha
    Qui c’è gente che crede ancora alle scie chimiche, ai complotti della finanza mondiale, alla cavalcata dei resuscitati ciechi e al computer quantistico che domina il mondo attraverso la congiura dei grigi del quinto livello Alfa… ahha hhahhaah

    Ma siamo seri per favore!

    Li ho visti i video dei sedicenti “guru” del complottismo…
    Sembrano tutti dei fulminati psichici che si aggiustano le cose per farsele tornare.

    Mi diverto di più a vedere l’Uomo che fissava le capre.

  • Francesco Zeno Selva

    il documentario più farlocco e antiscientifico della storia

    • Ugo Caira

      SI VEDE CHE A TE VANNO BENE LE CAGATE SCIENTIFICHE DI ATTIVISSIMO O QUELLE DI SUPER QUARK!!!!

  • Renato Dragonetti

    nel linguaggio “economista” blindatissmo e imbroglione, non viene detta la realtà: un Governo che completamente ricattato dai creditori= banche private, che danno del denaro al Governo greco in cambio di interessi su quel denaro.E’ logico pensare che un Governo è gia al principio insolvente perchè non può dare piu di quello che gli è stato dato.Questo significa che quel denaro in surplus verrà preso dalle tasche dei cittadini, impoverendoli sempre piu.Cosa c’è piu assurdo che un Governo esista sotto il ricatto del vero potere quello bancario?

  • Alessio

    non so nemmeno perchè sto a perdere tempo con cazzoni che pensano di sapere di economia, che mi vengono a dire che il debito pubblico è inventato e che la moneta si crea dal nulla, andate a studiarvi un libro, anche delle medie su ste cose

  • Franco

    Ragazzi svegliatevi. il debito greco è verso le banche europee che hanno finanziato le banche greche che, a loro volta, hanno acquistato titoli europei, armamenti etc. etc……
    I soldi non sono arrivati alla popolazione che adesso, secondo i banchieri europei, dovrebbe restituirli alla comunità di ladri europei! Secondo voi in coscienza questo è logico? Io reputo di no.
    Il popolo greco con il suo capo del governo ( osservate, senza scorta come l’ultimo dei nostri ministri o sotto-segretari o puttana di turno) ha dato conferma, con il referendum,che la Grecia è la vera patria delle democrazia, forse noi siamo stati interpellati sul da farsi dal nostro governo non elegittimatamente eletto?
    Meditate…..Meditate

Video
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale