Mattarella Presidente: evviva la Dc, evviva il cattocomunismo

Giancarlo Marcotti 4 Commenti

Avevano minacciato di fucilarmi, è per questo motivo che ora li ringrazio di avermi dato solo una bastonata, anzi una “mattarellata”, in testa.

Non so se il tutto era stato precedentemente e scientemente studiato a tavolino, forse sì, forse no, ma l’effetto è stato questo, dobbiamo festeggiare per l’elezione di Sergio Mattarella, dobbiamo festeggiare per il ritorno in pompa magna della Dc vecchio stile.

E’ un vecchio modo di “contrattare”, ma sempre molto efficace: si prospetta alla controparte il peggio possibile, e questa sarà quasi felice, per lo scampato pericolo, di accettare una soluzione che, altrimenti, avrebbe ritenuto del tutto insoddisfacente.

Se poi così facendo si violano patti, si manca alla parola, si va contro ad un paio dei dieci comandamenti, non importa c’è sempre la confessione e il sacerdote non può far altro che assolverci.

Personalmente sono stufo, anzi non ho mai sopportato il “teatrino” della politica, ma i nostri politici probabilmente non sanno fare altro, a loro piace, anzi vivono di questo. E’ un mondo irreale, popolato da personaggi di fantasia, un mondo talmente distante dalla vita reale che forse proprio per questo continua a rimanere immutabile.

Naturalmente nulla è per sempre, se sono scomparsi i dinosauri, figuratevi, scomparirà anche la nostra classe politica, io continuo a sperare che ciò accada nella maniera meno violenta possibile, ma ogni giorno che passa temo che sia sempre più difficile una rivoluzione “non violenta”.

E visto che odio con tutto me stesso la violenza, probabilmente, prima o poi, sarò costretto ad rifuggire da un vortice che pare non lasciare speranza, anche se pensavo di aver accantonato per sempre una simile idea.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • Davide

    Niente di nuovo sotto il sole, Italia paese senza speranza.

  • Max938

    Ero ancora bambino ,caro Giancarlo , quando mi posi il problema di “tradurre” il latino “confiteor” e
    mi resi conto con grande sorpresa che non significava affatto “mi confesso” ma “ho fiducia in -“.
    Questa è una delle grandi differenze tra la Chiesa Cattolica e le Chiese Protestanti . Andare nel
    buio di un confessionale per raccontare i propri peccati a qualcuno in “tonaca” e ,avendo vuotato il sacco potersi sentire “puliti” e rigenerati nella propria coscienza liberi di ricominciare a “peccare” fa
    tanto “scopa” con la vendita delle indulgenze . Volevo farti notare di avere dimenticato un importante aggettivo , quando parli del ritorno della DC vecchio stile , la “peggiore” , perché non va
    dimenticato don Luigi Sturzo , il prete liberale fondatore del Partito Popolare , tornato dagli Stati
    Uniti appena dopo la guerra . Inutile raccontare come dal Partito Popolare di don Sturzo si possa
    essere arrivati alla DC dei Fanfani e giù giù fino ai giorni nostri : un incubo politico vissuto dagli italiani seri sulla propria pelle . Chiagni e fotti , questo è il credo della DC di cui parliamo .
    Quanto alla violenza che tu aborri , non possiamo dimenticare il Dio della Bibbia , che punisce con
    un inferno di fuoco i “peccatori” di Sodoma e Gomorra ! Anche il concetto di “umanità” che vieta la
    possibilità di punire con la morte anche chi si macchia di orrendi delitti andrebbe , a mio avviso, rivisto e sottoposto a severa analisi . Ma veramente pensi che appartengano in qualche modo alla
    specie “umana” gli assassini del Califfato Arabo che tranquillamente “sgozzano” esseri umani che
    a loro avviso sono colpevoli per il solo fatto di non rispettare Maometto ? Secondo me è importante non coinvolgere nessun dentista nel ripulire il mondo da questa feccia ! Max938

  • Andreas Schmidt

    Il problema principale temo sia un altro.
    Come ogni inizio anno, il giro di circostanze mi porta a leggere libri che parlano di nazismo, fascismo italiano, o quella gran bellezza dello stalinismo (in succinto, vedi “La fattoria degli animali”).
    E ogni tanto continuo a pensare a Pertini, “non armate la vostra mano giovani”. Alla fine, non sappiamo niente di quello che ha patito quella generazione; hanno pagato con il sangue lo Stato italiano, libero da monarchi nani e incapaci a cui andava bene ogni violenza fascista.
    E il problema di questo lassismo moderno in politica, è il rischiare di allontanarci dall’idea di Stato italiano, la gente non vota perché non cambia mai niente, oppure perde fiducia nelle istituzioni (che era già ai minimi storici) o peggio ancora vede lo Stato come un’entità distanta fatta di tasse e balzelli, che opprime non con il bastone (a volte invece sì, con i manganelli dei poliziotti) ma con misure finanziarie che mettono il cappio al collo.

  • Mario Botta

    magistrato, Siciliano, cattocomunista: per noi longobardi tre aggravanti.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
I più letti
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale