Treno Italo, un disastro annunciato

Giancarlo Marcotti 2 Commenti

Secondo voi quante probabilità c’erano che un’azienda promossa dall’accoppiata Luca Cordero di Montezemolo e Diego Della Valle potesse avere successo?

Stiamo parlando forse dei due peggiori “imprenditori” (so che il termine è fuori luogo) che l’Italia abbia mai avuto, e lo hanno subito dimostrato imbarcando nella società e nominandolo Presidente, Antonello Perricone, colui che in sei anni, dal 2006 al 2012, come Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS, era riuscito, con acquisizioni scriteriate soprattutto in Spagna pagate una follia, a portare l’azienda che edita il Corriere della Sera sull’orlo del fallimento, poi  salvata in extremis dalla famiglia Agnelli.

Insomma il treno Italo aveva deragliato ancora prima di partire!

Adesso ben che vada ci sarà una “ristrutturazione”, verranno probabilmente licenziate 300 persone (o meglio verranno messe a carico della collettività) ed il futuro per gli altri 700 dipendenti è perlomeno incerto.

Ridicole poi le giustificazioni che il duo Montezemolo/Della Valle danno per il loro fallimento, se la prendono con tutti, con la politica innanzitutto, loro certamente pensavano di poter contare su soldi pubblici come hanno sempre fatto i loro predecessori che si sono imbarcati nelle “liberalizzazioni”, dato che in cassa, però, Renzi non ha neppure un euro, soldi non ne sono arrivati.

Ma soprattutto se la sono presa, udite udite, con Trenitalia, rea di “avergli fatto concorrenza con tariffe scontate”, e qui si capisce tutto. Avete inteso? Montezemolo e Della Valle davano per scontato che Trenitalia, essendo un carrozzone pubblico, gli facesse spazio facendosi rubare i clienti proprio nell’unica fascia profittevole, quella dei viaggi più costosi.

Montezemolo e Della Valle non conoscono né riescono a comprendere il termine “concorrenza”, proprio un bel modo di fare “impresa”.

Ovviamente, invece, Moretti ha ristrutturato, perlomeno un poco, le ex Ferrovie dello Stato ed è bastato questo per mettere in crisi NTV (Nuovo Trasporto Viaggiatori) che, già dal nome non poteva che risultare un fallimento.

C’è di peggio?

Certo!

Perché al solito adesso occorre andare a vedere chi ha finanziato questo “carrozzone” (il doppio senso è assolutamente voluto) e naturalmente scopriamo che in testa troviamo Banca Intesa Sanpaolo la cui esposizione sembra essere per centinaia di milioni di euro.

Ma come? Non si trovano i soldi per finanziare la piccola impresa e le famiglie e si trovano centinaia di milioni per finanziare Montezemolo e Della Valle? Ma scherziamo? Non è il caso che intervenga qualcuno per vederci chiaro? La Banca d’Italia ha vigilato sui rischi?

Ora NTV è oberata da 781 milioni di euro di debiti, dei quali 660 milioni con le banche,   soltanto negli ultimi due anni ha perso qualcosa come 159 milioni di euro e nel primo trimestre dell’anno il capitale sociale si è ridotto di un terzo.

Come verrà pagata questa montagna di debiti? Probabilmente mai.

Ed allora Banca Intesa per cercare di compensare le perdite aumenterà le spese e le commissioni sui conti correnti della povera gente? E’ certamente la cosa più probabile, visto che è sempre accaduto così.

Non bastavano a Banca Intesa le mega perdite accumulate con Alitalia? Ci volevano anche quelle del treno Italo?

Basta! Non ne possiamo più di “questa” Italia.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro

Articoli correlati

  • stefano zuccarello

    Buongiorno,non per fare il guastafeste e lungi da me di propormi come professore delle menti insane che circolano sul territorio italiano,vorrei solo fare un osservazione,meritevole credo di attenzione o quantomeno di spunto per un analisi secondo me meno di parte ,a cui l’articolo si dedica.Moretti in quanto a ristrutturazione si è come avete detto occupato solo del comparto di trenitalia più rivolto come pure affermate hai servizi ferroviari rivolti alla classe più ricca.Domando io e i servizi rivolti ai pendolari(cioè normali cittadini?)o alle linee dedicate per il turismo di massa estero e non?Dov’è la ristrutturazione?Dov’è la qualità dei treni in marcia per questa categoria?Già forse perchè è la categoria su cui viaggiano i maiali e ai maiali basta poco per viaggiare a parte il prezzo del biglietto.Biglietto spesso pagato solo dai residenti certi italiani o altri con documenti validi e per cui se non fanno i biglietto se controllati possono fargli la multa.Gli altri?Inoltre i controlli sono molto,molto esigui,forse per la presenza di interi vagoni di immigrati senza documenti.Spesso dopo aver con fatica guadagnato un posto a sedere,chi controlla si rivolge solo agli italiani o simili ,evitando gli immigrati certi(quali sono?indovinate?).Questo perchè al 95% senza documenti(o dichiarano di non averne)ma che ormai occupano una parte importante se non la più importante del trasporto pubblico.Devo pagare io per loro?Sopratutto quando occupano più posti per via delle loro enormi borsoni di merce spesso illegale e contraffatta.Moretti avrebbe dovuto ,invece di far la guerra al comparto degli utilizzatori più ricchi pensare di più ai cittadini normali visto che su trenitalia già FF.SS i cittadini italiani hanno buttato miliardi e non farne una ragione di marketing.Poteva invece di sprecare risorse per contrastare IL DUO ITALO, fare un accordo e lasciargli una fetta per quel settore e ne avrebbero giovato tutti.Poi ci lamentiamo se gli imprenditori utilizzano soldi pubblici a priori(guarda un pò,proprio come ha fatto Moretti in questo caso facendone una guerra personale,per avvantaggiare chi?Con nostri soldi.Proprio il contrario di quello che stavano facendo IL DUO ITALO.Poteva evitare il sig. Moretti a spendere soldi nostri per una guerra che se ITALO fallisse farebbe perdere in qualità e servizi a tutti gli italiani ….e non.Per cui mi permetta di dissentire dalla sua analisi di parte.

    • Giancarlo Marcotti

      Certo che glielo permetto (di dissentire), ognuno è libero di pensarla come vuole. Solo una piccola precisazione, ogni analisi è di parte.

Canale YouTube
COME "ABBATTERE" LA BCE
EURO DISASTRO Perché gli italiani non hanno ancora capito
PIANO B - riprendiamoci la sovranità
FTSE Mib
Gli Ultimi Commenti
Osservatorio internazionale